497. Dopo un'anno, "Johansson 6700 fase due". 

Non si può stare sempre al computer, con le mani . . . in mano, gli occhiali blu da PC indosso, pochi capelli bianchi in testa, e i due "scheletrati" in bocca.

Allora mi sono stancato di non poter lavorarmi la banda III^ con la 6700 a livello condominiale.

Quindi, per liberare uno dei 4 ingressi usati tutti in UHF, e ricavarmi un VHF / III^ per soddisfare le mie "voglie", bisognava rimettere in gioco un modulo HE a 6 celle nel sottotetto, per "miscelare" il ch. 57 vert. da C.M. nel cavo d'antenna di Monte Grande, perchè prima andavano giù 2 discese d'antenna separate occupando due ingressi.

Fatto ciò con buona riuscita, un cavo è diventato "M. Grande + 57", l'altro che era C.M. verticale, l'ho ribattezzato giustamente "Barbiano verticale", così adesso la 6700 è sfruttata a 360°.

Ingresso 1: Barbiano UHF orizzontale TELECO
Ingresso 2: M. Grande + 57 ( Offel K95D + Offel LOGA Full vert. )
Ingresso 3: Barbiano VHF + UHF verticale ( LOGA Fracarro LPV345 )
Ingresso 4: Croazia UHF ( Offel R95Z )

La foto sopra fa vedere che da M. Grande ho preso singolarmente il 50, e grazie al modulo nel sottotetto del 57, ho potuto impostare la programmazione a 2 ch. per l'accoppiata 56 - 57, usufruendo convenientemente di un cluster solo ( dei sempre 32 che dispone ).


Adesso l'ingresso V/U 3, che prima era sprecato solo per il 57 vert. di Retecapri, è diventato un'ingresso di III^, e ci posso mettere quello che voglio: 6 - 9 - 12B e C, oppure cambiando qui da basso col rotore, metto il cavo dell'orizzontale a nord, per fare 5 + 6, o solo 6 quando a Barbiano è in OFF, oppure con la verticale, il DAB 12A e 12D dal Veneto . . . insomma un po' di tutto su tutte le prese, in tempi semi-immediati.

Mentre ero su, ho tolto per forza il diplexer VHF - UHF BEFER ( unendo gli spinotti maschio e femmina ), che combinava l'UHF proveniente dalla mia Johansson con la banda III^ di Barbiano lì presente, e che poi insieme scendevano come montante condominiale.

Con la banda III^ NON sfruttabile, avevo come le mani legate, adesso posso al volo programmare un D ( E5 ), per vedere come va su tutti i TV spostando solo un cavo.

------------------------------------------

20 - 08 - 2018: Riattivazione h 24 della centrale modulare HELMAN nel sottotetto per il condominio.

Siccome ho incontrato l'unico inquilino oltre a me che sta al piano terra, mi ha fatto notare che a volte gli compariva la scritta "assenza di segnale", allora gli ho spiegato che ero io che smanettavo la 6700 da casa mia.

E' rimasto un po' interdetto, così ho deciso di servirlo come una volta da lassù, così non avrà più "interruzioni impulsive" causate dal sottoscritto, che essendo iperteso, posso essere anche impulsivo a volte . . .

A questo punto ho staccato l'arrivo in camera mia dal primo derivatore - 20 dB, mettendo una bella resistenza di chiusura sul cavo, poi ho sfruttato una linea che andava dal derivatore a qui dal PC, RIBALTANDOLA, così l'ho usata come uscita della 6700, e l'ho messa nell'ingresso del - 20, rialimentando tutto l'appartamento con la stessa visione di prima.

Così adesso gli appartamenti 1 e 3 vedono come un tempo con la modulare HELMAN + OFFEL 30 dB super top, io che sono il 2 con la 6700, smanettabile senza ledere ( vacca che termine ) gli altri due, e la donna là in fondo che vede sempre con la loga fissa su BARBIANO, quindi sempre fuori causa ( "filosofia della casa" ).

