553. A giuntare le linee SAT, ci si rimette sempre qualcosa. 

Qui vediamo una porzione dello spettro dal satellite HOT BIRD 13° della banda bassa verticale, che io usavo per orientare le parabole prendendo come riferimento i 10992 del mux RAI.

Dopo aver cambiato tutta la discesa di 20 metri, che aveva due giunte e tre tipi di cavo, i panettoni sono risultati più belli, mentre la potenza è rimasta quasi la stessa.

Ho usato un cavo nuovo giallo della FMC - COAX H-399A AL PVC CLASS A, da 6,8 mm., diretto dall'LNB fino a qua dietro al PC.


Qui ho allungato la linea gialla FMC con tre pezzi di cavo diverso ma ottimo, quindi si sono aggiunti tre barilotti e sei attacchi "F", il peggioramento dello spettro risulta chiaro a chiunque.


Ci sono due cordoncini uno bianco e uno nero, che non arrivano a 70 / 80 cm. l'uno, più un professional da strumento DG 113 CAVEL bianco da due metri.



Andamento dell'amplificazione ( solo rumore ) che coincide con lo spettro sotto.


Qui c'è lo spettro di tutta la banda bassa verticale, cioè un quarto della potenziale offerta di un satellite in banda KU.

Quello che non mi garba sono i due avvallamenti rimasti ( nonostante il cambio del cavo e le giunte tolte ), uno al centro e l'altro a destra prima della fine, e non intendo il transponder mancante verticale al centro e il "buco" di fine banda bassa verticale a destra.

Qui lo spettro non è pari neanche andando su altri satelliti, ASTRA in primis, e neanche misurando dagli altri due LNB, di altro tipo, anche se un po' inclinati a favore di SKEW, uno per i SAT verso EST, e l'altro per quelli verso OVEST.

Io mi ricordo di aver fatto delle parabole dove i transponder erano presso che tutti pari, qui tra i più forti e i più deboli ci sono 5 dBuV di differenza, non è possibile.

Allora, il cavo non è, le giunte non sono, i vari ( tutti ) satelliti non sono, i tre LNB non sembrano, la zona non è, c'è rimasta solo una cosa in comune che potrebbe essere la pietra dello scandalo: il disco riflettente, che può anche sembrare incredibile, ma chi ci dice che "risponda" uniformemente a tutte le frequenze elevatissime con le quali ha a che fare ?

La parabola da 100 cm. ha 23 anni, la montai nel 1997, ed è marcata Telesystem ( sempre loro ), io che mi meravigliavo di tutti quelli che lamentano ancor oggi dei problemi con i loro decoder ... ma come parabola non mi lamentavo ... però a pensarci bene, chi se lo ricorda uno spettro pari in casa mia ?!

Ci sono in gioco frequenze che vanno dai 10700 ai 12750 MHz ( 10.7 - 12.750 GHz ), e a questo punto sembrerebbe il metallo ( alluminio ) con il quale è fatto il disco offset da 100, a non riflettere in pieno quelle due porzioni.

Praticamente fa come certi cavi d'antenna vecchi, che si "mangiano" delle porzioni di frequenza e vanno ancora benissimo su altre, anche più alte.

Adesso di cambiare parabola non se ne parla, solo al pensiero di calarla nel cortile, e prendere su il disco nuovo da 100, sempre col cavo compatto Siemens ...

Tanto i segnali ce li ho lo stesso, però accorgersene dopo 23 anni ... bah, mi sembra strano.


Transponder non attivato di proposito ... manca anche su EUROSAT.


Ecco il cavo giallo "SAT 0" che va all'LNB di centro, con SKEW pari / giusto verso SUD


Lo SHARP del 1997


Il rumore dello SHARP era più alto allora, però l'andamento assomiglia agli altri, quindi lo strumento ci mette molto del suo.


Questo è il RUMORE residuo dell'LNB quando ho puntato la parabola "per terra", e direi che mi ricorda qualcosa . . . è la stessa curva data dall'altezza dei transponder, grrrr, vorrebbe pari !

