54. Quasi tutto, meno il "41", però ben due "58". 
Arrivo in "UN CENTRALE", e nel sottotetto c'è un multibanda Fracarro a tre ingressi, in pressofusione: VHF - UHF - UHF (+ 2 finti con tappini neri). Nell'ingresso VHF, vi è inserito un preamplificatore a innesto di banda 3^, telealimentato dal centralino stesso, sopra ad esso, un raro miscelatore a 2 ingressi attenuabili, della 3B, in uno c'è scritto: 40 - 860 Mhz, nell'altro banda 3^, metto il naso fuori, e vedo una 6D su Venda e una 6F (ora E7) su Castelmaggiore, messa lì chissà da quando, misuro in uscita le 2 frequenze, e vanno che è un piacere.

Nei 2 ingressi UHF vi sono: Castelmaggiore UHF verticale e Barbiano UHF orizzontale (antenne a 47 elementi pesanti tipo Philips, bonazze), tutte e due dentro così "alla brutta", guardo il risultato finale, e praticamente, va tutto bene dal 21 al 69, (quasi compete col mio canalizzato, SGRUNT), però il 41 DTT (premium gallery - D-FREE) di Barbiano è bassissimo, e non ne vuole sapere di andare (zona Borgo Panigale).

Piano d'attacco: un traversino gemello con sopra un'antenna di banda 3^ verticale per l'E9 da Barbiano da una parte . . . . dall'altra, una loga FR orizzontale su Velo Veronese, ch 41, per prendere D-FREE da Monte Stoze, 56 dB. Sotto ho messo il mix 5 - 9 Offel, poi sono entrato dove entrava il D - E5 prima (mix 3B), il 41, l'ho mess . . . . Per sapere come va a finire, insert coin, please ! No ? E vabbè, omaggio della ditta: montato base Tekmedia (ex Teko), alimentatorino switching - 12 V / 1 A, modulo di preselezione ch 41, loga inserita in entrata sopra, sotto al modulo, Barbiano che entra, ed esce insieme a un 41 della M...... , poi dentro di nuovo all'ingresso UHF, dove c'era Barbiano prima.

Poteva bastare forse un MEF 41, ma un modulo a 3 celle, amplifica anche un po', e io dovevo "sotterrare" il 41 di Bar, e alla bisogna, aggiungere altri moduli in futuro. Poi, come si dice: "NON VOGLIO NOIE NEL MIO LOCALE" (Nicola Arigliano a "Non Stop")


Adesso, LA NOVITA' DEL SECOLO: 2 ch 58 di Mediaset A, presi da 2 trasmettitori distinti, con 2 antenne separate, quando si miscelano nel centralino, per via dei 2 ingressi UHF, si disturbano a vicenda, il BER impazzisce e fa come i decoder in casa quando la barra della qualità varia da 0 a 80 a 30 a 100, poi si vede sempre a mosaico o nulla . . . .

Se, con spettro ben in vista, stacco alternativamente una delle 2 antenne UHF dal centralino, il "panettone" del ch 58, è pressochè "pari" come una "bavarese da 12" (C.M. un po' più alto di Bar.), invece, con entrambe le antenne collegate, l'orizzonte del "panettone" si modifica in una fila indiana di "zuccotti" o "budini molli", cosa mai vista prima.

A questo punto, c'era lì per terra, da una parte, quasi dimenticato, un "FUS 45", storico filtro-trappola della Fracarro a 2 + 2 nuclei di sintonia-attenuazione, l'ho interposto sul cavo dell'antenna di Bar. eee . . . ciaoooo 58oooo, l'ho annientato più che ho potuto. Risultato: BAVARESE PER TUTTI I I I I I, offro iooo . . .

Adesso, fra poco, questo "bell'albero di Natale" di scatolotti, verra vanificato da un bel "SWITCH - OFF", e lì cominceranno i dolori ! Mea, se vedemo.

[ commenta ] ( 26 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1333 )
53. Fastidiosi trattini bianchi. 