Siamo a posto, se arriva un temporale posso scollegare / salvare da qui la 6700 senza portare via il segnale agli altri, vést ca l'ho paghé mé, ai téin cl'an sèlta brisa.

---------------------------------------------

27 - 08: Ultima modifica tipo "ciliegina sulla torta".

L'uscita del modulare incontrava subito i due CAD 13 FR del sottotetto, poi il montante scendeva nelle scale fino al mio piano, incontrava il div 3 per i 3 appartamenti, poi lì attaccato alla linea del 3° piano vi era il CAD 11 col prelievo che tornava nel sottotetto per la presa di prova condominiale.

Ma quei 2 CAD 13 mi perdevano 3 dB di passaggio sul montante condominiale, e avevano sempre il segnale più alto, non era una bellissima configurazione già da subito.

Allora ho tolto il div 3 al mio piano, gli ho messo un bel div 4, ho numerato i cavi: 1, 2, 3, e 4 che è sempre quello che mi torna su nel sottotetto, così ho anche eliminato il CAD 11 sulla linea 3, poi lassù ho collegato il 4° montante ai due CAD 13 di prima, chiudendone l'uscita del secondo con resistenza da 75 ohm.

Delle 6 linee dei CAD, due stanno lì per utilizzo sottotetto ( TV e strumento ), le altre quattro scendono sempre in camera mia tramite la canna fumaria in disuso.

Quei 3 dB recuperati nel sottotetto, non li ho persi con la sostituzione del div 3 con quello a 4 vie, e adesso la distribuzione è anche tutta più lineare . . . il sottotetto è come se fosse diventato l'appartamento 4, difatti è la mia "seconda casa".

Dulcis in fundo, avevo ancora una porta libera qui dall'ultimo derivatore da - 16 dB a 8 prelievi, allora grazie a un cavo che tornava su per la canna, lassù l'ho battezzato "prog johansson 6700", così posso fare confronti rapidi con le due centrali, per vedere le differenze sugli stessi mux mentre sto "starozzando" i moduli HELMAN.

E quaggiù dal PC, so sempre se il modulare funziona bene, e quanto segnale in presa hanno gli altri due appartamenti ( da loro in casa è tutto a CAD FR, come lassù nell' "appartamento 4" ).

[ commenta ] ( 10 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 185 )
496. Amplificatore di linea N.E.L. mod. LUX 501, serie MAXI. 

La N.E.L., nuova elettronica lecchese di Lecco, viene qui rappresentata da uno fra i suoi innumerevoli prodotti d'antenna: l'amplificatore di linea da 40 dB in UHF e 35 in VHF.

Qua da noi, con tutti gli impianti di quartiere che abbiamo ( più o meno estesi ), trova applicazione come sottocentrale di fabbricato, e cioè ha preso da tempo il posto del centralino d'antenna in loco, perchè una volta lì vi era l'antenna centralizzata condominiale ( e così per gli altri palazzi ), mentre ora ve n'è una sola altrove, poi segue tutta una distribuzione di cavo primaria a suon di derivatori a scalare, che va a servire i vari caseggiati, con segnali in arrivo attorno ai 70 dBuV, che alimentano appunto questi "finali" ad hoc.


Il coperchio si apre in maniera originale, tipo "scatola di cioccolatini".

A sinistra si vedono i due registri rossi, uno è il "tilt" / equalizzatore UHF ( molto utile ), e l'altro è l'attenuatore UHF.

Spostandoci verso destra nell'altra "stanza", vi è un'interruttore verticale a molla ( jumper ) per la telealimentazione, più in alto un commutatore a slitta per inserire una trappola LTE 4 G.

A destra in basso vi è l'altro attenuatore per il VHF, e l'ampli funziona con un alimentatore esterno da 5 volt 1,8 Ampère.

l'oggetto è contenuto nelle dimensioni, ma tosto nelle prestazioni, e dichiara un basso consumo energetico di 6 watt.

Ho provato a vedere fino a quanto si poteva uscire con la potenza, visto che il dichiarato di 127 ( 134 ) dBuV in UHF era uno dei più alti mai visti, e difatti per arrivare a un degrado dei dati significante, ho fatto quasi fatica.

