513. Centrale programmabile selettiva LEM ELETTRONICA DSP40 pro: una conferma di qualità costruttiva. 

La programmabile più performante con tecnologia dCSS della LEM ELETTRONICA, si presenta molto ma molto bene.


6 Ingressi:

1) Prog. cluster VHF / UHF manuale o auto tuning solo UHF.

2) Prog. cluster VHF / UHF manuale o auto tuning solo banda III^ ( di seguito automaticamente alla scansione UHF ), con possibilità immediatamente dopo, di inserire o disinserire mux, non che modificare il livello d'uscita massimo, deciso al termine dell' auto tuning.

3) Prog. cluster UHF manuale.

4) Prog. cluster UHF manuale.

5) FM / B I^ manuale, gain 45 dB, regolabile 0...-30.

6) Ingresso AUX 40 - 862 MHz, gain 42 dB, regolabile 0...-20, molto utile se abbiamo un modulatore digitale, con uscita vestigiale da 7 o 8 MHz.

Possibilità di programmare 2 ch. adiacenti in un cluster solo, con veramente poco calo del segnale.

Impossibilità però di poter convertire questa o altre coppie altrove.

Però, possibilità di conversioni singole ( mono canale ) anche sui canali della porzione 61 - 69 !!!

Possibili conversioni singole in ogni dove, prerogativa del sistema dCSS.

Possibilità di inserire manualmente i filtri 4G ( passa 21-60), o il 5G ( passa 21-48), contraddistinti da due led, uno verde e uno blu.

Non è possibile inserirli tutti e due o nessuno.

Guadagno UHF = 50 dB.

Dinamica CAG = 40 dB.

Solita selettività del sistema dCSS di 35 dB @ 1 MHz.

Quando viene a mancare il segnale su di una frequenza da parte del trasmettitore, la centrale alza il livello del mux mancante, sotto forma di rumore fatto a forma di panettone DTT, fin proprio allo stesso livello degli altri rimasti accesi/attivi, quindi non si riesce a capire dallo spettro, se il mux è acceso quindi vero, o è spento e "finto".

Possibilità di selezionare un mux / cluster tutto di B. III^, e anche il ch. 13, come avviene nella Johansson J6700.

C'è l'uscita test da -30 dB.

Alimentatore volante separato da 20 volt, 2,25 A, bianco, al centro di due cordoni.

La funzione RESET ( RESET? YES - NO ), riporta la centrale a zero, svuotandola dalle prog. fatte, reimpostando i valori di fabbrica.


Display sul tipo della Johansson 6700.



Con uscita a 113, affiora il rumore da saturazione, come anche nella Televes Avant X ( basic ).



E difatti il MER scende a 28 dB



Qui siamo piazzati a 110.



E il MER ci ha guadagnato salendo a 30,1 dB.



Display mentre indica il funzionamento dell'auto tuning, mediante freccettina che si sposta verso destra per poi ricominciare a sinistra.

Prima scansiona l'UHF collegato all'ingresso 1, poi scansiona di seguito il VHF sull'ingresso 2.

Le impostazioni tramite i tre tastini, sono anche intuitive, e ci si "imbanana" MENO che con le AT 40 e 50, perchè c'è il display che dice molto di più che solo dei numeri.

Nel menu "ADVANCED" c'è un parametro regolabile detto THR, per quanto concerne la soglia di cattura dei mux deboli durante la ricerca "auto tuning".

Il valore di fabbrica impostato è 55 dBuV, e succede che i segnali inferiori a questa potenza, non vengono considerati durante il processo.

Il range regolabile di questo "THR" va da 45 a 90 dBuV.

Lasciandolo sui 55, è successo che con nessuna attenuazione 0...-20 ( gain 20 dB ), ha scelto mux che neanche erano nell'aria, come il 29, 39, 45, rovinandomi visivamente gli adiacenti con le solite punte, e comunque non agganciandomi 56, 59, 60, che erano anche gli over 32 dell'operazione . . .

