26. Ripetitore Rai di Pian di Venola. 








Pian di venola, Marzabotto, Bologna, ripetitore Rai sul ciglio della strada, ideale da fotografare, sconsigliato per i "bruschi al volante".

Probabili frequenze in ricezione da Marzabotto ( che è già a sua volta un ripetitore delle frequenze, credo, E5 o. da m. Venda, 28 o. e 48 o. da Barbiano ) : Rai uno E10 o. Rai due 37 o. Rai tre E.R. 51 o.

Frequenze in uscita dal ripetitore: E orizzontale, 33 o. 36 o. Anche a Vado ( di Monzuno ) il Rai uno analogico G orizzontale, è ancora al suo posto come frequenza italiana !

Si vede che la Rai ha modificato solo i grossi e medi trasmettitori, i piccoli li ha lasciati così com'erano, tanto a che serviva creare disagi gratuiti?

Anche l'E di Loiano, sarà a questo punto, rimasto inalterato. Come cambieranno dopo lo switch-off, sarà tutta una sorpresa!

[ commenta ] ( 36 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 1808 )
25 ... E' arrivata la PANDA panda Climbing Natural Power ! ! !  
In fuga da una banca, da 0 a 100, fanno in tempo a farti il
processo . . .

Ideale per gli over 50 evoluti come me.

Comunque va benissimo, un gioiellino, passare da 85 KW a 44 e 100 chili in più, è stato un salto enorme, ma anche adesso che rispetto a prima ( Uno Turbo i.e. Racing tenuta 18 anni ) sono "fermo", quando c'hai davanti un "lento", rimane sempre un lento, anche per questa Panda, non è mica facile !

Difatti una delle principali cause del traffico, sono appunto i lenti, i "rincorimba", i "telefonari", i "fez", gli "ughes", gli "impex", i "Dove sono ?" "Con chi vado ?" "Chi sono ?" ( Carlo Pistarino a Drive in ).

I . . . scusi capo, un'informazione . . . "per casa mia ?".

E' mai possibile che essendo in fila ad un semaforo rosso, io in decima posizione, vedo da lontano che scatta il verde . . . non si muove mai prontamente quello in pole - position, se incredibilmente lo fa, il secondo, preso alla sprovvista, quando finalmente s'accorge che quello davanti è sparito, dà un'occhiata al semaforo per vedere di che colore è ( visto tutto il tempo trascorso a farsi i "viaggi suoi" ), mentre il terzo "strombazza" e lo distrae.

Passa un lasso di tempo interminabile solo per il "realizzo" sul da farsi, poi decide di "scazzare" l'affrettata partenza spegnendo il motore, così da perdere ancora infiniti secondi preziosi, e dopo, quelli che seguono, si esibiscono a loro volta in altre "imperdibili personalissime performance" di tentata manovra di avanzamento.

Quando alla fine tocca a quello davanti a me, ( che avendo magari la spia della riserva accesa fissa da giorni, rischia grosso, trovandosi il sottoscritto già alterato dietro, per la scena a cui ha assistito ) è già rosso da un pezzo o verde di nuovo, ma prossimo al 2° rosso, questo per dirvi l' "andazzo" che c'è in giro, ed è quasi sempre così, tutti i giorni, da decenni . . . . .

Comunque vada, con questi "personaggini" in circolazione, è anche troppo, mettere a repentaglio l'incolumità di una PANDA panda Climbing Natural Power, 1242 c.c. full optional: specchietti retrovisori elettrici, fendinebbia, colore "grigio perbene" metallizzato, tetto elettrico "Sky Dome" e secondo tetto fisso sui passeggeri dietro, con 2 tendine scorrevoli e arrotolatori invisibili, basta vedere quanti modelli di Panda ci sono in giro per Bologna . . .

Le altre del segmento "piccole" ?

Bah, roba per "donnicciuole" incompetenti, o un po' a corto di liquido, o persone aventi scarsa sensibilità verso le cose belle, e per giunta ben progettate !

Provatela, prima di aquistare una City Car per comuni mortali qualsiasi !

Distinguetevi ! Fiat e poi più !

Oh, poi ognuno è libero di comprarsi "il frullino" che più gli garba.



[ 1 commento ] ( 115 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 1837 )
24. Polarizzazione mista = orizzontale e verticale dallo stesso tx. 
Le 3 foto che seguono, rappresentano tre emittenti televisive di Bologna in analogico, che se ricevute in orizzontale da Castelmaggiore, ( avendo come nel mio caso, nella stessa direzione, il nord, Ferrara, e i canali interferenti del Veneto ) sono disturbate da sempre ! ! !

Sotto al canale 21 di Rete 7 E' TV Bologna, c'è "LA 9" credo da monte Cero ( Veneto ), sotto al 27 di Rete 8 / Telemarket, c'è Telestense da Ferrara, sotto al 33 di Nuovarete c'è ..... un'altra Nuovarete, che non ho mai capito da dove arriva, forse dal grattacielo di Ferrara.

Attorno al 1982, alcuni antennisti bolognesi capitanati da Mauro Alberghini ( ex presidente dell' Antre, oggi Tecnantre ), consigliarono vivamente di trasmettere da quella postazione, in aggiunta alla solita polarizzazione orizzontale, anche quella in VERTICALE, così da sfuggire quasi totalmente, dai canali disturbanti orizzontali, provenienti dal nord.

Così, potendo appunto ruotare un'antenna di 90°, si sfrutta l'altra polarità a noi più utile, e mediamente, si attenuano di 20 dB i segnali disturbanti contropolari indesiderati.