Direi che i 113 dBuV in UHF vengono raggiunti senza compromettere un buon risultato, quindi è un ottimo finale per quei grandi condomini ostici, come perdite di segnale causa cavi vecchi ( che andrebbero tutti sostituiti, ma difficilmente si fa ).

A questo punto, la combinazione / accoppiata Johansson 6700 >>> N.E.L. LUX 501, rappresenta un "TOP ASSOLUTO" verso il grande impianto condominiale avente tante prese . . .


I tre gestori LTE a casa mia, senza trappola LTE attivata all'interno dell'amplificatore.



Dopo con trappola LTE inserita, si nota ancora quasi tutto il panettone di WIND, però deve essere molto forte in zona per creare problemi veri in altri contesti di utilizzo di questo ampli, poi negli impianti CATV arrivano i segnali tramite grossi cavi coassiali, e l'LTE viene già neutralizzata a monte dalla centrale di testa / pilota.

[ 1 commento ] ( 53 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 175 )
495. Fading ricorrente in ricezione dal lontano Monte Venda. 

Proprio adesso in diretta, sto prendendo un lungo periodo di segnale criticissimo, probabilmente dovuto al caldo umido, e si può dire che capita tutti gli anni in questo periodo.

In VHF questi tracolli gli ho sempre notati di rado, e sono anche di ore, al contrario dell'UHF dove sono più numerosi e più repentini come sbalzi di potenza in arrivo.

Qui è uno "spernacchiamento" continuo, con barra del QEF semi-inchiodata, mer 19 / 20 dB.

La ricezione è uguale sia con il mega-canalizzato che con la loga del rotore che si trova due metri più in alto.

Sembra che il periodo sia la seconda metà di Luglio, temporali rinfrescanti permettendo, e il fenomeno mi ricordo, interessava circa tre giorni prima di riassestarsi verso un segnale "normale" come di solito si disponeva.

Diciamo che in digitale non mi era ancora capitato di vederlo in tutto il suo "splendore", ma il disservizio è lo stesso di quando eravamo in analogico, e sta perdurando costante nel tempo che sono qua a scrivere, se non si vede non ci si crede.

Stasera potrebbe arrivare la Croazia con potenze da record, succedeva sempre così con queste propagazioni anomale = quando Venda era OUT, Slovenia e Croazia a PALLA in UHF, più L'E6 e L'E11 in banda III^, e ci mettiamo pure il ch. 22 del secondo canale proveniente da "Udine Baldasseria" Via Palmanova, che batteva il 25 di Venda ridotto a "super debole", è sempre stato così da quando seguo la TV dal 1963.


Chissà quando è cominciato il peggioramento, adesso è costantemente a mosaico, salvo qualche piccolo accenno di ricomposizione dell'immmagine, ma poi ri-peggiora con mosaico fermo.

E' di una "costanza" che meraviglia, anche se son sempre meno qua a Bologna, quelli che hanno solo il mux UNO ricevuto sullo 05 di Venda, e non dispongono del migliore di zona ch. 24 UHF da Barbiano.

E "questi", cosa hanno intenzione di fare nel prossimo futuro ???

Mettere il mux UNO in BANDA III^ in tutta Italia, con qualche "cerotto" in UHF per zone sfigate secondarie . . . ( ci vorrà una farmacia )

Prepariamoci ai "disturbi impulsivi" di sempre col digitale in VHF, per via della frequenza più bassa dell'UHF, e mettiamoci anche queste incontestabili "performance", conosciute da sempre con i canali RAI in VHF.

Adesso siamo arrivati al cartello del decoder "NESSUN SERVIZIO", quindi la situazione è peggiorata ulteriormente, di poco ma peggiorata . . . se sto qui ad aspettare che ritorni ai livelli soliti quasi TOP ( parecchi giorni ), potrei scrivere un romanzo.

Vi terrò al corrente della situazione, adesso sono le 18:20 di venerdì 20 Luglio.


