563. Hanno poi rifatto l'antenna piegata . . . 


Hanno rifatto l'antenna con le esigenze di oggi.

Una R95Z Offel su Barbiano e una R43Z verticale su Castelmaggiore ... non so chi l'abbia rifatta, ma direi un'antennista.

Adesso dovrebbe non piegarsi più il palo, e si andrà avanti così.

Si spera che sotto ci sia una bella programmabile moderna, così sono al top.

-------------------------------------------------------------

Altre novità non ne ho ... TivùSat si è tolto dagli stracci con un mucchio di canali in HD, e io col mio Humax HD 5400 S del 2011, finalmente ho visto LA 7 sulla posizione 7, prima era da tutt'altra parte e non solo lei ... chissà cos'è successo, perchè ho provato a cercare un nuovo aggiornamento, ma mi diceva sempre che di nuovi non ce n'erano.

La visione delle emittenti in HD nativo sul digitale terrestre in DVB-T MPEG-4 AVC H264, è veramente eccellente, tanto che per me quando saremo in DVB-T2 HEVC H265, non si supererà questa qualità, ma addirittura si avrà la sensazione di avere una resa complessiva inferiore.

Dico questo perchè ho anche visto quelli della Croazia in T2 HEVC H265, e non mi impressionano come fa spesso la RAI con certe trasmissioni tirate al burro.

Rimarranno insuperabili, come lo era RAI UNO analogico sul 31 UHF da Barbiano, visto sul mio MIVAR a tubo flat 17" ... mai più visto una definizione SD così.

[ 1 commento ] ( 53 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 28 )
562. La programmabile tascabile ANTTRON DPA001 ( by Mediasat ). 

La centrale è la più piccola sul mercato in fatto di dimensioni, ma non certo in fatto di prestazioni.

Difatti si assesta sui 109 dBuV di suo, con 30 filtri occupati, limitandosi per non finire con degradi sul segnale d'uscita ( facilmente riscontrabili ).

I 115 li ho visti, ma avevo pochi filtri impegnati.

Si può alimentare a 12 Volt da remoto, tramite la linea d'uscita del montante cavo TV.

I 32 cluster rimangono il massimo disponibile come progetto solito, però non si possono allargare per fare 2 "canali" o più, ma non è un problema, tanto caleranno in futuro a 14.

Il display indica anche la potenza dei multiplex ricevuti in antenna, e se io attenuo da fuori, l'indicazione mi segue fino ai 50 dBuV poi scompare, quindi è meglio entrarci con dei 55 o più, come consigliato da loro.

La programmazione automatica è velocissima, e si può fare la ricerca impostando una scelta su gli ingressi come segue: solo l'1, solo il 2, solo il 3, l'1 + 2, l'1 + 3, il 2 + il 3, l'1 + 2 + 3, quindi ho messo l'antenna di Barbiano nell'ingresso 1 scegliendo solo l'uno, e mi ha memorizzato tutti i 28 TX che sono attivi da lassù, compreso quelli che trasmettono a potenza ridotta, perciò siamo a posto.

Poi ho cancellato tutto e fatto questa prova impostando l'auto tuning per tutti gli ingressi 1-2-3: Barbiano 21-60 ingresso 1, Barbiano 21-39 ingresso 2, Barbiano 36-82 ingresso 3, e si è comportata in questo modo: mi ha trovato sempre i 28 TX presi dall'ingresso 1, poi ATTENZIONE, dall'ingresso 2 i primi 4 MUX che ha trovato ( che erano gli stessi della prima antenna ), me gli ha convertiti sui primi canali VUOTI / LIBERI in etere, quindi ha fatto 21 in 23, 22 in 28, 24 in 29, 25 in 37, poi non ne ha fatti più per raggiunto limite dei 32 filtri ( cluster ).

