298. Quelli che . . . canalizzano pure l'LTE 4G. 
Mentre in tutta Italia, ci si appresta a mettere filtri "passa basso" 5 - 790 MHz ( cioè, che tagliano fuori tutto quello che c'è al di sopra dei 791 MHz ) su quegli impianti TV, che per colpa dei vicinissimi pannelli irradianti segnali LTE, potrebbero andare in saturazione, c'è chi invece, questi segnali se li "addomestica" inserendoli nel proprio impianto d'antenna centralizzato ( fatto però a moduli di preselezione ), come se fossero dei normali mux televisivi in DVB - T.
Per l'occasione, mi sono avvalso della loga Fracarro a "lisca di pesce" verticale oramai inutilizzata, che essendo orientata verso l'Osservanza, è quasi nella stessa direzione della cella.


Per tenere sotto controllo le variazioni di potenza da parte appunto della BTS locale nei giorni a seguire, ho canalizzato il panettone usando un modulo H. E. 4 celle ch 65 "televideo", quindi già "largo" 8 MHz e passa, opportunamente ritarato sulla frequenza che va da 801 a 811 MHz ( in realtà occupati 9 mega, da 801,5 a 810,5 ).
I due mux di sinistra sono il 59 e il 60 in DVB - T ( UHF 8 mega ).



Col rotore, quando un picco coincide per un'attimo col marker centrale, si può avere la fortuna di visionare una misura curiosamente alta: 94,8 dBuV.
Difatti il panettone a occhio, si trova come livello dei rettangolini blu fra 70 e 80, quindi diciamo 75, poi sappiamo che anche per i segnali DVB - T, la potenza che ci indica lo strumento in questi casi è sempre circa 10 dBuV di più, e siamo a 85, dopo di che ho beccato il momento del picco, e possiamo dire 95, infine la cella non è a pieno regime, di conseguenza mancano all'appello ulteriori 10 dB di potenza si spera definitiva, ed eccoci al traguardo dei non improbabili 105 dBuV in antenna, che visto la vicinanza della cella, non sono da "scomunica" e ci possono ancora "stare".
A destra, vi è lo spettro offerto dell'antenna fissa Offel K 47 A ( 21 - 32 ) orizzontale, puntata verso Monte Venda / Castel Maggiore, la cella si trova a sinistra di essa e un po' arretrata, e come si può ben vedere, il suo segnale è ancora il più alto dello spettro UHF.
Dai fornitori, possiamo tranquillamente finire le 21 - 69 in scansia prima di buttarci sulle nuove 21 - 60, tanto anche con le 21 - 32 l'LTE entra lo stesso forte, e sul ch 35 verso CSM, che è il più alto del gruppetto di sinistra, ci sono 73 dBuV . . .


Filtro LTE "volante", il pennuto si è proprio sistemato sulla porzione d'antenna 791 - 821 MHz . . . chissà quanto attenua.



Grazie, JUMP_PN !!!
Aspetto l'accensione del gestore fra il ch 60 e TIM, poi posso riprovare qualche altro filtro "passa basso" from LTE.
Dire quale sia il migliore, per adesso non ha un gran senso, e forse neanche dopo . . .

Grazie, Ezio 967, ce n'è anche per te . . .



[ 3 commenti ] ( 229 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1565 )
297. UH - OH, mi hanno acceso l'LTE dietro casa. 
Oggi 3 Aprile, hanno attivato il segnale LTE 4 G dalla mia cella TIM di zona, difatti la frequenza è sempre quella, 801 - 811 MHz.



Ecco due immagini a confronto, la prima si riferisce al rotore su Barbiano, e il segnale della cella non preoccupa, è alto come il ch 60.

La seconda, fa riferimento al rotore girato in pieno sulla cella, il panettone ha raggiunto un'altezza circa pari a dov'era il ch 21 prima, che aveva 84 dBuV, quindi, tutta questa potenza esagerata, su tre celle visitate, per adesso non c'è.

Senz'altro, quando accenderanno le altre celle dei rimanenti due gestori, ci sarà più campo elettromagnetico complessivo, però qua vicino, non so dove siano di preciso, le individuerò dallo spettro appena le attiveranno.

Sia in verticale che in orizzontale, il segnale è pressochè lo stesso, ed è alto quasi come quello che si trova sui 900 MHz della telefonia cellulare ( 10 dB di meno, perchè ho letto che non sono a pieno regime 100 % ).

Il rotore si è girato di quasi 90° verso destra, ed è per questo che sono crollate le potenze di tutti i multiplex DTT di Barbiano.