Questo è proprio un fenomeno, sono le 19:30, il D a nord verso Monte Venda va sempre a mosaico come un'ora fa.

Ho girato il rotore quasi a sud, è c'è un punto dove il segnale migliora come MER, l'immagine è perfetta e non si capisce come questo avvenga, e c'è pure più potenza, sembra di prendere un rimbalzo "favorevole" . . . ma da dove ???

Se arrivasse un'altro D da nord, si potrebbe capire perchè quello di Venda risulta disturbato, ma così si stravolge qualcosa che non si spiega facilmente.

Anche una volta in analogico, si vedeva meglio un canale sul G con l'antenna girata dall'altra parte, l'emittente privata proveniva sempre da nord, ma sotto vi era un G già in digitale, e allora girando l'antenna tutta a sud, l'immagine migliorava molto, perchè si attenuava di più quel digitale disturbante ( "nebbia" digitale ).

Sembra pure che la potenza di Venda non sia nemmeno calata di molto, è proprio la qualità che sta ancora andando a pallino, e io sto monitorando due situazioni contemporaneamente: il D del modulare e il D del rotore girato altrove, il quale va molto meglio . . . saranno i fenomeni prima dell' uragano che potrebbe arrivare qui.

Quanto vorrei qui un luminare dell'alta frequenza RAI, per sentire come mi spiega questa situazione al limite della credibilità.

Sembra un disturbo qui in zona che però col rotore riesco ad attenuare . . . ma chi è che sta a disturbare un D, ipotesi molto remota, non mi resta che aspettare, d'altronde il periodo climatico è proprio questo.

Aspettiamo.

---------------------------------------


Everardo, sono le 6 di sabato 21, i dati non si sono mossi, Cima Penegal è lassù e non intralcia col suo D neanche Venda, il disturbo è sempre quello, sembra qui in zona o sembra che Venda "esca male", ma se girandomi un po' migliora, non può essere così.

Sono andato nel sottotetto a staccare un'alimentatorino switching "sospetto", ma non era neanche lui, e dall'antenna diretta è già così, è impossibile che da entrambe le antenne di III^ + UHF, il difetto risulti identico per colpa delle antenne.

Apparati strani nei paraggi, a parte la cella telefonica di TIM, non ce ne sono.

Se venisse a mancare corrente in zona, potrei con lo strumento vedere se il disturbo scompare, va a batteria, ci vorrebbe il furgone RAI con Venda che spegne per alcuni minuti, ma quello si fa in casi eccezionali per vaste aree.

---------------------------------------



E' quasi mezzogiorno e il disturbo / fenomeno è sempre invariato, neanche fosse l'antenna FR di banda III^ "BLV6F" del condominio adiacente, che fa da trasmettitore causa centralino loro impazzito e generatore di armoniche sul ch. E5, dato che si trova abbastanza vicino alle mie . . .

Il segnale in potenza che mi arriva dal Venda, in 12 ore, + o - 2 dB è rimasto costante, la temperatura alle 5 di mattina era anche molto più bassa, ma qui il malfunzionamento persiste che sembra "quarzato".

Ho tempo . . .


Sono col rotore verso il D e Castelmaggiore per l'E6, e ho del "casino" prima del D e anche il mux E6 va per un pelo con la barra oltre il QEF, mer 24,5, cber 1,7E-2.

Si dovrebbe smettere di trasmettere segnali TV in banda III^, ormai c'è troppo bailamme, è sempre meno affidabile.


In casa con l'antenna a "baffo" dei Mivar, c'è rumore su tutta la banda III^ ( per non dire VHF ), quindi può essere che nell'aria sul tetto, vi sia interferenza diffusa su tutta la banda, così si spiegherebbe anche la cattiva ricezione dell'E6 orizzontale.

Se quei 47 dBuV che misuro in casa, corrispondono realmente a qualcosa che è nell'etere, posso stare "fresco" che il D vada, che me ne dà 56 in antenna.

Il rapporto segnale / rumore-disturbo del D difatti è alquanto basso, va dai 14 ai 22 di continuo, passando per i valori intermedi.