Perciò si sono creati DOPPIONI convertiti di MUX uguali / clonati ( con rischi di sintonie errate in condominio ) . . . bisogna prestare attenzione che questo non accada, salvo su precisa decisione dell'antennista, costretto a convertire una frequenza alta per via di diversi cavi vecchi, ai fini di portarla più in basso ( 49 in 23 oltre a lasciare un 49 diretto ).

Poi, altra prova: Barbiano in 1 e Monte Grande in 2, per vedere se da Monte Grande mi considera il 56 che da Barbiano qui da me è in "BUCA" . . . avviato ricerca . . . solite conversioni . . . raggiunto il limite dei 32, e del 56 neanche l'ombra, va beeenee, grazie, basta così ( Corrado alla corrida ), in questi casi bisogna andare di programmazione manuale . . . ma si sapeva . . .

Se abbiamo un multiplex in antenna al di sotto dei 55 dBuV che ci interessa ottenere durante la programmazione automatica, bisogna che mettiamo un preamplificatore esterno alla centrale, anche a innesto va bene, poi attiviamo i 12 volt solo sull'ingresso interessato.

Anche se un mux è inesistente, quindi la frequenza è VUOTA, ma vogliamo programmarlo lo stesso perchè siamo sicuri che lo attiveranno, questa "mossa" si può fare e affiorerà il rumore alto come gli altri mux, in attesa che il segnale utile arrivi dal trasmettitore.

All'occorrenza si può fare la conversione al volo anche sui canali dal 61 al 69, nonostante l'attivazione dei filtri LTE o 5G ( 800 e 700 MHz ).

Con il 5G inserito ( 700 MHz ), la scelta dei canali nei filtri si ferma al ch.48.

Nella ricerca automatica si può scegliere il canale di inizio e quello di fine, esempio 5 --- 69, che diventano obbligatoriamente 5 --- 60 e 5 --- 48, a seconda del filtro LTE impostato.

Quando ho limitato la ricerca automatica solo sui canali dal 40 al 60, me ne ha trovati 14 e il livello d'uscita si è piazzato sui 114 dBuV.

Questa centrale come anche altre, non potrà mai trovarsi in saturazione, perchè riduce automaticamente il livello d'uscita a seconda del numero di filtri che abbiamo programmato, quindi in fase di installazione non si rischierà di non vedere immagini per colpa di una esagerata potenza in uscita.

Dato che i tre ingressi TV sono V / U, si può entrare con le antenne combinate per le bande III^ + UHF, e programmare a piacere.

Non contiene preamplificatori al suo interno, però ha una robusta tele-alimentazione per metterli fra l'antenna e la centrale.



Con 30 mux e la centrale a 109 dBuV, affiora un po' di rumore, degrada un pelo il BER pre Viterbi, ma basta scendere a 107 che anche lo spettro si pulisce, e comunque i TV erano lontanissimi dal non funzionare.

La velocità di riassestamento del CAG, per un ritorno alla visione sui TV collegati all'uscita di questa unità, si assesta sui 15 secondi, e cioè se un emittente ha il trasmettitore che si spegne, quando si riaccende, il suo segnale in uscita schizza a 125 dBuV, e allora vi è saturazione, poi il segnale e il rumore adiacente calano sempre più, e quando si è in prossimità dell'optimum che vi era in precedenza, si tornano a rivedere le immagini.


Qui c'è una novità, il TILT è come dire "attivo / smart", mentre attenua le frequenze basse ( che perdono meno segnale lungo la distribuzione dei cavi dell'impianto ), eleva le potenze delle frequenze progressivamente più alte ( circa dal ch. 42 al 60 ), tipo la bilancia a due piatti.

Questo spiega il perchè il livello del rumore in basso ( dove non esistono mux attivi ) rimanga presso che invariato.