Ribadisco che i problemi seri, si avranno per quelle antenne vicinissime alle BTS ( meno di 10 metri e stesso tetto ), per le altre, se queste potenze sono da considerarsi definitive, non auspico grosse percentuali di centrali TV in saturazione.



Spettro della K 95 D, la quale ha relegato il mux LTE a semplice comprimario, e il panettone di 9 MHz LTE, in tutto il suo splendore.




Ho fatto scendere anche le due linee del rotore ( più Venda - CSM 21 - 32 / K 47 A Offel ), e col tragitto più breve, ho guadagnato 2 dB e mezzo.

Quando uno si mette un "tubo" di "40" in camera sua, è perchè "non vuole noie nel suo locale" ! . . . ( Nicola Arigliano a "NON STOP" ).

---------------------------------------

Grazie Screenshaper, quello non è la stampa U.S.A. con sul retro "Angelina", bensì quello inglese ( U.K.) con sul retro "Behind the rain".

Vatti a vedere un gran video cercando zzzumbi su Google, ciao.


[ 3 commenti ] ( 147 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1655 )
296. Up grading di . . . Pasqua / primavera. 
Era già un po' di tempo che mi chiedevo, cosa mi servisse ancora avere una K 95 D Offel orientata su Monte Grande / Calderaro, visto che oramai non mi arrivano più mux utilizzabili.

Una volta arrivavano 39, 50, 63 di Mediaset, poi spariti quelli, con lo switch off affiorarono i vari 34, 45, 46, 57, 59, 63 . . . poi man mano che li hanno accesi qua a Bologna o spenti da là, non c'è rimasto da prendere più nulla di buono.

Dato che quella K 95 D, nacque proprio indirizzata in pieno su Barbiano, e in seguito venne girata a sinistra verso M. G. per acchiappare altri mux non presenti a Bologna, non sarebbe stato il caso di riutilizzarla in una direzione più utile di quella dove si trova adesso ?



Detto e fatto, ma invece di restarsene lì nel sottotetto per misure o improbabile utilizzo ( che per questo c'è già la loga fissa "full" ), mi è venuta "un'idea meravigliosa", la rimetto su Barbiano e la discesa, la faccio venire giù dalla canna fumaria in disuso che passa in verticale in camera mia, dove c'è proprio il foro rotondo con coperchio d'alluminio di chiusura.

Aperto il coperchio, la canna era larga circa un metro e profonda trenta, un "canalone", sono andato su, e proprio bella come il sole, si vedeva benissimo dove si trovava lì nel sottotetto, ho preso il trapano con la punta di 12, e dopo aver fatto tutte le misure del caso, ho forato nella parete della canna fumaria, inclinandomi molto verso il basso.

Ho poi calato un bel cavo e sono andato a vedere in casa se era arrivato, e difatti era già passato oltre, quindi l'ho tirato fuori e lasciato sul pavimento, sono risalito, ho fatto la giunzione con quello dell'antenna che aveva già lo spinotto, mettendoci per adesso un'altro spinotto e un raccordo femmina - femmina.



In casa, ho fatto un foro vicino a quello grande, per uscire elegantemente e richiudere il coperchio, messo 2 chiodini giusto per pietà, e adesso . . . ho lì dal PC sempre pronto, un "BARBIANO UHF SUPERCIUK !

Specialmente poi quando ho il rotore girato a nord su CSM dall'altra parte, è lì che la "bazza" è vincente . . . allora, perchè avrei messo in atto questa volpata ? !




Guardate che differenza di spettro c'è fra la K 95 D e la loga Offel di III^ - IV^ e V^, il veccho "abisso" già visto in passato .

Poi, dato che entra molta FM anche dalla K 95 D, ho prontamente tolto nel sottotetto la miscelazione dell'altra FM, ottenuta dalla 21 - 32 e immessa sulla discesa orizzontale del rotore, così è tornato tutto come prima.

Qui, l'ottimizzazione è sempre di casa.



[ commenta ] ( 24 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1895 )
295. Nuovi pannelli di B. III^ ( VHF ) a Barbiano. 
--------------------------------------------------------



Le nuove antenne sono in polarizzazione VERTICALE.



Immagini cliccabili. Foto fatte il 31 mattina, giorno di Pasqua.


--------------------------------------------------------




Già da questa foto, si vede che i 4 pannelli superiori e i 4 inferiori, sono arretrati rispetto agli 8 di centro, e la SIRA fa proprio i due modelli distinti per un rapido fissaggio.

Questa configurazione mi piace chiamarla "a botte", ed è così anche quella dei pannelli UHF sovrastanti.