Adesso, solo un temporale potrà variare qualcosa sulla propagazione, su di un disturbo di zona no.

Vi è anche una centrale di trasformazione dell'ENEL sottoterra in via dell'Oro, qua vicino, e non escluderei che fosse quella a creare tutt'attorno l'interferenza in banda III^, o anche qualcosa derivante dalla cella TIM qui fuori.

A disturbare i 177,500 MHz in digitale, ci vuole poco.

Sono le 16, sta piovendo e non cambia una "cippa".

---------------------------------------

Mah Cris, o è così, o è quel lungo periodo di malfunzionamento estivo ricorrente, paragonabile alla "panchina lunga del Milan" ( da "Sportacus" o "Telemeno" o "Fiori di zucca" del passato ).

---------------------------------------

Everardo, da me ci son solo io, gli altri due non ci sono, le caldaie erano in voga nel passato . . . il condominio del N° 61, quello della FR 5 - 12, potrebbe essere, ma chi se la sente, poi basterebbe disattivare il differenziale dell'antenna o luce scale.

Potrei andare sul tetto col baffo, e vedere come appare la banda III^ . . .

---------------------------------------

Andrea, anche tu sui blocchi, qui h 21:30 siamo sempre a mosaico scarsamente variabile, ogni tanto ce la fa ma dura pochissimo, domattina col fresco vado a fare il rabdomante col baffo vicino all'antenna FR dei vicini . . .

---------------------------------------


h. 12:30, sono andato nel sottotetto alle 9 col baffo, poi sul tetto, però mi sono accorto adesso che tutto quel rumore nell'ultima sesta foto è dato dal collegamento del cavo SCART allo strumento, e in più dall'accensione del Samsung che vi è collegato, e una volta spento e scollegato lo SCART tutto il rumore scompare.

Anche il Samsung di destra acceso crea zizzania, e come l'altro il disturbo è maggiore con l'immagine presente, in AV buio cala di molto.

Questo spiega perchè nel sottotetto con i Samsung spenti e lontani, non vi era traccia di rumore.

Sul tetto a baffo aperto e braccio alzato, sono arrivato a 45 dBuV sul D, e avevo anche il panettone dell'E6 adiacente e sempre un po' più alto.

Ho provato a vedere l'immagine di RAI UNO, e quando l'agganciava aveva sempre le strisce orizzontali di mosaico come in casa, ma come prova non vale perchè a quella potenza lo strumento fa così quando si trova fra il vedo e non vedo.

Muovendo il baffo in lungo e in largo per far abbassare il panettone del D, si vedevano affiorare dei picchi all'interno dei 7 MHz, però anche lì lo sappiamo che se abbiamo poco segnale utile, tende a saltar fuori qualcosa.

Intanto qui l'andazzo è sempre lo stesso, e anche la barra del QEF dell'E6 è lunga come quella del D, però c'è un mer migliore a 27, e cber basso a 1,4E-2, e non squadretta.

Quando avevo la 6D STRATOS Offel più in alto e spostata su altro palo, avevo almeno 6 dB in più di potenza sempre rispetto alla loga del rotore, ma adesso non l'ho più e non posso fare un confronto diretto . . . poi si mangiava il panettone sulla destra, e l'ho rimossa anche per quello.

Ho provato anche adesso, mi son girato indicativamente verso l'Osservanza e il mer migliora come nella terza foto sopra, e smette di squadrettare.



Qui sono verso Venda, e ho più potenza ma meno qualità.



Qui sono verso tutt'altra direzione, dove anche a scapito della potenza ne guadagno in qualità ( mer e ber ), e le immagini non squadrettano più.


Non è una circostanza che non si sia mai vista, però è il rimanere quasi stabile che meraviglia, poi anche il punto di ritrovato funzionamento che è sempre quello.

E c'è anche da dire, che la direttività delle loga ad "albero di Natale" sulla frequenza del D, ha sempre fatto molto ma molto "ridere" . . . i due elementi più lunghi, anche girati di 180° guardano sempre il trasmettitore, quindi la potenza cala di poco.