Immagini catturate domenica 21 marzo 2010 alle ore 10:20 AM circa. La prima da "Rai Sport piu'" mentre la seconda da "Rai Tre" ricevute sul digitale terrestre in 16:9 e visualizzate con un tv analogico 4:3 (notate nella seconda immagine, in alto a sinistra i fastidiosi trattini bianchi) Elio

In data 22 marzo 2010 riceviamo e pubblichiamo:
Si tratta del time code dei videoregistratori, in sede di messa in onda queste informazioni dovrebbero essere cancellate, qualcosa non ha funzionato bene perché sono rimaste visibili.
Nel sistema digitale i vari segnali video che compongono un mux vengono per cosi dire impacchettati da una macchina apposita che genera il flusso dati (head end).
Rai sport è sul mux B che viene generato a Roma mentre il mux A viene generato a Bologna in quanto deve inserire anche il TG3 regionale per cui vi è un head end dedicato, questo spiega la differenza tra i due programmi. (Tecnico Rai Way, mica "pizza e fichi" ! )

Le immagini che seguono, sono state ricevute a Bologna sul digitale terrestre in 16:9 e catturate il giorno 25-03-2010 alle ore 16:20 circa, Mux A della Rai - Programma Rai Tre

Decoder Humax DTT 4100: immagine visualizzata con tv monitor Philips a tubo catodico 4:3 (si vedono i trattini) versione Software 1.03.04 (nei 4 decoder RDT 1001 Teleco Software T15-090305-V104B103 nov 07 2006 del mitico e nei nostri 2 piccoli tv MKC LCD 7" mod. MLD-750AD, PURE).


Decoder Humax DTT 4000: immagine visualizzata con tv LCD Philips 20 PF 5121 4:3 (non si vedono i trattini) versione Software 1.05.17, invece con lo stesso modello di decoder (presente a casa del mitico), versione Software 1.03.04, si vedono ! ! ! Perchè ? ? ?


Decoder TechniSat DigiPal 2 TX: immagine visualizzata con tv LCD Philips 20 PF 5121 4:3 (si vedono i trattini) versione Software 2.37.x.1 V1.1


A sinistra, momento di buio di Rai tre DTT in 16/9 appena finita la pubblicità, dove si vede chiaramente la fila dei trattini. A destra, immagine in 4/3 senza trattini . . . In entrambi i casi, abbiamo abbassato il verticale del TV 5" INNO HIT, grazie al quale, si possono vedere dove sono inserite le informazioni digitali del TELEVIDEO tradizionale e di altri servizi "numerici".
___________

Ricevo da Luigi Ghiringhelli in data 25 Apr 2010, 03:01:38 AM
Subject: trattini bianchi

Ciao Claudio,
seguo da qualche tempo il tuo blog, e ti faccio i complimenti per l'accuratezza e la precisione, trovo veramente interessanti gli argomenti ed in particolare quando affronti i problemi sul campo.

Premetto che non sono un antennista di professione, ma solo per passione, sono quasi un tuo coscritto, ed ho da sempre sperimentato, i vari problemi di ricezione, ho passato diverse fasi storiche italiane, come quella dei ripetitori di tmc e capodistria fuori banda, le prime locali in banda V, nella mia zona negli ultimi anni il problema della ricezione della tv svizzera.

Riguardo alla notizia sui trattini bianchi, secondo me non si tratta del timecode dei registratori, completamente diverso, ma dei dati wss (WideScreen Signaling) inseriti sulla riga 26, il problema credo sia dato dalla generazione del segnala digitale di raitre per l'inserimento nei muxA, ed è presente anche sul muxA generato da Milano con i programmi regionali della lombardia, si è manifestato da gennaio con la trasmissione in formato 16:9 anche per raitre (prima erano trasmessi in modalità 16:9 solo gli altri canali del mux RaiUno RaiDue e Rai4).

Il problema è stato presente per molto tempo anche sulle reti svizzere, sia in digitale, che, in maniera ancora più evidente, in analogico quando trasmettevano in PalPlus.

Su Wikipedia trovi questa descrizione: Widescreen signaling - Wikipedia


Il giorno 15/05/2010 ore 18:15 abbiamo fotograto i canali analogici di Rai due 25 e 28. A noi sembra questo il "time code".

[ 3 commenti ] ( 3810 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1318 )
52.Prove di ricezione MUX A Rai a Casalecchio di Reno - Bo.  