Credo serva, per servire meglio le zone vicine e sottostanti al ripetitore, le quali senza quel "gioco" dei pannelli, potrebbero avere relativamente poco segnale rispetto a chi abita più distante dal traliccio.

(Foto di Cesare Celin - Pianoro-Bo)


Sono da ricovero, non da pensione !
Non ho ancora smaltito lo "smacco" del primo avvistamento LTE, che mi arriva il secondo che è ancor peggio: antenne di banda III^ già montate a Barbiano!
Sembrano uguali a quelle del TX RAI di Monte delle Formiche. . . Elettt che ne dici, non sembrano lo stesso modello ?
Io, che è un'anno che quasi tutte le mattine, guardo se Venda ha acceso l'E11, siamo a posto.
Ma se ha piovuto sempre . . . ringrazio chi ci ha inviato le prime foto in anteprima per lo scoop.
Appena ci sarà un po' di sole, andrò a fare le mie.

le antenne sembrano queste, clicca, verranno utilizzate per i canali E8, E11, e Dab

[ 2 commenti ] ( 140 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1469 )
294. Possibile soluzione. 


Diciamo subito che avevo voglia di disegnare, così mi metto al riparo da eventuali critiche, non del tutto mal riposte.

Caso di una cella vicinissima ( ne avrò alcune ( 4 ) a 7 metri, stessa torretta sopraelevata con pannelli in un angolo e antenna TV nell'angolo opposto, in via della Pietra ).

Possibile soluzione . . . con quello che ho !

Non voglio mica spendere più di cento euro, per un filtro selettivissimo, che fra alcuni anni non servirà più e ci andrà lo 02 . . . 48 al posto dello 02 . . . 60 che ci viene richiesto oggi.

Se si è fortunati, il tutto funziona, il 60 lo abbiamo preservato dall'intervento nocivo dei 2 filtri "tosa LTE" usufruendo di un buon modulo fisicamente selettivo più che si può, e a tutto il resto che non vogliamo, ci pensano i filtri che si "mangiano" pure buona parte del 60, che non ci interessa perdere su quella linea.

Se alla fine di questo "accrocchio", il 60 ne uscisse troppo male, per via di separazioni poco ortodosse ( prevedibili ), si passerebbe al piano "B", e cioè dividere l'antenna in due con uno splitter prima di entrare nel modulo, poi con un'altro splitter rovesciato, miscelare l'uscita del modulo con l'uscita dei 2 filtri LTE, così, create le giuste separazioni ( i 18 dB degli splitter ), non dovrebbe esserci più un panettone del 60, molto lontano dall'essere come lo era in antenna.

Se io interpongo un filtro LTE prima di entrare nel centralino, e questo mi attenua anche 7 dB il ch 60, può succedere che in condominio, qualcuno che riceveva "benisssssimo" quel mux sul 60, con soli 27 dBuV, arrivati a 20, di sicuro non lo vedrà più, e io mi ritrovi nelle "pesche".

E uno dice: beh, "alza" un po' l'UHF del centralino ... sé, a parte che è già vicino al limite della saturazione, e con tutta l'LTE che c'è in giro, verrebbe la voglia di staccare la spina ( del centralino ).

Metti un'equalizzatore e poi alza ... c'è giàaaa ... non posso alzare, cosa alzo ?

Staremo a vedere, anche perchè mi hanno detto che Mediaset ( TV ) a Castel Maggiore esce con 100 watt, e queste celle LTE con 50, quindi io, quando ero vicinissimo ai ripetitori TV di CSM, non avevo livelli oltre i 90 dBuV con la loga e lo strumento collegato.

Certo che 50 watt a 7 metri si faranno sentire, ma a 200, penso e spero, saranno attenuabili senza troppe difficoltà.

Tanto nel 2015, gli è tutto da rifare.


Tre pannelli nuovi aggiunti sotto. . . alla faccia . . . sarò "cucinato" a dovere quando partiranno col segnale lte 4G su gli 800 mega.



Dopo il nuovo sopra, strani contenitori in basso vuoti . . .




Li hanno riempiti.
E sono 3, quello che non si vede è sotto dietro al muro, l'ho visto da sopra il mio tetto.



Postazione con strumento Promax TV EXPLORER II, "arrivi" di varie antenne, PC, TV 7", 4 fogli con elenco emittenti per MUX, Mivar 12" con decoder "X-FAIT", e più a destra, comando del rotore.
Tutto a portata di mano: semplicemente il massimo.


[ 3 commenti ] ( 201 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1812 )

<< <Indietro | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | Altre notizie> >>