Vuoi vedere che la marca degli LNB è la stessa ( no, i due laterali sono GTSAT AURIGA ), e quello di centro ( ID Digital ) è un modello antecedente agli altri due ...

Adesso rispolvero il primo SHARP universale di 23 anni fa, prima di comperarne uno di qualità "reference" ... ma ne esistono di singoli "reference" ? Io temo di no.

Anzi, andrò in negozio con lo strumento e provo gli LNB alimentandoli in banda SAT, così vedo subito se offrono una risposta piatta come livello di rumore, semplice no ?

Forse vedevo lo spettro quasi pari con l'altro strumento, quando montavo la serie BLACK INVERTO "QUATTRO" ( HV-hv ), per i SAT centralizzati.

P.S. Al-lo-ra ... la pa-ra-bo-la ... non c'en-tra ... ( GLIP ).

P.S. 2 Sono andato dal fornitore con lo strumento a provare diversi LNB, e le curve del rumore erano tutte non pari e abbastanza simili alle mie di casa, specialmente a fine spettro dove sale repentinamente.

Quindi la colpa più grande ricade sullo strumento, anche perchè provando lo Sharp di 23 anni fa, sembra uno di quelli provati stamattina, e allora l'ho presa persa.


P.S. 3 Ho eliminato quei 15 cm. di cavo di raccordo sempre collegato allo strumento, e collegato direttamente il cavo giallo al barilotto sostituito all'ingresso del medesimo.

Si vede che l'altro barilotto del cavetto era troppo vicino al tuner dello strumento . . . l'ho fatto più lungo, ma le due cunette c'erano sempre, allora mi sono rotto e gli ho messo il cavo da due metri DG 113 con gli "F" a pressione, e fatto scendere e risalire dietro la scrivania, e finalmente ho uno spettro non falsato.

[ commenta ] ( 6 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 91 )
552. E' bastato spegnere 3 frequenze "in più" a Bologna, che ... 

... ho potuto rivoluzionare un po' la configurazione delle mie due J 6700.

Prima, che i mux utili erano più di 32, mi volevano due centrali per non fare programmazioni doppie, adesso me ne basta una, quella di destra che è quella più alla mano.

Quindi, ingresso 1: tutto quello che va bene in UHF da Barbiano,

2: Sempre Monte Grande per 50, 52, 56, che vanno male da Barbiano,

3: CM vert. spostato di qua, per il 57 di Retecapri,

4: il rotore orizz. a nord per il 37 di Sportitalia HD.


E così posso tenere accesa solo una centrale, tanto riesco benissimo ad avere tutti i mux che mi servono, per le continue sintonie utili ad aggiornare la tabella delle emittenti presenti su Bologna.



L'accrocchio che si vede in foto, è l'antenna del rotore orizz. che entra nel pre, si divide in 2, e manda un cavo per il 23 e 43 in centrale 1, e l'altro cavo è per il 37 che va in centrale 2.

Entrambe le centrali mandano la tele-alimentazione 12 volt, per alimentare il pre.

Perchè mi era capitato di spegnere la centrale 1, e dalla 2 non avevo attivato i 12 volt, allora a fine ricerca, sul totale mi era mancata un'emittente, ed era Sportitalia sul 37 perchè il pre era rimasto disalimentato.



L'altra centrale di sinistra ha l'ingresso 1 per ricezioni DX sempre dal rotore orizz. a nord, per un 23 di Canale Italia 2 dal monte Cero, convertito in 65, e per il 43 dove c'è Telearena e soci, proveniente sembra da Monte NORONI a nord di Verona.

Nel 2 c'è l'antenna fissa R95Z Offel verso Slovenia e Croazia, e adesso si è reso ricevibile il 23 sempre da Monte Maggiore ( UCKA ) oltre ai vecchi 28, 29, 39, 53.

