431. Il semi-canalizzato "Abarth". 
NOTIZIA 429:Emittenti in DTT a Bologna.


Immagine cliccabile.

Avendo recuperato moduli A.G.C. dell'HELMAN, ho "abarthizzato la questione" col vantaggio di avere un po' più alto il livello dei mux selezionati, che con i moduli a regolazione manuale ( pur rimanendo perfettamente funzionanti ) rimanevano all'occhio sempre un po' più bassi.

Dal 50 al 56, Monte Grande aiutami tu . . . il 57 è sempre a Castelmaggiore.

Il problema del degrado ( echi ) sugli adiacenti interessati dai moduli, è rimasto lo stesso dei moduli manuali, ma più per circostanze di ricezione ( fortuna ), che per altro.

Il controllo automatico di guadagno, serve a mantenere costante il livello di uscita al variare del segnale in ingresso, e siccome in analogico, il livello di uscita medio-ottimale di questo tipo di moduli si attestava sugli 80 dBuV, in DTT saranno circa 68, e allora mi vengono buoni per avvicinarmi alle "sberle" di Barbiano date dall'antenna Teleco che entra sotto al primo modulo di sinistra.



Immagine cliccabile.

Il led verde sta a significare, che in base alla regolazione del livello che mi vuole in uscita ( soglia CAG ), io mi trovo circa a "centro classifica", cioè, se chiudo mi si può accendere il led rosso superiore, dicendomi che il segnale in ingresso è troppo alto, viceversa se apro tutto, si accende quello inferiore segnalandomi che è troppo basso ( per le mie pretese in entrambi i casi ).

Qui sono tutti verdi per un pelo, in antenna non ci sono di certo delle alte potenze, difatti ci sono da anni i pre a cubo da 13 dB, e comunque sono i led inferiori che sono i più facili all'accensione ( basta che alzi un po' . . . ).

Il controllo però, funziona lo stesso indipendentemente dall'indicazione dei tre led, ma è sempre meglio raggiungere l'accensione del led verde con pre o attenuatori ( un tempo a ponticello ad attenuazione fissa -6, -12, -18 dB ), per una dinamica del C.A.G. ottimale.



Immagine cliccabile.


La banda III^ + UHF verticale fissa su Barbiano non è amplificata, anzi è divisa col PA 2 perchè serve anche il modulare con ch E6 e ch E12 DAB+.

Qui dal PC, sul ch E6 arrivano dei modesti 48 dBuV, però averne . . . il rotore e la loga fissa me ne danno 77 . . . schhhhh ( sob!).


Qui si vedono il 50 e il 52, più alti del 49, 51, 53, mentre da Barbiano sono invece più bassi.

Grazie a questi moduli ho potuto "sovrascrivere / asfaltare" i mux tristi a favore di una qualità catturata da altro sito più lontano e preamplificata ad hoc per il corretto funzionamento della dinamica del C.A.G.


Qui vediamo un bel 55 dato dalla Teleco su Barbiano, con un 54 "facile", ma un 56 tonico e alto che da Barbiano non esiste, e un 57 facile pure lui.


Il raro PP12 DC Fracarro


Difatti viene bloccata la c.c. in due punti precisi, per lasciarla passare nell'unico terzo punto rimanente, cioè sul morsetto dalla freccia in uscita.

Viene utile quando vi è un centralino da palo e dal sottotetto si vuole disporre di una seconda discesa di cavo, oppure in casa prima dell'alimentatore.


------------------------------------------


Sì Ermanno hai ragione, non ci avevo pensato, ma si tratta di mux sempre accesi, compreso il 57, quindi problemi zero, poi gli ho messi anche per far vedere ai ragazzi che roba c'era negli anni '80, il mio sottotetto è un campionario del top di quegli anni, in condominio ci sono praticamente solo io, l'antennista è sempre pronto a intervenire gratis, i 5 moduli manuali sono ancora lì su una sedia, la situazione è sempre monitorata da "remoto" ( camera mia ).
Speriamo che il sottotetto, che non è mio, non me lo tassino come seconda casa, ah, ah.
Anche perchè sono in affitto ! Che seconda casa d'Egitto.

------------------------------------------


Stefano, i moduli UHF di una volta, venivano ottimizzati internamente per il passaggio circa di 6,5 MHz, contro gli 8 del canale intero che oggi è diventato un multiplex DTT, questo perchè i confini fra inizio portante video e fine portante audio, stavano dentro a quei 6,5.

Difatti i panettoni che escono da questi moduli non sono pari superiormente, ma vengono giù prima e dopo formando una curva, e si vede bene per il 54, 56, 57.

Però, anche se il segnale mi si abbassa agli estremi del mux, la qualità non mi scende di quel tanto da non farmi andare quei canali scelti, quindi me li posso tenere accesi per un po' di tempo.

Avendo dei moduli "stretti" del passato, ho meno problemi con gli adiacenti in libertà presi da Barbiano, vengono interessati meno che se fossero proprio dei moduli moderni con banda passante da 8 MHz piatta, con quasi mezzo canale adiacente che "passa" a "rompere le scatole" a quelli belli e quasi perfetti, che si miscelano da sinistra, sotto alla bruta/spera in Dio.

[ 2 commenti ] ( 120 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1052 )

<< <Indietro | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | Altre notizie> >>