E siccome avevo messo il TILT a - 10 dB, l'antennista dovrà "giocarsela" attenuando per forza il livello d'uscita, perchè la potenza totale sarà rimasta in questo caso invariata, poi magari dopo si regola per un TILT meno incisivo, ma questo tipo di equalizzazione, da sola, non mette in condizione il finale di allontanarsi dal principio di saturazione già in atto a 109 dBuV.

Non ho misurato ma i mux più estremi a destra saranno anche a 113, e 103 il ch. 21.

Il D in VHF col TILT al massimo, era calato solo di 4 dB.


Qui i dati in antenna del ch. 49 che non sono al top.



Qui come escono dalla centrale, con solo il 49 programmato; il MER peggiora in media di 2,5 dB ed anche il C-BER gli va un po' dietro.

L'uscita si è fermata a 101 senza la possibilità di alzarla, perchè in antenna vi è un 48 più forte, e allora ne passava una buona fetta verticale più alta del 49, poi l'ho visto andare da sola a 103, poi ho stretto il filtro e ha raggiunto i 106, ma il display mi indicava sempre 115, ho calato la regolazione fino a 95 e lo strumento diceva 91, poi l'ho riportata a 115 e la misura è tornata a 106.

Anche con il mux uno perfetto RAI ch. 24, ho perso sempre 2,5 dB di MER, in antenna era >34 e in uscita era 32.


Qui passiamo ad illustrare la micrometrica regolazione della larghezza di banda dei filtri, che siano da 7 o 8 mega, fa lo stesso, l'intervento è uguale per tutti.

Vi è un range di regolazione che è indicato in percentuale, penso per non confondersi con i dB.

Si parte con un minimo di 50% per un filtro strettissimo, che sarà di un inutilizzabile 6 MHz, ma è giusto così, poi in passi dell' 1% si arriva al 200% che equivarrà a occhio a 12 MHz o più, ed è giusto anche questo, anche se non si userà mai.

Quello in foto è di default dalla casa al 120%, e sembra alquanto largo, però . . .


Qui sono sceso al 100%.



Qui al 90%, però si comincia a "smussare" un po'.



Qui per far prima sono andato direttamente al 50%, e saremo proprio attorno ai 6 MHz, poi solo nella parte bassa, quindi troppo stretto.

Però con una regolazione fine come questa della larghezza di banda, si potrà senz'altro trovare il punto buono, in quelle zone dai segnali veramente poco ortodossi, al punto tale da doversi attaccare a simili artifizi.


Qui ho fatto la solita prova dello stacco e riattacco antenna, usando 46 e 48 da un'antenna e 47 da un'altra sempre su Barbiano.

Il risultato quando stacco il 47 è che in poco tempo il rumore sale come in foto, ma non disturba gli adiacenti, quando lo riattacco, il panettone si presenta a 125 dBuV, poi si abbassa in pochi secondi al pari degli altri due, e ritornano le immagini del 46 e 48.


Qui ho programmato i tre adiacenti in antenna di pari livello, e provenienti dal solito Barbiano, i ch. 46, 47, 48.

La larghezza di banda è quella di 120% scelta dalla casa, e sembra andare bene, anche con tutte le frequenze inserite ...

Ho provato via via ad "allargarmi" verso i 200%, ma a un certo punto i "panettoni" si auto influenzavano a vicenda, e allora niente, poi ho invece "stretto" e piano piano diventavano sempre meno larghi, però non facevano picchi di sorta ... erano solo come in stato di "distanziamento sociale" ( Stà piò in là, che t'am amàl ).

Conclusioni: centrale selettiva potente per spazi piccoli, se la gioca praticamente alla pari con la concorrenza se il numero dei mux da ricevere non supera i 32, ma visto che caleranno, non è un problema.

C'è una bella presentazione in rete da parte del distributore MEDIASAT.


--------------------------------------------------------------------------------------


Il MENU' si compone di 3 VOCI: "FILTRI" - "AMPLIFICAZIONE" - "VARIE".