Nel 3 vi entra sempre Barbiano vert. per i DAB+ sui VHF E10 block C e E12 block A Eurodab - B RAI DAB+ - C DAB ITALIA.

Nel 4 c'è il rotore vert. che puntato a nord mi da il 12A di Eurodab da Monte Stoze / Velo Veronese e il 12D della RAI di Monte Venda, convertiti in 8A e 8D.



Il 23 dal Cero convertito in 65.



Il 43 dal Veneto.


[ commenta ]   |  permalink  |   ( 3 / 99 )
551. E arrivò anche il ch. 23 dalla Croazia in DVB-T2 HEVC/H.265. 




Qua a Bologna, hanno finalmente rottamato qualcosa, un E6, un 23 e un 43.

Sono passati due giorni, e ho da prima visto un 23 di Canale Italia 2 da Monte Cero, un po' a mosaico, il 43 del mux di Tele Arena, poi adesso verso la Croazia, un bel mux 23 in T2 con questi canali in chiaro, quasi tutti in HD.

Ho visto anche un attimo di immagini, ma il segnale è ricalato subito e il buio ha ripreso il sopravvento.

Se non avessi avuto il 23 del Cero, gli avrei visti alla grande ... succede come il 53 che deve arrivare forte quel tanto, da vincere sul 53 sempre di Canale Italia da Selvapiana in Lombardia.

Praticamente sono le emittenti contenute nei loro vecchi canali trasmessi ancora adesso in MPEG-2, il 28, 29, 53 ... il 39 è tutto pay con 30 emittenti / offerte.

E' ovvio che cercherò di beccare momenti migliori, e farò delle foto, tanto non siamo ancora in estate, e dovrei riuscirci con successo prossimamente ...









Si ma chef, stringa ... OOK ... 5 Minuti fa ... ( Ezio Greggio e Gianfranco D'Angelo a Drive In ) ... Un'oretta fa ... Il segnale ha cominciato a migliorare, e allora ho immortalato.

Direi che la visione è ottima, paragonabile al nostro MPEG-4 HD.

E ho notato nel frattempo che sono calati il 23 e 43 ( ma il 37 dal veronese no ), non si vedono più, come faceva il 25 di RAI DUE di Monte Venda, che si perdeva nella nebbia e arrivavano gli analogici di nord-est, RAI Udine Baldasseria Via Palmanova con F, 22, 47, Tele Friuli 51, RAI 3 ch. 44 dal Friuli V. G., Slovenia e Croazia, sempre stato così, il covid-19 non ha alterato questo ( a me per molto tempo ) inspiegabile e sconosciuto fenomeno ( propagazione / attenuazione troposferica ).

---------------------------------------------------------




Ciao Andrea, tieni duro, ti metto una bella foto, direi H.265 ...

Sono sempre stati avanti, pensa solo con il colore ...

[ 3 commenti ] ( 54 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 114 )
550. Mi sto preparando per l'utilizzo estivo del sottotetto. 

Appena si varca la porta di ferro per accedere al sottotetto, si può fare luce agendo sull'interruttore 0-1 BTicino da muro ( è appoggiato al muro ), e si illuminano i 6 led rossi, tanto per far capire l'aria che tira.


Si sale la scala e voltando l'angolo "voilà", la luce blu di altri 6 led ti illumina il percorso.



Varcata la porta, sulla sinistra ancora 6 led rossi, e atmosfera alla Superquark nelle grotte.



Ecco la brandina per l'estate rovente a sauna garantita, mi porterò su asciugamani e da bere poi proverò se l'idea sarà stata buona.



Qui siamo alla fine della linea dei led, con un bel 6 blu verticale.


L'impiantino gira in senso antiorario e funziona con i 12 volt dell'alimentatore HELMAN utilizzato per i moduli.

Dovevo farlo perchè quello che c'è non è comandabile ovunque, quindi mi toccava usare la mia torcia tascabile.

