111. Il buio oltre la . . . . . l'antenna. 
Cerchiamo di descrivere, cosa si potrebbe ricevere a grandi linee, dopo lo spegnimento TOTALE del segnale TELEVISIVO "ANALOGICO", detto SWITCH - OFF, a seconda della propria configurazione d'antenna, in quel di Bologna (e paraggi).

Partiamo dalle situazioni più facili:

1° Antenna singola, composta da palo di sostegno e una sola antenna UHF orizzontale su Barbiano (in bella vista) = soluzione a un pelo dall'ottimo, visibili da subito i RAI, grazie ai canali, 24 in primis, seguito subito dal 26, 30, 40, poi quelli di Mediaset, e alla spicciolata (si fa per dire) tutti gli altri.

2° Come sopra, con in più l'antenna VHF di banda III^ verticale, anch'essa su Barbiano, e un mix VHF - UHF = l'ottimo, perchè si aggiunge la chiara possibilità, di ricevere anche le frequenze presenti e future (in verticale) sui canali E6, E7, E8, E10, E11, (l'E9 della RAI a Barbiano, dopo 7 anni di attività, si dice ovunque, che verrà spento).

3° Come sopra, ma con al posto dell'antenna VHF verticale, la VHF orizzontale del solo canale (storico) "D" o E5, che ci dà ancora per poco, un gran RAI UNO analogico, e che al momento dello switch - off, diverrà un E5 DTT con i tre RAI del mux 1, con però il RAI regionale Veneto, ma che grazie all'UHF di Barbiano . . . no problem per l'Emilia R.

4° Palo, con le sole 2 antenne, puntate a nord, VHF canale D (o B. III^) e UHF orizzontale, entrambe verso M. Venda passando per Castelmaggiore . . . Chi è quel "semo" che ha fatto un'antenna simile?
Io, perchè il cliente abitava in via Marsala, e verso Barbiano, avevo "solo" la cattedrale di San Pietro che mi impediva di vedere tutte le colline, dalla Romagna al Modenese . . . vi basta?
Costui, dovrà sperare che gli arrivino (forse) il 26, il 30, e il 40 da Venda, se no, ciao RAI optional, per il resto, dovrebbe salvarlo Castelmaggiore, altrimenti Tivù Sat.

Al momento, come antenne singole, se escludiamo i "rottami" di oltre 20, 25, 30 e passa anni, non mi viene in mente altro, anche perchè dall'ottobre 1990, anno in cui la Rai mise a Bologna un Rai Uno in UHF a Barbiano (ch 31), si cominciò a fare molte antenne singole come nell'esempio 1, non so se rendo l'idea . . .

Le "centralizzate". . .

Esistono piccoli condomini, in posizioni favorevolissime per Barbiano, ma al contrario, assolutamente improponibili per Castelmaggiore (and other direction), che per forza di cose, hanno praticamente sul tetto, le antenne viste sopra negli esempi 1, 2, e 3, poi, per dare la giusta potenza di segnale ai condòmini, si sono avvalsi di un centralino - amplificatore VHF / UHF (larga banda) , così da ottenere una visione, come se avessero avuto ognuno, la propria antenna singola. Ma sono situazioni che non rappresentano di certo, la maggioranza dei "centralizzati" bolognesi.

In tutti gli altri casi, dove invece, per dare "IL MEGLIO", l'antennista professionista, era costretto a puntare 3, 4, 5, 6, e anche 7 antenne sullo stesso sostegno, doveva di conseguenza installare obbligatoriamente una centrale a filtri attivi (moduli di preselezione), sicuro del fatto, che così facendo, avrebbe salvaguardato la qualità di quei canali diversi fra loro, ricevuti da diverse direzioni, che nel caso contrario, fossero stati messi negli ingressi di un centralino "multibanda" (I^ - III^ - IV^ - V - UHF), sarebbe saltato fuori un "BURIDONE" di riflessioni (sdoppiature di immagini) da far paura, per non parlare dell'assoluta impossibilità di livellare fra di loro, le emittenti con forte disparità di potenza da parte del proprio trasmettitore rispetto agli altri.

Quindi, ai giorni nostri, questo tipo d'impianti canalizzati, per via della "danza delle frequenze", rischiano di passare per delle "ciofeche", quando invece, opportunamente aggiornati, continuano a rappresentare il "TOP ASSOLUTO" in fatto di poter garantire l'inserimento di questo o quel MUX, senza paura alcuna, di danneggiare la configurazione esistente, ma al contrario, incrementare l'offerta in tutta tranquillità, nostra e del cliente.

Per l'antenna singola Pianorese, si può scegliere la soluzione col mix VHF-UHF-UHF, perchè la direzione Barbiano è unica, e una volta che tutto sarà digitale, i dislivelli su di un privato solo, saranno trascurabili, e i mux forti e medi, dovrebbero farcela quasi tutti.

Da Rastignano a Pianoro vecchio, mi sa anche però, che dove c'erano dei canalizzati, oramai, valga la soluzione tipo l'antenna singola . . .

[ 11 commenti ] ( 417 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1485 )
110. Un saltino in Via Santa Liberata (Bologna). 