Quando si è finito di lavorare su una delle tre, per andare su una delle voci rimanenti, a volte bisogna aspettare che si SPENGA il display blu e ricominciare scegliendo a piacere ( perchè non compare la voce "ESCI" ).

Confermando la voce "FILTRI", si presentano le seguenti opzioni di sottomenù:

Impostazione dei due filtri LTE 4 o 5G, o nessuno
Impostazione per ricerca automatica, con scelta degli ingressi e porzione di frequenze impostabile da ch. X >>> a ch. Y
Aggiunta filtro singolo dopo scelta ingresso, canale in entrata e canale in uscita
Visione della composizione dei filtri programmati in centrale
Cancellazione della programmazione di un singolo filtro
Cancellazione di tutto ( tutti i filtri programmati )
Uscita

Confermando la voce "AMPLIFICAZIONE", si presentano:

Tele-alimentazione sull'ingresso 1 ( no o si )
Tele-alimentazione sull'ingresso 2 ( no o si )
Tele-alimentazione sull'ingresso 3 ( no o si )
Guadagno FM
Regolazione del livello di uscita da 95 a 115 dBuV ( automatico per il massimo in funzione del numero dei filtri programmati, e manuale per l'attenuazione che si vuole apportare )
Regolazione della pendenza / TILT da 0 a 10 dB
Uscita

Confermando la voce "VARIE", vi sono:

Lingua menù
Impostazioni di fabbrica
Modifica PIN anti manomissione
Larghezza di banda per tutti i filtri, da circa 6 MHz fino a 12, in piccolissimi passi percentuale
Uscita




-----------------------------------------------------------------------------------

Andrea, il MER cala di 2,5 dB . . . ho aggiunto delle foto.


[ 3 commenti ] ( 68 visite )   |  permalink  |   ( 3.3 / 78 )
561. La Croazia puntuale come un orologio svizzero. 

Dal 001 al 008, le emittenti più importanti croate, sul mux ch. 28 in T2 HEVC, sempre da Monte Maggiore / UCKA.



EVOtv portal = cartello in chiaro sulla frequenza UHF 29, passata oggi in T2 HEVC, con 26 programmi criptati.

Dovevano switchare oggi e oggi hanno switchato, seri, precisi, e chi non ha ricevitori T2 HEVC in casa, si attacca.

Direi che il ch. 53 da là l'hanno spento, anche perchè le 4 emittenti che conteneva, sono adesso in HD belle toste in T2 HEVC sul ch. 28, quindi kanal 53 THE END per sempre.

E il 57 fra un po' pure ...

-------------------------------------------------


Andrea, in Croazia non scherzano mica, 8 canali seri con programmazioni intelligenti, poi che non si capisce la lingua, ma poco parlare di covid, film molti in inglese sottotitolati, cartoni giusti, TG professionali, no televendite, tutto un altro andazzo ...

-------------------------------------------------------------


Roberto, io ho 4 decoder e un TV, tutti HEVC main 10, perciò non riesco a scoprirlo.

Ci voleva un TV "bastardo" con solo il main 8 per verificarlo, ma chissà se ne sono stati venduti attorno al 2017 ..... io ho 5 Samsung con l'MPEG-4, e spero di utilizzarli per un bel po' anche dopo il Giugno 2022.

[ 7 commenti ] ( 170 visite )   |  permalink  |   ( 2.8 / 98 )
560. Antenna logaritmica 21 - 60 della BTK_Tel srl / Helman. 


Questa "LOGA" con riflettore a V è uscita nel 2017, e a naso direi che serve per proteggere i canali dal 21 in su provenienti da dietro, ma non tanto oltre . . .

Per posizionarla in verticale, c'è già la spiaggetta con i due fori, basta sfilare il gancio a "U", e metterlo di lato a 90°.


Cartello espositivo, e H sta per Helman difatti.


Lato del riflettore.


L'altro lato.


Zona in punta per l'attenuazione dei segnali oltre i 790 MHz, LTE 4G.