Io poi, dietro e non tanto distante, ho sempre il campanile con una delle quattro pareti, che se fosse di lamiera ( ma è di mattoni e forse davvero un po' riflette ), mi farebbe da specchio facendo rimbalzare il D proprio verso il di dietro della mia antenna.

Quando avevo la 11D Fracarro per l'analogico, avevo sempre una riflessione a destra fastidiosissima, e se la storia fosse ancora così, adesso che con la loga ho un rapporto avanti-indietro praticamente nullo, potrebbe verificarsi che con particolari condizioni climatiche, mi arriva da dietro l'eco dello stesso D, e mi altera la visione, bisognerebbe misurare se ho un eco parassita che diminuisce quando sono orientato in un punto "attenua eco".

Forse in questa situazione, la 6D STRATOS che avevo ce la faceva, ma avendo perso la memoria, come faccio a giurarlo . . .

-----------------------------------------


Grazie Massimo, il tuo 9 sarà orizzontale, il nostro verticale, il bello che il 9 di col Visentin mi arriva sempre ma basso, e non ce la fa, solo quando mi cresce di 10 dB lo vedo bene.

Da un cliente il powerline che serviva per avere la linea telefonica dietro il decoder di Sky, mi annullava la ricezione DTT, allora gliel'ho staccato e gli ho detto che se la sbrighi con gli installatori di Sky.

Qui diciamo "speran ban", e si scrive pure diversamente.

-----------------------------------------


Sempre domenica 22, h 21, barra fissa oltre il QEF come le promesse del governo . . .

Stamane Lunedì 23, h 8, pareva in via di miglioramento.

Adesso alle h 14, sempre così. Ore 20 un pelo meglio per brevissimi momenti.

Martedì h 15:30 e continua.

Mercoledì h 16 ancora a mosaico, ma con sprazzi di miglioramento da mer a 24,5 e ber dopo Viterbi quasi al top.

Sono le 0:30 di Giovedì, adesso va, è molto migliorato, C/N > 31 dB, mer 27 dB, c-ber alla -4, molto lentamente sta tornando a regime, è stata lunga, ma "guarirà" meglio quando calerà di molto l'alta pressione.

----------------------------------------



Foto fatta alle 21:30 di Giovedì 26 / 7.

Francesco, la potenza rimaneva presso che sempre la stessa, ma la qualità ne risentiva parecchio, forse dovuta a riflessioni dal basso e dall'alto, quindi problemi di fase alterata con conseguente variazione dei dati che stanno ritornando ottimali, la colpa è del periodo curiosamente ricorrente.

Adesso siamo rientrati nei ranghi, ma non si esclude "un colpo di coda dell'estate", dato da una alta pressione ristagnante e da un segnale proveniente da oltre 90 Km, sono fenomeni ben conosciuti e non eliminabili.

Assolutamente niente disturbo locale, però all'inizio sembrava, non smetteva mai di squadrettare . . .

27 / 07 Venerdì h 10:30, ho assistito un'ora fa a un calo significativo di oltre 10 dB da parte del D, adesso ho 59 dBuV, ma prima era sceso fino a 47 e difatti i dati erano tornati molto scadenti, allora si vede che nei giorni scorsi, non superando facilmente la soglia dei 55, le cose perduravano sul fronte del "male".

Quindi il problema è proprio lo saliscendi della potenza che arriva in questi periodi nella mia zona.

---------------------------------------------


Difatti Ermanno, ai tempi del G v. che ripeteva il D o. di Venda analogico, si cominciava a vedere peggio con sempre più riflessione man mano che passavano i giorni, e una volta si arrivò per pochi secondi alla nebbia assoluta, questo perchè il segnale del D a cento metri di altezza in cima alla torre Asinelli, raggiunse un tracollo tale che forse il ripetitore / convertitore D > G come CAG non ce la fece più, poi si riprese, ma prima di tornare con immagini quasi perfette ci vollero giorni, solo che era Luglio, quelli sul G come me "sopportarono", e io con anche la 11 D, pur vedendo peggio del solito, a 20 metri da terra ricevevo un segnale migliore di quello che incontrava la 4 elementi 5 / 12 RAI in quello stesso momento a 100 mt. sulla torre.