Canali analogici VHF Banda 1^: A orizzontale (Di.Tv) e B (E4) orizzontale (7 Gold-Telepadova) in via Santa Liberata attivati a bassissima potenza.
- Prima fila di foto: La ricezione del Canale A analogico, con la relativa antenna trasmittente orizzontale. tempo fa era allocato a Castel Maggiore
- Seconda fila di foto: La Ricezione del Canale B analogico, con le relative antenne trasmittenti orizzontali.
Elio

[ 3 commenti ] ( 143 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 1458 )
109. Interessante filmato di FANO TV sulle problematiche legate al passaggio al Digitale terrestre, per quel che riguarda la sopravvivenza dell'emittenza locale. 
Mi è stato inviato alcuni giorni fa, un link verso una pagina web, riguardante un bel servizio curato da Fano TV, sulle (già adesso) problematiche di ricezione (futura), al momento dello spegnimento dell'analogico per far posto alla sola ricezione in digitale terrestre.

CLICCANDO QUI


[ 5 commenti ] ( 292 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1585 )
108. Veri e propri "tracolli" da parte di Mediaset, dopo il cambio di pannellatura a Barbiano. 
Cominciano ad essere un po' troppi, i casi di canali analogici Mediaset finiti "in cantina" !

1° Caso: via Castiglione 35 (dietro casa mia), Retequattro ch 64 si è abbassato di 25 dB, orrendo, ripiegato mettendo un ch 54 (oltre al ch 49).

2° Caso: via Mascagni 1 (Toscana - Foscherara), Canale 5 ch 24 calato quasi 25 dB, e si vedono 2 immagini ! ! ! Ripiegato mettendo un ch 23 e un ch 49 per poterlo vedere anche in digitale.

Adesso aspetto al varco il ch 35 di Italia 1 . . .

Pomeriggio del 1 - 11 - 2010, parcheggio alto a San Luca (a ovest di Barbiano) segnali dei tre ch 24, 35, 64, calati uniformemente di circa 15 dB (a esser buoni) dopo pannellatura nuova.

Adesso, staremo a vedere i valori che arriveranno sui nuovi canali DTT di Mediaset a dicembre (ch 36, 49, 52, 56, 58, 50 per D-Free),
più quelli di Rai e La7.
Ancora un mese, poi si slegheranno i cani . . . occio ai morsi !

----------------

Guarda Cesare, che quella gente qui non ha visto da subito il 24 e il 64, la cosa preoccupante è che da me, che abito in via Castiglione 63, il 64 è calato solo 2 dB, al N°35, che è più verso il centro leggermente spostato rispetto casa mia, guardando i tralicci di Barbiano, è finito in "buca" pazzesca !
Chi mi sa spiegare quei pannelli bianchi o rossi che vengono in fuori rispetto alla verticale a piombo di tutti gli altri ? ? ?
Lì c'è un segreto ben definito, erano in fuori anche alcuni verdi della pannellatura vecchia, che però era ben omogenea e collaudata . . .

Grazie Lorenzo, era quello che volevo sentirmi dire. Così facendo, l'hai spiegato a tutti, grazie ancora !

[ 9 commenti ] ( 468 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1552 )
107. La storica presa passante, induttiva direzionale, BTicino. 

Vista frontale.


Vista posteriore, con frecce d'ingresso / uscita segnale.


Vista laterale, P sta per passante, D era la derivata.


Veduta dell'interno.


Pacchetto con le due serpentine sovrapposte, ma isolate tra loro.


Il segnale entra nel morsetto con la freccia in ingresso, percorre la serpentina superiore, e fuoriesce dal morsetto con la freccia in uscita.
La seconda serpentina, posizionata sotto a un millimetro circa, preleva il segnale per induzione, e in direzione dello stesso, ne convoglia una parte verso la presa vera e propria, con attenuazione differenziata in funzione della frequenza = sui 40 MHz molta attenuazione (27 dB), sui 200 MHz 14 dB, in UHF solo 10 dB.
L'altro capo della seconda serpentina, verso il lato dove entra il segnale, è collegato a massa per mezzo di una resistenza da 75 ohm (in questo caso stranamente bruciata), forse un televisore in dispersione di A C.


La presa a partitore a due uscite della Theletron, da meno 4 dB per parte.


Curioso splitter a due all'interno, che ricorda come principio, quello del PP 12 Fracarro.


Casa mia, spettro di Barbiano, con l'antenna loga Offel orizzontale di III^, IV^, V^, del rotore. 5 Canali analogici altissimi (22, 24, 26, 29, 34), e altri sparsi molto più bassi, come fai a fare un "larga banda" oggi ? ! ? Parti già malissimo ! ! ! Come fai a pareggiarli, se non hai un "modulare" . . . sul tavolo !


Spettro dei soli canali di Barbiano, dopo i relativi moduli dedicati.
22, 24, 26, 28, 29, 30, 31, 34, 35, 36, 38 dvb H, 41, 45, 48, 52, 53 dvb H, 56, 58, 60, 64, 65, 66, 69.
Il 60 manca perchè è concatenato nella "batteria" degli altri canali, (era all'Osservanza) ma è servito da uno spezzone di cavo che esce dall'ultimo modulo di V^ di Bar, e va dentro al 60, poi l'autodemiscelazione termina con la resistenza rossa da 75 ohm. (non mi tornavano i conti, vecchio . . . ) Il buono.


Spettro totale UHF (21 - 69) ai giorni nostri, ormai conosciutissimo ai più.
Mancano sempre il 59 e il 68, che guarda cas, son qui in dov a go mis i canai di videoregistradur, tant i rompn' al bal ai 58 e 67, can ghe gnint d'analogic, maiàl !

[ commenta ] ( 31 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1632 )

<< <Indietro | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | Altre notizie> >>