Blocchetto estraibile dallo stare incastrato per pressione, dove tramite un attacco "F", vi si collega il cavo.

Vi è un piccolo circuitino stampato, dove il segnale del polo caldo ( anima centrale di rame ), passa da sopra a sotto per fare contatto con la culla inferiore.

Si vede un filo di bava di alluminio che prima stava più in alto, e adesso minaccia un futuro "corto", ma sono stato io involontariamente che nell'armeggiare l'ho avvicinato.

Per fare quest'ultima foto ero in piedi su di una scala, e allora stavo rischiando per voi . . .

Il prezzo è un po' più alto delle altre log 21 - 60, ma di poco.

Bisognerebbe confrontarla con la LP 45 NF della Fracarro, per vedere se si trova qualche vantaggio tangibile, ma io di mettermi l'ennesima antenna su Barbiano, per vedere sempre lo stesso spettro, non ne ho voglia.

----------------------------------------------------------------

Grazie Matteo, hai ragione, difatti là si era parlato di Helman, poi non ho neanche controllato nel cartone che ho preso in mano, se no me ne accorgevo.

Avevo qualche dubbio, ma mi sono imbananato come un babbeo, anche perchè stavo parlando con un antennista che tempo fa me l'aveva fatta vedere proprio lì da Videocomponenti, solo che io non ho più memoria, lui ha detto che sarà un mese che ce l'hanno, e invece è di più . . . è fuori anche lui, siamo in due.

Io poi mi chiedo sempre, come a volte fate a commentare subito dopo che ho messo una notizia nuova, dovete avere un sistema di notifica sul mio aggiornamento del blog.
----------------------------------------------------------------

Ciao Everardo, per non parlare del filtro stub rosso infilato in un elemento, proprio come nelle EmmeEsse . . .

----------------------------------------------------------------

Eh già Claudio, oramai pensavo anch'io che visto che l'Emme Esse fabbrica lei le sue antenne come fa l'Offel le sue, questa qui fosse alla fine opera sua, oramai molte case si "aiutano" fra loro sempre di più ... qualcuna scompare, e il buon ricordo di essa non viene abbandonato da altre realtà ancora in vita, meglio così.

----------------------------------------------------------------

Ciao Francesco ... beh, c'è di peggio, le "triplex", vacca boia, io che pensavo nel 2010 che sarebbero bastate le loga della Fracarro, e invece si sono inventati di tutto pur di vendere ... almeno anche le loga UHF lunghe il doppio, davano una speranza su di un aumento della direttività, ma non hanno preso piede.

Quando qualcuno mi dimostrerà che le triplex rendono complessivamente meglio di una K 43 Z dell'Offel ... farò finta di dargli ragione ( così sarà "contento" ) ah, ah, ah.

----------------------------------------------------------------

Nicola, anch'io avevo scritto che il riflettore sarebbe stato utile solo per l'inizio della banda IV^, solo che era scaduto il tempo e mi ero mangiato tutto lo scritto, e con la memoria che mi ritrovo, mi era passato di mente.

Servirà per le frequenze 21 - 25 circa, perchè per quelle che seguono c'erano già appunto gli elementi più grandi vicino al gancio a fare da protezione.

[ 6 commenti ] ( 142 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 84 )
559. Che sia un lugubre presagio ? 

Questa antenna se ne stava lì tranquilla su di un caseggiato qua a Bologna.


Chi poteva pensare che con 8 controventi in quadrato, potesse succederle qualcosa.

E invece una sventagliata più forte delle altre, l'ha proprio centrata facendole fiaccare il palo di testa, sviluppato prudenzialmente anche poco!

Siamo in via Tevere angolo via Degli Ortolani, dove c'era una volta il laboratorio dell'antennista - rappresentante dei prodotti HELMAN Isano Cesari.


Certo che sembrano tutte antenne BOSCH . . .