Grazie a questa lungimirante "volpata" di allora, si è andati avanti bene fino a adesso.

Al tv di sinistra, è collegata direttamente per la prova, la loga - combi Offel III^ IV^ V^ orizzontale del rotore, a destra la sua gemella in verticale.

Solo con un'attrezzatura del genere, si può far capire al meglio il concetto, e il reale guadagno che si ottiene sfruttando la polarità opposta a quella usata dal canale disturbante, che in questo caso, trasmette evidentemente solo in orizzontale.

_______________________________________________


Grazie Paolo, e ti dirò di più, in Val d' Aosta, dove la leggenda narra che ogni tre tornanti, si vede un nuovo ripetitore ( rai ), quasi sempre irradia canali in verticale in una vallata, e gli stessi canali in orizzontale giù nella vallata opposta, questo per non accendere tante frequenze diverse fra loro, limitando il fatto, che potrebbero creare sempre più interferenze isocanale.

Poi c'è il problema NEVE, che sulle antenne messe in orizzontale, degrada moltissimo il segnale e può romperle molto più facilmente che in verticale, e non ultimo ( credo ), minori riflessioni globali causa "rimbalzi di segnale" strani, dovuti a montagne che potrebbero fare da "specchio" maggiormente con segnali orizzontali, ma bisognerebbe essere antennisti del luogo, per verificare queste ( non solo mie ) "credenze".







[ 1 commento ] ( 147 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1741 )
23. Mike Bongiorno. 






Caro, Mike, te ne sei andato ( tuo malgrado ), nel migliore dei modi, non hai sofferto, e a parte il "colpo", non hai messo in apprensione per mesi, tutti quelli che ti stimavano e ti volevano bene.

Hai pure "schivato" un non improbabile insuccesso su Sky, perchè si sa, a una certa età, se sei un cantante o stoni o vai fuori tempo, se sei un comico, non fai ridere più come una volta, e così si finisce per essere compatiti.

Tu non te lo meritavi, e così in questa maniera conserveremo per sempre un bel ricordo di una persona che ci ha accompagnato per più di mezzo secolo, regalandoci un mucchio di Televisione di Qualità.

Pagare il canone quando c'erano professionisti del tuo calibro, aveva un senso, adesso che via via si stanno spegnendo i grandi miti...

[ commenta ] ( 34 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1090 )
22. Ci sono mA presunti e mA reali ! 
Se ne imparano sempre delle nuove, e mi riferisco a una discussione apparsa sul DTT FORUM.

C'era uno che chiedeva la differenza fra gli attenuatori di segnale posti nelle immediate vicinanze degli ingressi d'antenna di un centralino multibanda, e gli attenuatori a trimmer montati per esempio nei filtri attivi di canale, detti anche moduli di preselezione.

Gli è stato spiegato che i primi abbassano il segnale che arriva direttamente dall'antenna ( microvolt o dB-microvolt ), i classici 0 . . . 20 dB, i secondi agiscono abbassando ( diminuendo ) la tensione di esercizio ( solitamente 12 Volt ), per far si che il transistor o i transistor ( del tipo a mos - fet, credo ), amplifichino meno del loro massimo ottenibile, e l'effetto sull'attenuazione voluta, è praticamente lo stesso.

Ma non è questo che io non sapevo, la scoperta nuova, è stata che, nel fare la somma degli assorbimenti di corrente ( mA ) di tutti i miei moduli ( 15 mA l'uno ), più i preamplificatori ( 30 mA l'uno fissi, cioè sempre costanti ) ero arrivato a superare i 1000 mA ( milli Ampère ), cioè più di 1 Ampère, quindi oltre la portata massima di corrente erogata ( amperaggio ) o erogabile da parte dell'alimentatore da 1 A dell'Helman.

Ma siccome avrò mediamente tutti i moduli "chiusi" di 1/3, mi sono detto: vuoi vedere che l'assorbimento totale è circa 1/3 più basso di quello che avevo calcolato io.

Difatti, ieri sera, son salito col tester messo in portata "10A DC", e ho misurato l'assorbimento di una parte di moduli piena di "pre", un puntale nel positivo dell'alimentatore, e l'altro sullo spinottino ( che avevo scollegato dall'alimentatore ) del primo modulo della serie bassa, misura = 0,478 A, poi ho fatto la misura sui rimanenti moduli alimentati dall'altro 1A, = 0,283 A.

A questo punto, ho collegato tutto sotto un unico alimentatore, e il risultato dell'assorbimento dà la somma delle due misure precedenti, 0,700 e rotti, cioè nettamente sotto il limite di 1A.

Allora ho disattivato l'alimentatore più nuovo, e lo tengo di riserva, com'era nelle mie intenzioni, qualche tempo fa.

Praticamente, ho sbagliato un po' i conti sugli assorbimenti, per 32 anni . . . meglio tardi che mai.

Pensate se qualcuno commette questi mezzi - pseudo - errori a livello industriale . . . altro che il LED acceso di notte nei televisori . . . anche se per la verità, un 30 % di margine disponibile, andrebbe sempre calcolato ( lasciato ) per non far lavorare troppo vicino al limite, qualsiasi alimentatore o apparato elettrico!

[ commenta ] ( 28 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1454 )

<< <Indietro | 97 | 98 | 99 | 100 | 101 | 102 | 103 | 104 | 105 | 106 | Altre notizie> >>