21-22-23-24-25-26-27-29-30-31---32-33-34-35-36-37-38-39-40-41---42-43-44-45-46-47-48-49-50-51---52-55-(32) fuori 56-59-60 per raggiunto limite dei cluster.

Poi ho attenuato di 10 dB ( gain 10 dB ), e allora almeno non mi ha messo gli inesistenti 29, 39, 45, e già la "faccenda" risultava più logica, quindi migliorata.

21-22-23-24-25-26-27-30-31-32---33-34-35-36-37-38-39-40-41-42---43-44-46-47-48-49-50-51-52-55-(30) fuori 56-59-60 perchè divenuti troppo bassi.

Piazzando l'indicazione gain "0" dB, che per la LEM ELETTRONICA significa massima attenuazione = minima preamplificazione interna, se ne sono andati ulteriori diversi mux, fra i quali il 32, 43, 49, 50, 52, che sono bassi in zona, e sommati ai tre mancanti già all'attenuazione di prima, fanno 8.

21-22-23-24-25-26-27-30-31-33---34-35-36-37-38-40-41-42-44-46---47-48-51-55-(24) fuori 8 mux perchè diventati troppo bassi: 32-43-49-50-52-56-59-60.

L'OUTPUT ( uscita ) generale, è impostabile da un minimo di 96 a un massimo di 116 dBuV . . . . MA, e sottolineo ma, quando si fa l'auto tuning, che trova lo stesso quasi 32 mux UHF, l'uscita che ci restituisce si aggira attorno ai 104-105 dBuV ( modificabili ) , non di più, segno che per avere dei buoni valori di MER e BER, la potenza giusta è quella lì. Come faceva anche la SIG 8008 della Fracarro-Johansson.

Non è presente una regolazione del TILT / equalizzazione, e allora manca quel vantaggio che si riscontra nell'Avant X, quando si esce con potenze importanti, dove il rumore dato dalla saturazione viene ridotto, e allora si può uscire con qualcosina di più.

Il tempo necessario per il riassestamento del CAG è anche qui di 10 secondi, perchè ho fatto il collegamento "secco" dell'antenna che ridava il ch. 25 precedentemente programmato, in mezzo al 24 e 26 dei due mux RAI programmati su altro ingresso, e ho cronometrato fino allo riapparire delle immagini RAI sul TV.

Anche se non si possono fare conversioni di 2, 3, 4 mux adiacenti, presi in blocco e spostati da un'altra parte, come fa l'Avant X di Televes ( ma non in zona dal 61 al 69 ), io preferisco avere a disposizione la porzione di conversione 61 - 69 di cui dispone la DSP40pro della LEM ELETTRONICA!

Tanto un blocco di 4 mux adiacenti di pari livello, a cosa mi serve spostarlo da dove si trova, che per adesso non c'è lo spazio libero, e un domani avremo come pare, solo 14/16 frequenze utili da programmare su 28 ( UHF 21 - 48 ), e forse un mux in B^ III^ VHF.

Concludendo, direi che la LEM ELETTRONICA, sempre generosa nelle "features" delle sue programmabili, si sia collocata anche questa volta in una posizione di preminenza.

Nessuna incertezza di funzionamento, estetica "accattivante", selettività fissa ma ottimale, potenza ai massimi livelli, e al momento ho riscontrato molti PRO e solo un CONTRO dovuto alla mancanza del tilt . . . ma siamo comunque fra i primi della classe.

--------------------------------------------------------------


Stefano, io ho visto una vecchia SIG 8008 Fracarro ( Johansson ), dentro a una scatola stagna grigia Gewiss, di poco più grande della centrale stessa, fissata al palo esterno, sopra a un terrazzo, con estati e inverni, è ancora lì che va.

In un sottotetto di Luglio, farà ancora più caldo perchè non si muove l'aria, però quelle J6700 che ho montato stanno ancora funzionando, sono bucherellate molto bene sopra e sotto e il caldo esce, sono abbastanza fiducioso.

[ 1 commento ] ( 39 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 103 )

<< <Indietro | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | Altre notizie> >>