---------------------------------------------


Ma Frapenas, oramai è storia, nella colonna di destra clicchi su "Sito di Claudio Bergamaschi", che è fermo così da anni, e quasi in fondo ti vai a vedere che antenne si usano o usavano in ricezione per quegli scopi lì, se non altro erano almeno abbastanza antineve.

[ 11 commenti ] ( 224 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 203 )
494. Quando eravamo giovani . . .  

Si continua col vintage d'autore: derivatore a due uscite da 15 dB SIEMENS S43153-K-A2, sigla nuova ( S43... ) rispetto alla vecchia ( SAD 5700 ).

"Derivatori speciali con adattamento 75/75 ohm per tutti i campi d'onda R-TV, esecuzione non schermata, adatti per derivare linee secondarie."

Questa era la descrizione da listino ufficiale.

Siamo alla fine circa degli anni '70, il montante come si vede è diretto, poi su di esso vengono ricavati posteriormente i due prelievi identici, partendo con una resistenza a testa.



Qui si vede tutto quello che c'era dietro, le resistenze hanno come colori il rosso, giallo, marrone e oro, il segnale viaggia nella piccola piattina, transita più volte nel nucleo di ferrite e forse per induzione sull'altro filettino della piattina stessa, raggiunge l'uscita che è il prelievo finale.

Direi un derivatore "ibrido", prima subito resistivo, poi induttivo . . .

Il puntino di vernice rossa indica la direzione di montaggio corretta da parte del costruttore, per l'esatta uscita del segnale da saldare al morsetto di derivazione.

Attenuazione massima di passaggio 2 dB in UHF.

La separazione fra le due derivazioni arriva a 27 dB, la quale è sufficiente perchè dopo si va a servire le due colonne di prese passanti, che a loro volta hanno il loro buon disaccoppiamento dalla linea montante.

Nonostante l'ottimo materiale ( che è sempre esistito ), ci saranno SEMPRE degli individui che uniranno i cavi facendo delle ignobili mazzettature.

Da questo si capisce il perchè è sempre esistita la categoria degli ANTENNISTI, e in ogni nuova costruzione, questa figura sarebbe dovuta essere obbligatoriamente presente nei cantieri, perchè col passar del tempo, siamo sempre andati di male in peggio.

Meno male che nel gruppo degli "antennisti esperti" ci sono veramente dei fuoriclasse, assolutamente inarrivabili anche per me ( che però ho 60 anni ), quindi out da mò.

A quando, la presenza della "figura dell'ANTENNISTA", nei capitolati di cantiere ?

-------------------------------------------


Stefano, mai trovato uno splitter che perdesse meno di 3,5 dB ( fidati Rovazzi, è tutto vero ... ).

[ 1 commento ] ( 101 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 271 )
493. La J 6700 piena, piena, piena . . . come un uovo ! 
Ho riprogrammato l'unica vera "centrale selettiva elettronica" per vedere di riempire almeno tutti i canali UHF dal 21 al 60.

INGRESSO 1 = BARBIANO con molte programmazioni a "2 ch."

cluster - ch.
^
^
1 -- 21 / 22
2 -- 23 / 24
3 -- 25 / 26
4 -- 27
5 -- 30 / 31
6 -- 32 / 33
7 -- 34 / 35
8 -- 36 > 45 Conversione causa un solo mio decoder "catalano"
9 -- 37 / 38
10 - 40
11 - 41 / 42
12 - 43 / 44
13 - 46 / 47
14 - 48
15 - 49 = Da solo perchè è basso
16 - 51 / 52
17 - 55
18 - 59 / 60

INGRESSO 2 = Monte Grande di Calderaro

19 - 49 > 28 = Doppione in conversione
20 - 50 = Migliore che da BARBIANO
21 - 54 > 39 = Doppione di frequenza "cerotto" ( 54 invece che 33 ) in conversione
22 - 56 = Migliore che da BARBIANO