Le zone sono tre: parcheggio vicino alla stazione, centro sportivo vicino alla Sapaba, e sulla Porrettana davanti a Villa Volpe. L'E9 di Casteldebole, arriva benissimo in tutte e tre, anche il 49 di Mediaset, grazie alla potenza che ha da Castelmaggiore, aggancia sempre . . . Da quella postazione, vorrebbero tutti irradiati a livello del 49, il quale rimane l'unico veramente al top. Siamo poi "volati" su a San Luca (con strumento al seguito però) a caccia di scoop (49), ma, nada de nada, tutto di vecchio. Comunque, per non farci sorprendere più di tanto, staremo sempre all'erta.

[ commenta ] ( 31 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 811 )
51. telEmilia. 



24/03/2010 ore 21:05 Ecco Telemilia ricevuta a Bologna (centro), che trasmette sul canale UHF analogico 65 o. da Barbiano (prima era a M. Donato e "sparava" verso est per non disturbare il Rai tre di C. Debole a ovest).

La potenza è più bassa del 64 e 66 ( col rotore ch 64: 74 dB, ch 65: 61, ch 66: 70 ), di conseguenza nel "tirarlo su" con un modulo a 4 celle, si va inevitabilmente ad alzare la portante audio del 64, e la p. video del 66, allora "pasticciando" coi 12 nuclei dei 3 moduli interessati, si riesce, con un po' di fatica, a portarli tutti e 3 ad avere un rapporto, (tra audio e video di ciascun canale) attorno ai soliti 13 dB, e si tira avanti fino alla prossima "rimescolata di carte" da parte delle emittenti.

Per molte ore del giorno, telEmilia ripete da satellite Punto SAT, ma possiede TG e programmi propri.

Da SerraMazzoni-Faeto, credo che si riceva sul 66 dove c'era una volta Tele Mantova, io mi sono prodigato a prendere il modulo 65 che serviva per La 7 da M. Grande (che adesso da me in antenna, è inguardabile), e metterlo nel gruppo moduli di V^ di Barbiano, togliere da lì il 61, e metterlo nel gruppo di M. Grande al posto del 65, per ricevere l'ennesima Rete 8.

Una semplice inversione o scambio di posizione fra 2 moduli, che mi ha permesso la ricezione di 2 (una l'avevo già doppia) emittenti analogiche di un'importanza . . . oh, non si dormiva alla notte, se non le ricevevo ! ! !

Questo tipo di spostamento moduli, diventerà molto in uso, negli impianti "canalizzati" appena saremo investiti dallo switch - off . . . e per quel che mi riguarda, è l'unico sport nel quale sono sempre in allenamento . . . 2 piani più sopra, vedere sul sito, foto "rinfrescate".

[ 1 commento ] ( 92 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1409 )
50. Notizia su m. Grande - Calderaro. 
Dopo la "notiziona" sul m. Penice, ne ho una anch'io da un po' di mesi, e cioè che Mediaset "farà tutto da Barbiano e Bertinoro", lasciando perdere m. Grande (Calderaro), alchè ho esclamato alla Leonardo Manera . . . Eeeeeeeh !!! ??? E questo me l'hanno detto 2 persone Mediaset "brozzate" per puro Q. in via S. Liberata a Barbiano, quindi, meno postazioni, meno problemi con la SFN, insomma, pochi segnali, ma buoni. Si vede che evidentemente, sanno come operare in ambito "numerico", d'altronde, a Crocetta di Medicina, in strada col 7", vedevo Rai 2 ch 30 e Rai tre ch 40 da Bertinoro, quindi non mi sentirei di gridare allo scandalo, per qualche grossa postazione in via d'abbandono . . . staremo a vedere.

Filmato storico sulla nascita della terza rete francese

Filmato del 1972: nella prima parte si parla della regolazione dei ricevitori per il 3° canale , nella seconda parte, la più interessante, un'intervista ad un tale che riceve, con un'antenna orientabile di 36 metri, ben 18 canali dalle nazioni vicine

[ 5 commenti ] ( 217 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1376 )

<< <Indietro | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | Altre notizie> >>