Quando arrivo lo accendo e quando vado via lo spengo, così d'aver consumato praticamente il nulla ( HELMAN docet ).

Oggi ho anche preso un decoder DVB-T2 stick retro TV D-Progress, e l'ho messo nell' "OLED" di sinistra, poi nel "Q-LED" di destra c'è il vecchio X-FAIT solo per i canali SD del DVB-T, così posso capire chi trasmette, che sistema sta utilizzando, se DVB-T2 HEVC, MPEG-4 H264 - SD/HD, o solo DVB-T MPEG-2 per gli SD.

------------------------------------------------------



Oggi 14 - 5 ho raggiunto il traguardo delle 400.000 parole !

------------------------------------------------------


Grazie Claudio, mi piace rendere partecipi i lettori delle mie idee e intenzioni, dopotutto sono solo io, una goccia nell'oceano della RF, però credo di divulgare perlomeno delle anticipazioni sull'utilizzo delle centrali programmabili e non solo.

E dato che qui le cose subiranno dei lenti cambiamenti fino al Giugno 2022, e sono in pensione, qualcosa mi devo inventare quasi tutti i giorni.

[ 1 commento ] ( 55 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 139 )
549. La piccola prog. della LEM ELETTRONICA che mancava sul mercato. 

Ecco la sorella più piccola delle programmabili selettive della LEM ELETTRONICA.

Il suo livello di uscita si può impostare dai 70 dBuV minimo, fino a un massimo di 90, ideale per distribuzioni poco "mangerecce", dai 30 dB in giù.

Le villette la stavano aspettando dal Luglio 2017 . . .

C'è anche un sacchetto con 8 viti e 8 tasselli.

Il suo alimentatore esterno bianco da 15 volt e 1,25 A, istruzioni.

Possibilità di programmare due mux adiacenti per cluster, quindi potenzialmente 64 mux.

Indicazione della potenza del mux selezionato.

Conversione interna fino al canale 69.

Non si fa menzione del futuro 5G che impegnerà la zona dei 700 MHz, ma a pensarci bene, potrebbe finire che con molte più celle attive, la potenza di queste ultime, potrebbe essere inferiore di quelle attuali per la telefonia in genere.


Possibilità di tele-alimentazione da remoto, utile quando c'è un passaggio stretto per un solo cavo, dall'esterno al sottotetto, o dal sottotetto alla nicchia dell'ultimo piano, o manca corrente dove va per forza montata la centrale . . . una possibilità non da poco.


Qui è spiegata la soglia "THR" di cattura dei mux durante l'AUTO-TUNING, e la velocità di intervento del C.A.G., che risulta o bello pacato o una scheggia.


Qui si vede con quale approccio, la LEM ELETTRONICA ha escogitato il sistema per risolvere l'annoso problema di quando un mux viene a mancare, e gli adiacenti ne risentono.

E io ho prontamente simulato il calo del segnale, tramite i due attenuatori che insieme tolgono fino a 40 dB.

Ho cominciato a diminuire il segnale in ingresso, e a poco a poco ho visto calare a zero i mux, proprio partendo dai più bassi in antenna.

E' stato bellissimo, funzionamento impeccabile, poi dopo averli fatti sparire tutti, ho riaperto piano piano i "rubinetti", e loro sono rispuntati come funghi fino all'ultimo.

In questa prova, mentre prima era presente un "finto" 45, con tanto di punte sul 44 e 46, nel chiudere e riaprire, non si è più presentato ... favoloso.

Certo che se non si mette in "ON" la loro funzione chiamata "MONITOR", quando un mux si spegne dal trasmettitore, il CAG della LEM alza il rumore fino all'altezza dei mux attivi nello spettro, e da in casa non si capisce se il mux / trasmettitore è acceso o stiamo vedendo il rumore generato dal mux mancante in centrale.



Qui ho programmato manualmente 31 mux, manca solo il 37, però è per far vedere che il famoso debole critico 59, viene acchiappato e portato all'altezza degli altri.


