558. Centrale programmabile AVANT X PRO di TELEVES. 
La AVANT X PRO è uguale alla BASIC, con in più una valida auto-programmazione dei mux più performanti ricevuti dalle antenne collegate ad essa.

E' sempre possibile come con la BASIC, la programmazione manuale con le scelte dell'antennista sul luogo dell'installazione.


Qui difatti avevo fatto la solita prog manuale, con il D, i migliori di Barbiano, i rimanenti da M. Grande, e il solito 57 verticale da CSM.

Al massimo di 115 con tutti i 32 cluster impegnati c'è saturazione, quindi meglio stare come sempre a 110 più il TILT a -5 dB, e tutto funziona egregiamente.


Indicazione nello smartphone dello stato di auto-programmazione dell'unità, nel quale si vede la progressione dei mux esplorati ( dal E5 al 60 ) dall'ingresso 1, con tanto di tratto-linea arancione più scuro scorrevole da sx a dx.

Poi passa al 2, poi al 3, poi al 4, e alla fine sceglie quelli con i dati migliori o ( se indecisa ) altri ma di pari qualità.

Se trova più di 32 MUX utili, realizza delle "accoppiate" ad hoc di MUX pur di non tralasciare qualcosa di valido come fruizione.

Il tastino nascosto per avviare l'auto tuning, si trova sotto di fianco alla presa mini USB, si pigia x 5 secondi e lei parte.

L'uscita si posiziona sui 103 dBuV, perchè ci sono anche più di 32 mux "intercettati" e memorizzati . . . però quelli presi in coppia sono tenuti più bassi di 3 dB come somma della potenza dei due mux, e alla fine è come se fossero sempre 32 mux, il "carico" globale rimane lo stesso.


Qui si vede cosa ha scelto come "il meglio", dopo aver passato al setaccio tutto quello che offrivano le 4 antenne collegate.

Da notare che all'ingresso 1, vi era la LOGA full orizz. del rotore, puntata a NORD per M. Venda, M. Cero, M. Stoze, e tutto quello che arriva fino al POLO NORD ...

E la centrale è riuscita, a parte il D che era ovvio, a fare un terno secco con il 23, 37, 43, che sono gli unici tre segnali che mi arrivano al pelo da 80 a 125 Km. di distanza, e che avendoli spenti localmente da poco a Bologna, si sono resi semi-ricevibili da altri siti, e la centrale li ha presi per i capelli, e resi semi-visibili senza aggiungere degradi di sorta, uguali a come li vedo io ultimamente con i miei accorgimenti "TOP" nel sottotetto e qui dal PC con le due J 6700.


Sequenza 26 - 32 di Barbiano.


33/34 --------------- 44


Fine scelta da Barbiano con 47/48


Monte grande ingannato con 49, 51, 55, e 60 che sono meglio da Barbiano, ma c'è preamplificazione nel sottotetto . . .


Fine ingresso 3 di M. Grande


Ingresso 4, CSM verticale, scelti 38 ------ 56


Fine scelta 57 e 59



Spettro di un'altra auto-programmazione della TELEVES, senza aver trovato un 23 sufficiente da considerare, ma con invece il 37 e 43.

E' un po' imperfetto per via del fatto che qualche frequenza è stata preferita da altre direzioni piuttosto che da Barbiano, che è più preciso almeno come panettoni.

Poi risultano più basse le accoppiate che ha creato nella sua configurazione ottimale, la 33-34 e la 46-47, e da questa diminuzione di potenza del cluster non si scappa.


Spettro di una programmazione manuale sempre della TELEVES AVANT X PRO, omettendo il 23, 37, 43.


Spettro di un prelievo dal 4° e ultimo derivatore dalla mia J 6700 manuale, senza il 23, 43, 54.

------------------------------------------------------------------------------


Conclusioni: avendo agguantato le 3 frequenze, che a Bologna non riceve il 99,9% degli abitanti, bisogna dire che il grado di cattura di questi mux ( che definire marginali è un complimento ), dimostra un eccellente prova di performance di questa centrale, in fatto di auto-programmazione.

Si può dire che ha un "naso da segugio", riuscendo a memorizzare "roba" così debole, in mezzo al marasma cittadino, che sappiamo essere spesso molto potente e penalizzante nei riguardi degli altri segnali in arrivo molto più deboli.

Avrà sì sbagliato qualcosina, ma non sul fatto che abbia scelto mux meno codificabili di altri ( tralasciando alcuni validi di Barbiano per esempio ), perchè se si va a vedere, tutto quello che ha considerato si vedrà benissimo, se no non gli sceglieva.

La prog l'ho fatta 2 volte, e non è risultata uguale, però eravamo sempre lì in zona, e l'uscita era sempre 103, quindi un auto-tuning con le "palle".

Io penso che l'antennista esperto e navigato, si fiderà più delle sue conoscenze di sicurezza in fatto di trasmettitori e potenze ricevibili in loco, e farà l'immissione dei mux manualmente . . . "altri" magari, non sapendo in quale contesto stanno per avventurarsi, si appoggeranno a quella automatica.

[ commenta ] ( 7 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 33 )

<Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> >>