453. Il "multibanda" con le "stampelle". 


99 Volte su 100, tutti i mux non ci arrivano bene e all'incirca di pari potenza da un'unica direzione, però disponendo di un centralino multibanda, con almeno i tre ingressi di IV^, V^, un bel UHF, e alcuni moduli di preselezione, si è sicuri di "cavarci i piedi".

Io mi sono trovato questo "multingresso", in cui il solito 25 trasmesso da Barbiano, in zona Bologna ovest, aveva bassa potenza e dei dati insufficienti ( dai 15 ai 20 dB di potenza in meno che i mux RAI 24 e 26 ).

Allora, sfruttando la già buona idea, messa in pratica dall'antennista precedente, non ho fatto altro che aggiungere un modulo per il 25 di CAIRO DUE, prendendolo dall'antenna verticale di Castel Maggiore, che insieme al 33, sono migliori da là.

Quando un mux buono "X", supera all'interno del centralino di 25 dB lo stesso mux "X" proveniente da un'altra direzione ( e per giunta tristo ), quello buono vince, facendosi vedere da subito "alla grande" all'uscita del centralino.

Stessa cosa anche in antenna, 25 dB in più del segnale co-canale tristo e indesiderato.

Poi, dato che in Italia, il ch 40 è per tutti non in banda IV^, bisogna preselezionarlo e farlo entrare in UHF, all'occorrenza con altri "sventurati".

E visto gli ingressi 21 - 32, 34 - 60, più un risolutivo, quanto mai indispensabile UHF, chi sposa l'installazione di questo centralino, sa che difficilmente, non riuscirà ad accontentare qualsiasi richiesta di un mux "trasversale" ma anche al limite, ricevuto molto meglio da una terza antenna UHF posta defilata un po' più in là dal palo principale.

Si può fare anche la soluzione dei tre moduli RAI, 24, 26, 30, che entrano in IV^, il 40 RAI con modulo da solo che entra in V^, e tutto l'UHF 21 - 60 verticale di Castel Maggiore, che entra in UHF.

Sta nell'antennista "ACCCQQUORRT", evitare sovrapposizioni di bande altamente pericolose, e poi tutto funziona.

--------------------------------------------------


Certo che guardando il disegno, se quei moduli fossero "telealimentabili" come i vecchi SIEMENS ( fatti dall'HELMAN ), potrebbero funzionare azionando l'interruttore che è presente su ogni ingresso dei centralini Offel ( e quasi mai usato ), fornendo i 12 volt c.c..

I moduli assorbono 15 mA, progetti l'Offel per reggerne 150 mA, e metti sul mercato dei 4 celle onesti assemblabili fra loro senza base, con un jumper interno per eventuale "pre" sul bocchettone davanti come erano i SIEMENS di 35 anni fa, e si risolverebbe la ricezione da due o più direzioni UHF, una diretta con la maggioranza dei mux senza filtri, l'altra secondaria "preselezionata" per i mux mancanti dalla direzione primaria.

-----------------------------------------------------------


Che poi ad Anzola Emilia con le programmabili, si è costretti a sovrapporre il 25, programmato da solo da Serramazzoni, in conflitto con la prog. 21-----27 fatta da Barbiano, e i dati fuoriescono alla grande lo stesso, in maniera incredibile.

------------------------------------------------------------------------


I modulini di preselezione usati negli impianti "canalizzati" ( modulari ), hanno in linea di massima un transistor al loro interno, per recuperare le perdite introdotte dal circuito delle 3 / 4 / 5 celle di risonanza, con le quali si è tarato il modulo per il solo multiplex da 7 / 8 MHz che ci interessa.

Quasi sempre, se si entra con un segnale X, all'uscita si ha lo stesso segnale dell'entrata, poi l'attenuatore può portarlo anche a zero.

Quindi, se entro con 70 dBuV, e all'uscita ho sempre 70 dBuV con attenuatore al massimo, si dice che quel modulo ha un guadagno pari a 0 dB.

I moduli della serie "KF" Fracarro, guadagnano invece 11 dB, quindi presumo abbiano al loro interno due transistor.

Se il ch 40 della RAI da Barbiano mi arriva con 84 dBuV dall'antenna orizzontale dedicata, vogliamo pensare che dall'altra, messa in verticale e che punta a quasi 90° di differenza, ce ne siano tanto più di 55 dBuV . . . è difficile, ma comunque si tratterebbe dello stesso segnale ricevuto molto più basso e non dovrebbe costituire un eco di ritardo, perchè siamo sempre lì sullo stesso palo.

Discorso diverso se è il 40 di Monte Venda ad arrivarmi forte in zona, ed è orizzontale anche lui, quindi sarà solo un po' meno facile sovrastarlo col nostro 40 BUONO.

Le trappole dei vari "mix MEF", hanno un nucleo per canale ( 2 nel circuito passacanale ), tarato nel centro, e qualcosina fanno, ma fra quel qualcosina, e io che entro con un modulo che posso anche precederlo da un 10 dB di preamplificazione, preferisco la versatilità del modulo, ed è poi un sistema facilmente espandibile con altri moduli.

I centralini che io chiamo "personalizzati", non gli ho mai retti, perchè le cose col tempo cambiano.

Una volta c'erano qua da noi i "IV^ V^ e ch 48 a parte" per RAI TRE, e quando c'è stato lo switch-off e il 48 è diventato quel mux nazionale che tutti conosciamo, in molti hanno cambiato il centralino, quando invece bastava aprirlo e svitare l'unico nucleo trappolino oltre il ch 69, adesso 60, e non usare più quell'ingresso "48" ( o rifarsi un'altro mef/canale lì vicino ). . . il centralino con il MEF incorporato . . . ma va làaaaaaa.

Adesso saranno tornati all'attacco con il ch 25, allora era meglio il principio "MODULI", che aggiornavi man mano che ti chiamavano i condòmini, perchè cambiavano le cose importanti via etere ( vedi CAIRO DUE ).

Comunque, ogni zona ha le sue realtà ( vasta zona ), perciò il mercato è quanto mai variegato, ma non posso tenere in macchina TUTTO il campionario che ha il mio fornitore sulle scansie, devo avere un "qualcosa" di valido per risolvere qualsiasi questione di mal funzionamento, perchè se devo ritornare, la cosa mi secca e mi aumentano i costi.

-----------------------------------------


Beh, sì Davide, bisogna che ci sia un prodotto ad hoc, per fare presto e non spendere una fortuna, ciao.

-----------------------------------------


Sì Cesare, hai ragione in tutto, ho in tasca l'inseritore della TEKO che abbassava pure la tensione da 24 V a 12, allora ho ponteggiato la resistenza di caduta per avere ovviamente i 12, se no mi diventavano 6.

So che capovolto estrapolo "la scossa" per i moduli che vanno a 12, ma non mi è ancora capitato un caso estremo, dove ci vorrebbe un modulo per il 25 in zona Rastignano zona via Valverde: i RAI 24 e 26 a PALLA con 90 dBuV, e un 25 da 55 dBuV in verticale . . . ma sono "a tiro" . . .

Ci sono andato e ho dato tutto con un'antenna verticale TELECO, e si vedono lo stesso i 4 mux RAI, addirittura il mux 42 di E' TV, e il 25 per il quale ci avevano chiamati.

[ 7 commenti ] ( 362 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 695 )

<< <Indietro | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | Altre notizie> >>