Avviando l'auto tuning, succede sempre quello che capita anche con le altre centrali, mux che mancano, mux attivati che non esistono in etere, niente di nuovo, in più l'uscita ottimale a fine ricerca si piazza sui 78 dBuV, che è giusto, 90 meno i 12 dB per tutti i mux che ha memorizzato, fa 78 . . . poi noi lo portiamo a 90 lo stesso, e dal lato saturazione non fa una piega.

------------------------------

Ma se uno un po' inesperto, prende in mano il prodotto, vede "Gain UHF 40 dB"... ah però, bene, ci posso fare un bel condominio ... poi legge " Total Output Level Max: 100 dBuV", beh, "con 100 dBuV ne faccio andare di TV"... poi nel montarla si accorge che più su di 90 non può andare ... ma va là che con anche 90 si riuscirà "a sfangarla" ... anzi, facciamo "i professionisti" ( che sappiamo non essere ), avviamo un bel "AUTO TUNING", così siamo sicuri di una scelta ottimale dei "canali" da parte del fabbricante ... risultato, meno mux utili del dovuto, ma soprattutto 78 dBuV in USCITAAAAAA !!! ... Il condominio è di quelli ancora cablato con i vecchi coassiali degli anni '60, e perde oramai proprio 60 dB ... in presa ci ritroviamo 18 dBuV, e i TV ti fanno PRRRRRRR ..... ONTO ? Antennista ??? Non vediamo più una mazza ! Ma cosa ha combinato ???

------------------------------

Morale, vedendo 40 dB di guadagno, uno un po' distratto poteva pensare di raggiungere sia pur un po' al limite, i 110 dBuV in uscita, che meno 60 di perdite varie, avrebbero consentito con dei 50, di vedere i TV funzionare tranquillamente ... invece NO !

Ma dillo subito che è una programmabile da 20 dB ( per villette / palazzine ), tanto di media in città avrai dei 70 dBuV in antenna, più 20 "che gli dai tu", vai a 90 ... checce vò.

Ma deve essere una nuova "normativa" entrata in vigore da un po', anche l'Offel per la J 6700 spara "guadagno" 75 dB ... un giorno lo imparerò.

------------------------------


Qui vediamo lo SLOPE / TILT / EQUALIZZAZIONE di 0 - 5 dB, che agisce finalmente SOLO in banda UHF, per il VHF si tratta invece di normale ATTENUAZIONE 0 - 10 dB ( era ora ), Johansson non ci è ancora arrivata.


Inserimento password anti-manomissione e scelta della larghezza di banda per tutti i filtri, selezionabile su 5 step: 6 MHz, 7, 8, 9, 10.


Che uno a questo punto si chiederà: ma se il VHF è a standard 7 MHz e l'UHF a 8, che faccio ???

Dei 5, 4 risultano inutili, peggio che i 3 che avevano le Johansson, prima dell'ultimo aggiornamento.

Devo stare per forza su 8 e tenermi lo 05 / E5 largo, così che entra più facilmente "roba" indesiderata dello 06 . . . bah.


Difatti, ecco che bello spettro pieno di spilli, che mi ritrovo con la larghezza impostata sui 6 MHz . . . il TV che era sintonizzato su di un canale, si è "ammutolito" (!).


Qui ho azzardato con la larghezza a 10 MHz . . .



Risultato orrendo, che già traballava a 9, non infieriamo ulteriormente . . .


Per le conclusioni, buon prodotto per amplificazioni medio piccole, unico sul mercato ( 70 - 90 dBuV ), gli altri concorrenti dai range più alti, partono da 85 - 105 /// 93 - 113 /// 95 - 115 /// 98 - 118.

Intelligente il sistema di auto spegnimento della programmazione di un mux, venuto a mancare in antenna o fortemente abbassatosi !

----------------------------------


Bene Ermanno, buone e puntuali precisazioni.

[ 1 commento ] ( 50 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 144 )

<< <Indietro | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Altre notizie> >>