13. Rai mux B - 52 v. 


Bologna ovest, Casteldebole.

La Rai ha finalmente acceso un 52 anche da qui, ed è quello coi pannelli verdi, 2 verso me ( Casalecchio ), e 2 ( visti di profilo ), verso i quartieri Costa-Saragozza / Reno, i bianchi sono di LA7 analogico, canale 30 v. ( conversione del 55 v. di C.M. ).

Io ero giù in strada ( dove ho fatto anche la foto: via Casteldebole ) a misurare con la loga LP45F Fracarro: 75 dB di Rai mux B verticale, verso la pannellatura che è la stessa del 65 v. di Rai 3 E.R. analogico.

Del Rai mux A in E9 VHF, ancora nessuna traccia, sul 65 c'erano 95 dB, sul 30 circa 80.

Nell'antenna centrale da me seguita, c'era già montato il 52 o. di Barbiano... chissà se si
è "imballato" tutto, se mi chiamano, vi dirò cosa ho trovato.


1,2,3,4... Mi hanno chiamato per forza, anche loro avevano perso "Premium Gallery" ( sòccmel, che perdita oh ! ) come tutta Bologna dal resto, e vabbè, gliel' ho ridato sul 41.

Il 52 a palla in verticale verso le 2 direzioni di emissione conosciute, non ha per niente investito l'antenna UHF posta in alto verso Barbiano, ( meno male ) e questo è stato indubbiamente un buon segno, se no, c'era da grattarsi in testa ...

[ commenta ] ( 37 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1807 )
12. Antenna canale B/E4 Vergato (Bo). 

Ecco un esempio di antenna per il canale B, che con il passaggio definitivo al digitale terrestre, non verrà più utilizzata.

Insieme ai canali A e C, furono le prime frequenze pionieristiche, utilizzate per la ricezione dell'unico canale televisivo nazionale dell'epoca, trasmesso dalla RAI.

Successivamente, vennero attivati altri centri trasmittenti sui canali di banda III^ ( D - E - F - G - H ), nonostante ciò, nello spot promozionale del DIGITALE TERRESTRE, si vede un'antennista alle prese con un'antenna dalle sembianze clamorosamente UHF ( secondo canale ), cioè, assolutamente inesistenti per quel "periodo di inizio trasmissioni ufficiali" ( 1954 ).

Il secondo nacque nel 1961, quindi, si tratta di un grosso e imperdonabile errore da parte di un'ente del calibro della RAI.

Anche sul monoscopio in bianco e nero che si vede, ci sarebbe da discutere... e precisamente sul fatto che, il medesimo fu utilizzato dal centro sperimentale televisivo di Torino, diversi anni prima dell'inizio delle trasmissioni ufficiali già citate.

Inserisco due link, il primo verso la vera storia del canale "C" Torino Eremo, e il secondo verso una pagina web contenente i primi due monoscopi utilizzati dalla RAI, tratti da filmati dell'epoca.

La storia (riservata e grottesca) della nascita della TV in Italia

Principali monoscopi storici della tv pubblica italiana

[ 2 commenti ] ( 110 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1552 )
11. Considerazioni... 


Alcuni accessori a portata di mano, in zona smistamento antenne di camera mia.

Lo spezzone di cavo nero, ha un'anima in rame di 3,3 mm., e un diametro esterno di 17 mm., dielettrico in politene a dischi intervallati a camere d'aria, atte a ridurre l'attenuazione che era bassissima, credo sui 7 dB in 100 metri.

Il simbolo della cornetta telefonica, stava a significare che il cavo era omologato dalle norme riguardanti le telecomunicazioni tedesche. Esso fu impiegato qui a Bologna, negli anni 80, nei 3 grossi impianti, BARCA, PILASTRO, BATTAGLIA, si spellava col tagliatubi da idraulico e si collegava tramite grossi raccordi, ai componenti per la distribuzione BOSCH, partitori, derivatori, sottostazioni di spinta... aaaah, aver lavorato in grande, ha significato parecchio per uno come me!

Sono però in uso da anni, per annullare le grandi distanze, conversioni su fibra ottica, e riconversioni in banda tv, una volta arrivati ai piedi del fabbricato da servire.

Ho misurato lontanissimo dall'antenna, all'ultimo piano, dal cavo tv ( 4 metri ) dell'utente, uno spettro linearissimo e lunghissimo, migliore di quello che fornisce il mio impianto ( sob )... mi manca solo quell'esperienza lì: una grandissima distribuzione, complesso "LA MERIDIANA" di Casalecchio, complimenti!



Pur di vedere RAI uno, due, tre, e RAI 4, ( CH E9 v. da Barbiano ) la gente a Bologna, è disposta a TUTTO !!!!!! via Fioravanti, angolo via Gobetti.

[ 1 commento ] ( 122 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1124 )
10. E arrivò il "Digitale Terrestre"... WOT? 
Ave!

Prima che me ne dimentichi, è meglio scrivere questa data: ottobre 2003, periodo in cui apparve per la prima volta sui nostri misuratori di "campo", un segnale "numerico" DVB-T, DTT, digitale terrestre insomma.

Esso era il canale 51 UHF verticale, irradiato da Castel Maggiore verso la città, dove vi è presente ancor'oggi come allora, il MUX A, di Telecom ( La 7 ).

