535. Hanno "spostato" il mux DAB+ EMILIAROMAGNADAB dal blocco 12 D al 10 C. 

Oggi 21 - 11 - 2019 è stato spostato il mux DAB+ TELEROMAGNADAB dal 12 D al praticamente liberissimo blocco 10 C, sempre da Barbiano e sempre in verticale.

La potenza è rimasta uguale, ma adesso si risentirà bene il blocco RAI DAB+ di Monte Venda sul 12 D, e si sentirà in un'area più vasta il nostro EMILIAROMAGNADAB.

Adesso mi sarà più difficile agguantare il TRENTINO DAB+ sul 10 A, e la Slovenia sul 10 D, perchè il CAG della J 6700 terrà conto del segnale più forte all'interno del ch. 10, e avevo pure il pre inserito . . . bah, vedrò gli sviluppi.

[ 1 commento ] ( 46 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 25 )
534. Meccanica Fracarro e viti di plastica. 

Derivatore Fracarro a un prelievo da meno 10 dB, per frequenze fino a 2400 MHz, adatto in una distribuzione dove scendono frequenze satellitari ( e terrestri ), elaborate da una centrale IF - IF con massimo 32 transponder.


Volevano competere con i derivatori ULB dell'HELMAN del tempo, ma con quelle viti nere di plastica, che si mangiavano il taglio quasi subito, gli antennisti gli diedero il ben servito subito: grazie, basta così.


Peccato, perchè l'interno era fatto anche bene, perde 10 nel prelievo e nel passaggio quasi 0, però la "croce" di quelle viti nere di "burro", ne ha ben presto procurata una certa allergia da parte degli "antennisti esperti".


L'HELMAN aveva viti tostissime con la testa di metallo leggermente arrotondata, poi sotto in punta vi era un cilindretto di teflon incastrato, che pigiava l'anima del cavo verso il punto di contatto zigrinato color rame . . . altra classe.


Contatto zigrinato situato in profondità.


Veduta interna.


Articolo 50729Z - DS 2/20 HELMAN, due prelievi in derivazione da - 20 dB, adatto per frequenze fino a 1750 MHz, limite di frequenza IF prima che lo portassero a 2150 MHz.

Adatto per la distribuzione IF - IF degli inizi ( prodotto nel 1999 ).

[ 1 commento ] ( 57 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 33 )
533. Sua maestà il CAVEL DG 113 bianco. 

CAVEL DG 113 MADE IN ITALY 75 Ohm Euroclass Eca EN50117-2-4 CEI-UNEL 36762 C-4 ( U0 = 400 V ) ULTRA HD/4K 24019 m 0

Un cavo così non s'improvvisa, andrebbe imposto obbligatoriamente nelle nuove costruzioni, almeno si partirebbe col piede giusto e si starebbe tranquilli per decenni.

In 100 metri sul ch. 60 UHF perde 16 dB, sul transponder più alto in 1^ IF SAT 2131 MHz, che è quello di SKY su HOT BIRD, ne perde 27, ed è un ottimo risultato tenendo presente che il SIEMENS S43201-L-A di 40 anni fa con dielettrico compatto ( fatto dalla CAVEL anche con una sua sigla CS 75 ), ne perdeva 30 a 1000 MHz, e si usava per tutta la distribuzione dei palazzi nuovi che facevamo noi per la banda TV 40 - 860 MHz.


La guaina esterna l'ho misurata ed è 6,65 mm., l'anima è 1,15 mm., la schermatura è tosta, la matassa pesa 4,2 Kg, un cavo "sicurezza" insomma.

Se mi dessero delle nuove costruzioni da cablare come facevo un tempo col SIEMENS, quasi quasi mi dispiacerebbe andare in pensione, ma visto che non mi succedeva già da tanti anni, mi ritirerò in santa pace.

-------------------------------------------------------


Nicola, appunto, il Siemens perdeva un tot, ma lo sapevi, e sulle frequenze oltre il ch. 60 c'era da grattarsi in testa, però grazie al dielettrico compatto, l'anima era sempre centrata e il cavo era veramente a lungo invecchiamento.

Adesso, dove una volta col cavo Siemens e il segnale analogico, in un condominio ci voleva un 40 dB di amplificazione finale, adesso lo stesso condomino ri-cablato col DG 113, e i livelli inferiori alle prese, richiesti dalle norme per il segnale numerico, basterebbe abbondantemente un 30 dB.

-------------------------------------------------------


Francesco, sulle misure pratiche nessuna, dovrebbe avere una schermatura più elevata del 703 B, ma al momento non so la differenza di prezzo in più.