INGRESSO 3 = Castel Maggiore verticale

23 - 23 > 36 = Doppione in conversione
24 - 35 > 54 = Doppione in conversione
25 - 41 > 29 = Doppione in conversione
26 - 42 > 53 = Doppione in conversione
27 - 51 > 58 = Doppione in conversione
28 - 57 = Mux Retecapri

INGRESSO 4 = UCKA / CROAZIA con R 95 Z OFFEL preamplificata a monte con Mitan 17 dB.

29 - 28 > 63 Conversione in zona tranquilla
30 - 29 > 65 Conversione in zona tranquilla
31 - 39 > 67 Conversione in zona tranquilla
32 - 53 > 69 Conversione in zona tranquilla

Ecco impegnati tutti i 32 cluster della J 6700, e sono arrivato a 44 ch. / multiplex inseriti e di conseguenza visibili.

A occhio, adesso che da un bel po' non ci sono più trasmettitori che operano sulle frequenze dal 61 al 69, la vedo difficile andare "oltre i 50 canali programmabili" come dice la casa, forse ci si riusciva prima.

Prima: dal 21 al 69 erano 49 frequenze UHF, 48 : 2 = 24 cluster per 24 programmazioni a 2 ch., quindi 24 + 8 frequenze di banda III^ ( 5 - 12 ) fa 32 cluster e ( 48 + 8 ) 56 canali programmabili, che sono oltre i 50 . . .



Ecco lo spettro con tutta la "frittura mista", nel quale saltano all'occhio le 4 frequenze da sempre molto basse in antenna ( 32, 41, 52, 59 ) e per giunta programmate in coppia con un'adiacente di livello medio alto, quindi sono rimaste proporzionalmente basse.

Poi a destra si vedono le 4 conversioni dei croati, con antenna scollegata per il fatto che adesso ( h 15 ) non arriva un segnale in grado di fornire dei bei panettoni ( alla sera ), ma solo brutti "spilli" di adiacenti con rumore nel mezzo.

Ho avviato la sintonia automatica del Samsung 22", per vedere se mi rimetteva lo stesso numero di canali che c'era prima con la Johansson senza doppioni convertiti, e senza tutti quelli programmati a coppie.

Al primo tentativo mancava un po' di "gente", poi ho invertito due conversioni fiutando frequenze meno potenti con adiacenze traballanti e perciò critiche per la centralina, nonché i TV.

Avevo 35 in 53, poi 42 in 54, allora ho fatto 35 in 54 e 42 in 53, e il totale del Samsung è tornato quello giusto che aspettavo ( Tot 419, Tv 381, Radio 38 ).

Anche perchè i doppioni di mux uguali, presi anche su altre frequenze e in più convertite , sapevo che il Samsung me li contava una SOLA volta senza conflitti o aumenti sul totale.

Il bello di questa centrale unica nel suo genere, è che se esci a 103 dB con 32 mux programmati singolarmente ( con anche conversioni e senza accoppiate adiacenti = "2 ch."), hai 103 su tutti i canali ( slope / tilt escluso ), mentre con 44 ch. si hanno 103 dB solo su quelli programmati SINGOLARMENTE o convertiti; su tutti quelli presi a coppie, la potenza viene complessivamente ridotta nei cluster relativi solo a quelle programmazioni, e allora la potenza totale disponibile viene suddivisa fra le differenti programmazioni, così da non preoccuparsi se si sale oltre i 32 canali amplificati contemporaneamente.

Difatti anche mettendo l'uscita al massimo con 44 ch. ( 113 db ), il forte degrado rimane sempre quello alto di quando se ne mettono 32, sempre ugualmente senza inibirci la visione TOTALE, come succede con qualsiasi centralino a "larga banda" tenuto al massimo con degli 85 dBuV che vi entrano dall'antenna UHF.

[ commenta ] ( 20 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 280 )

<< <Indietro | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | Altre notizie> >>