Io, mi digitalizzai nel febbraio 2004, comprando il DTT 4000 Humax, e da allora, diventai sempre più, un osservatore di cambiamenti - canale - postazioni - frequenza, invece che telespettatore di programmi TV, tanto a 50 anni, la grande e bella televisione di un tempo, per fortuna, non l'ho persa!

Adesso, sto aspettando con trepidazione lo "scossone" switch-over Rai 2 / Retequattro ad aprile prossimo, e lo "TSUNAMI" switch-off susseguente, che taglierà le gambe a chi non si era un minimo "organizzato" per tempo, almeno con un decoder pronto in casa, da utilizzare per forza, o TV dtt ready.

Il "baillamme" che ne salterà fuori lo paragono al "Civis", questi 2 momenti storici per la cittadinanza Bolognese, non voglio mica perdermeli, è già tanto che aspetto, visto che ho finito i canali disponibili a suon di moduli. ( 18 - 08 - 2009 )



Questa centrale vista dal vivo, fa sempre impressione anche a me, che quasi settimanalmente la vado a trovare per un "controllino".

Pensate che con un banalissimo derivatore a 2 prelievi da - 20 dB in uscita dal finale Offel, potrei fornire tranquillamente il segnale così livellato, ai 2 condomini adiacenti al mio, per potersene servire, entrando nei loro finali o centralini a COSTO ZERO, col grande vantaggio di avere tutti i canali del MEC e della CEE in un colpo solo.

Sarebbe "un bazzone", per loro che hanno 2 antenne centrali così vecchie, ma così vecchie, che la metà basta.

[ commenta ] ( 40 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1566 )
9. Antenne curiose vedonsi. 
Qui a Bologna, si cominciano a vedere sui tetti, antenne a dir poco bizzarre e curiose.

Quella qui sotto, si trova appena fuori porta Zamboni, e l'ho fotografata ieri 15-08, ( che Ferragosto, che Ferragosto !!! ) notare il riflettore UHF, modello "carta velina" o se preferite "ghost - reflector", con apertura verticale al centro, per far passare il segnale riservato all'antenna di banda III^ sistemata posteriormente.

L'altra, si trova in via dell'Arcoveggio, angolo via Bassanelli, ed è un "fritto misto" di antenne tale, che dietro, c'è il posto per combi - narci anche una "2 FM", così, per "guastare" un po' il tutto: non c'è tre senza quattro.

Altro che la sofisticata Dat 45, qui fanno come Rocco Barbaro: "se ne fottono", e montano quello che meglio credono, tanto dove c'è molto segnale... tira anche un cacciavite metallico da orologiaio, opportunamente inserito nella presa "RF - IN" del decoder.

A me, questa qui sotto, ( che ricorda le PreStel di un tempo ) sembra un'antenna, stile: acquisti via internet... comunque, per adesso, esemplare unico.(16 - 08 - 2009)

Ne ho vista un'altra uguale su un tetto. (24 - 10 - 2009)





L'antenna qui sotto è una "combinata" UHF/B^III, solo che si trova in fondo a via Dell'Indipendenza a Bologna, e "punta" verso Barbiano, dove tutti i canali UHF sono in orizzontale, e solo il 9 è verticale, poi basta guardare il cavetto nero spiegazzato che è stato usato, non sarà mica un RG 59 . . . . . BOOOH !?!?!

La Televés dichiara: guadagno 8,5 - 16 dB, se 8,5 è riferito come sembra alla BANDA III^, come si spiega che le Teleco che monto io, 4 elementi di B. III^ (5-12) dichiarano 5 dB ( credibili ), le 6 elementi ( 5-12 ) 7 dB ( credibili ), e le 6 D a 6 elementi sempre Teleco 9 dB ( credibili come sopra ). . . . . .

Qui, gatta ci cogna ! ! ! ! !



Qui sotto invece, la mia "ROTATION", puntata, prima verso la Croazia, dopo, verso M. Grande / Calderaro, per farVi così vedere, i 90° che intercorrono fra i due orientamenti.

Le altre loga che si intravvedono, sono su Castel Maggiore / M. Venda... ah, ma lo sapevate già ?





12-12-2009 San Nicolò di Varignana (Frazione di Castel San Pietro Terme - Bo)

L'antenna UHF in verticale su Castelmaggiore è un modello a 2 culle di elementi direttori, e un dipolo unico, speriamo solo che renda qualcosa in più di quelle tradizionali . . .



Ancora questa antenna ! ? ! Però è belloccia, sarà l'antenna definitiva per Barbiano ? ? ?

9 - 03 - 2010 Abbiamo scoperto . . . è una Metronic, Mike avrebbe detto: hai capito ? !



In via di Barbiano al 2°, dato che è una "buca", l'antennista ha optato per 3 logaritmiche FULL, tanto, verso Barbiano c'è la montagna piena di alberi, a nord, verso Castelmaggiore / Venda c'è la collina piena di case, morale, o si vede qualcosa anche un domani in DTT, o c'è sempre TV SAT, basta tribolare per nulla con antenne costosissime ad alto guadagno, in zone da sempre imboscatissime e zeppe di riflessioni . . .

BRAVO ! Hai fatto bene !


[ commenta ] ( 43 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1539 )

<< <Indietro | 98 | 99 | 100 | 101 | 102 | 103 | 104 | 105 | 106 | 107 | Altre notizie> >>