[ 2 commenti ] ( 49 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 35 )
532. L'importanza di poter preamplificare un segnale DAB+ molto debole. 
Dato che in campo televisivo non ci sono grosse novità ( a parte alcune emittenti presenti nei mux di canale italia, che sono finalmente passate all'MPEG-4 AVC H 264 576 i sempre con visione SD ), parlo di ricezione radio DAB+, dove c'è un po' più di movimento, grazie al susseguirsi di nuove attivazioni di TX in giro per l'Italia.


Qui siamo con il preampli spento e bypassato, però la centrale qualcosa amplifica e già aiuta.


Ad ampli spento l'errore si trova a 60, e la radio se ne sta muta, ma se il segnale aumenta un po' in antenna tanto da arrivare a 50, comincia a sentirsi.

Ho provato ad entrare con l'antenna direttamente nella radio, e segna per un attimo 95, poi cambia messaggio dicendo "servizio non disp.", perchè peggiora di molto il rapporto S/N.

In antenna, lo strumento sul mux "TrentinoDAB1" che trasmette dalla Paganella, mi dice "meno di 32 dBuV", ma chissà quanti sono ( da prove con pre risultano 24 ), anche perchè nello spettro non affiora nemmeno un po'.


Qui ho attivato la preamplificazione interna alla Johansson 6700, che dovrebbe essere fra i 15 e 20 dB ( e che non è presente nelle Televes Avant X ).


Grazie a questa indispensabile preamplificazione, quasi miracolosamente si raggiunge lo scopo di catturare e sentire un mux lontanissimo, di un livello appena "lavorabile di fino", e che altrimenti rimarrebbe precluso dai miei ascolti "DX".

Quindi, questa centrale è per me eccellente / ottima, e indispensabile ai fini di poter ricevere quei mux talmente lontani, e per questo molto deboli, che altrimenti mi potrei solo sognare di sentire.

Questo mux è proprio vicino al limite della ricezione con continuità, però è sempre ricevibile al 98 %, al contrario dei mux RAS che saranno più lontani o irradiati in maniera che qui si ricevono a singhiozzo mooolto raramente.

In campo televisivo ovviamente numerico, sembra che la preamplificazione, quando proprio ce n'è bisogno, non sia miracolosa come avviene per il DAB+, forse per le maggiori portanti che compongono un mux televisivo e i suoi parametri intrinsechi.

Comunque, dato che la J 6700 lavora di CAG solo con segnali al di sopra dei 40 dBuV, è ovvio che la preamplificazione nel caso del DAB+ Trentino dia solo dei vantaggi, se uno non ce l'ha a disposizione, si "attacca".

Perciò si parte da un "95" drasticamente "nullo", si prosegue con un "60---50" incoraggiante, fino ad un "13" variabile, ma pienamente fruibile e gratificante.

Magari si potesse ottenere lo stesso risultato con il segnale televisivo, in tutte quelle zone di scarsa ricezione, che sono direi la maggioranza come estensione.

Io sono quasi sempre in città, e non me ne rendo conto bene come quelli che sfortunatamente lavorano quasi sempre fuori, anche in mezzo a degli ostacoli di tutti i tipi e trasmettitori anche molto lontani, e proprio per questo sarebbe da considerarsi un tipo di lavoro "usurante", andare alla ricerca di un segnale decente, trasmesso da altri spesso male, e quindi non creato da te in proprio, come fare il pane per esempio.

--------------------------------------------


Ciao Francesco, qui sempre 10 emittenti nel mux 10 A, ci deve essere un bell'impianto DAB+ lassù, per arrivare fin qua, seppur al pelo.

Adesso quando ci sarà la ricanalizzazione con i paesi confinanti, voglio ridere, non sarà impresa facile.

Qua abbiamo solo il ch 12 A-B-C-D bello pieno, ma il 12 dovrebbe andare alla Croazia, sarà un casino.

Al nostro switch-off vidi un RAI DUE non dalla Paganella, ma da Col Visentin sul 34 o. ancora acceso x alcuni giorni, preamplificandolo era una bellezza.

Dalla Paganella c'era difatti un 21 ( mai visto ), hai ragione, mi ero scordato che era Col Visentin, mi sono confuso a forza di pensare da dove proveniva il segnale DAB+.

Ciao.

[ 2 commenti ] ( 51 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 35 )
531. Alzata di "prepo" la potenza del mux 12 D, "EMILIAROMAGNADAB". 

Oggi 2 - 11 non ci sono grosse novità, però sono giorni che il mux RAI 12 B, sembra sia stato un pelo abbassato, rispetto alla misura dei 90 dBuV vista in precedenza, adesso sta attorno agli 87 come testimonia la foto.

Ho aspettato appunto alcuni giorni, per vedere di non dare informazioni fuorvianti o poco veritiere.

Io e "i Croati", monitoriamo di continuo . . .

---------------------------------------------

Oggi 28 - 10 è spento il 12 D di EMILIAROMAGNADAB.