Sono passato ieri sabato 10 Ottobre, e ho visto la sorpresa: l'unica antenna danneggiata in tutto il circondario.

Sarà stato il vento dei giorni scorsi, e lì avrà tirato di brutto per piegare un palo ancorato a poco più di un metro e mezzo dalla cima.

Adesso il contrasto fra le due immagini, mi porta ad alcune considerazioni, la prima foto rappresenta il lungo periodo florido delle installazioni anche di un certo livello, e di benessere economico; l'antenna sarà su da circa 35 anni.

La seconda foto fa pensare a fenomeni atmosferici sempre più impetuosi, al periodo assurdo che stiamo vivendo, e non ultimo, al fatto che siccome tutto ha un inizio e quasi sempre vi è una fine, la categoria del puro antennista TV, verrà sempre più minata dall'avanzare delle nuove e inevitabili tecnologie che la sostituiranno.

Tecnologie che porteranno col tempo, a non avere più bisogno di installare le antenne per fruire di immagini sui TV di casa.

Quindi se attorno al 1954, si può dire che nacque un mestiere che prima non esisteva, si può ragionevolmente supporre che in un futuro si spera lontanuccio, ma neanche tanto, la figura del "pianta pali buca tetto" scomparirà.

L'antennista evoluto, è già da anni che ha intrapreso altre strade complementari al discorso della sola e pura antenna . . . io non ero uno di quelli portati a fare ciò, e la sopraggiunta quanto tanto sospirata pensione mi ha salvato ( la inseguivo da quando iniziai a 17 anni ).

Però è così, il mondo della tecnologia si evolve sempre e "le cose cambiano", e sono del parere che uno che ha lavorato davvero per 35 - 40 anni debba andare in pensione, perchè come in tanti casi, fa una gran fatica a stare al passo con i tempi, e capisce che un giovane lo surclassa come quando era giovane lui rispetto agli over 60 che incontrava.

-------------------------------------------------------------------


Beh Massimo, se pensiamo che non ci sia più bisogno di antenne TV per l'RF via etere, a partire ipotesi dal 2030, vuol dire che dal '54 al 2030 saranno passati 76 anni, ed è un tempo veramente lungo a pensarci bene.

Marconi fece i suoi primi esperimenti circa 130 anni fa, attorno al 1890, che ad arrivare al 1954 fanno 64 anni.

Quindi il principio "antenna con cavo su palo alto", sarebbe già vecchio adesso con 66 anni sul groppone.

Per la comunicazione di un certo tipo, sai anche tu che ce n'è fin troppa, perciò il pericolo di rimanere isolati è più lontano oggi che un tempo.

Perciò è venuta anche l'ora di mettere in pensione un sistema di ricezione troppo vecchio, e molto critico dal lato del sicuro funzionamento.

Adesso non ci resta che aspettare il prossimo step del passaggio di tutte le emittenti all'MPEG-4, e lì si comincerà a ridere, poi vedremo se si passerà davvero al T2 HEVC 10 bit per tutte le trasmissioni, e lì me la vorrò proprio godere.

A Novembre arriva comunque prima la Croazia ( come sempre ), così appena vedrò novità sul 28 e 29 ( forse solo quando tornerà il caldo, purtroppo ), ne darò notizia.

----------------------------------------------------------------------

Gianfranco, beh sì, quel palo di testa sembra un "28", ma anche se fosse stato un "35", una folata potente con tutte quelle antenne, ci stava che si piegasse, c'è poco da fare, e ne abbiamo avuto la prova.

----------------------------------------------------------------------

Andrea, sì è vero, si è piegato immediatamente sotto al morsetto del braccio a U, come se avessero schiacciato un po' il palo nel stringerlo, mah, però è lì a 10 cm. sopra la ralla dei 4 fili, poi il primo palo continua sotto mezzo metro fino ai bulloni del secondo.



[ 3 commenti ] ( 141 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 106 )

<Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> >>