Oggi 29 - 10 è stato riacceso, ma le radio sono mute / tornate il 30 tutte, sempre meno RADIONETTUNO.

---------------------------------------------

Oggi 26 - 10 ho ribeccato il mux DAB+ DIGRIS "DIG IO2" sul 10 C, h. 22 circa, e vi erano 3 emittenti nuove: * RTO *, CENTRAL, e SPOON RADIO TS+.

Domenica mattina 27, DIGRIS fortino, con "errore segnale" 0, poi varia spesso.

Puntato verso il lago di Lugano, poi il segnale è svanito.

Alla notizia 503, tabelle DAB+.

--------------------------------------------------------



RAI DAB+ sul 12 B "gioca al rialzo".

Oggi 17 - 10, è di nuovo aumentato il segnale sul 12 B, sembrano i soliti 6 dB, adesso è ritornato il più alto del gruppo, rilievo sempre in antenna a lisca di pesce, e si continua a seguire gli sviluppi con interesse . . .




13 - 10 - Le due antenne per il DAB+ del mux "EMILIAROMAGNADAB", viste da dietro.



Oggi 2 - 10 è stata alzata di 12 dB la potenza del trasmettitore DAB+ sul blocco 12 D di EMILIAROMAGNADAB ( LPV 345 Fr. vert. fissa Bar. ).

Questo in soldoni si traduce, che adesso ci sono 4 raddoppi della potenza che c'era prima, e l'emissione si è allineata agli altri tre blocchi A, B, C.

+3 dB = il doppio, +6 dB = il quadruplo, +9 dB = l'ottuplo, +12 = 16 volte la potenza che c'era all'inizio.

Se supponiamo, fossero stati 15 watt ... 30, 60, 120, con i 4 raddoppi diventano 240 watt come circa gli altri ( credo ).

Quindi dovrebbe sentirsi in una ben più vasta area di quella che veniva coperta prima, con conseguente maggior annientamento del 12 D della RAI di Monte Venda.

La foto si riferisce alla mia antenna fissa, che prima restituiva un panettone molto più basso, adesso è proprio "tonico".

Si spegne però ogni tanto, poi riparte quasi subito.

Che sia ricominciata la "corsa" ai watt . . . staremo a vedere.

----------------------------------------------------------------



1° ) Le due in cima sul paletto del rotore girano, le due fisse sotto puntano a nord: Castelmaggiore e Monte Venda, la 5^ sotto a lisca di pesce è la fissa verticale su Barbiano, LPV 345 Fracarro.

Sotto c'è ancora un'Offel orizzontale su Barbiano di B III^ + UHF come quelle sopra.

Sotto ancora non visibili in foto, due LPV 345 Fr. verso l'Osservanza, postazione dismessa da anni.

2° Palo 28, 35, con R 95 Z Offel puntata fra Slovenia Nanos e Croazia Ucka.

3° Palo 28, 35, controventato, con K 95 D Offel verso Monte Grande, K 95 E Offel ch. 36 - 82 verso Barbiano, K 47 B Offel ch. 21 - 39 verso Barbiano.

4° Palo per la 4 FM COAX orizz. Offel verso Barbiano, con sotto solo dipolo FM COAX verticale omnidirezionale Offel recuperato da una "2 FM COAX".

5° Palo per parabola da 100 Telesystem ( dal 1997 ), con 3 LNB, uno dritto e due inclinati, motorizzata OMNISAT IRTE, alimentato con cavo tv a parte per conto suo ( alimentatore 18 volt >>> interfaccia >>> linea cavo su al motore ).

6° Palo 28, 35, 42, 50, per Teleco UHF 66 El. posta in alto verso Barbiano.

Quindi, è dall' Aprile 2005, che rifacendo tutto tranne i 4 pali ( 1981 ), ho sempre incrementato il mio parco antenne, pronto a qualsiasi nuova accensione, DTT, DAB+, LTE, SAT.

-------------------------------------------------------

Ermanno, si va beh, ma se hanno lasciato inalterate le antenne trasmittenti, non penso che un aumento di tot abbia avuto un'ulteriore aumento dovuto alle antenne, se non le hanno pure cambiate con modelli a maggior guadagno.

Per me avevano acceso a bassa potenza, poi hanno "aperto" per equipararsi agli altri tre mux, vedendo appunto che la RAI non si muoveva per farli spegnere.

--------------------------------------------------------


Sì Nicola, sono state giornatine di propagazione per certe direzioni, e forti attenuazioni per altre, sono cose che da sempre, di tanto in tanto si ripetono.

Poi Ferrara è in mezzo a tutto, con segnali spesso non solidissimi, quindi ci si accorge bene quando la tropo alza la cresta ai suoi massimi.

[ 2 commenti ] ( 94 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 72 )

<Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> >>