415. Filtri a innesto di passa banda terza "844 b3", e "passacanale D" TEKO. 

Spettro totale compresso, e si vede un po' di "pulviscolo" di FM sotto al 30, la banda III^ che va da 174 a 230 MHz, e staccato, il "gruppone" UHF Tetra + 21 - 60 + LTE fino a 821 MHz.

Quel pelo di FM rimane anche se tolgo alimentazione alla centrale.


Qui ho inserito il passa banda III^ prima dello strumento, ed è sparito tutto il resto, compreso il "pulviscolo" di FM che entrava da tutta la distribuzione passiva ( c'era qualcosa come 45 dBuV sulle emittenti FM più forti ).


Spettro completo espanso della banda II^ ( FM con solo dipolo verticale, 87.50 - 108 MHz ), il segnale più forte qui a casa mia è quello sui 103.10 MHz, ben 97 dBuV.


A filtro inserito c'è un calo di 41 dB, che non sono certo pochi.



Questo filtro si metteva quando si aveva già alcuni canali in banda III^, e non si voleva perderli mettendo magari un "passa D", o "passa G" soltanto, e il motivo era un segnale FM esagerato in antenna, causa di saturazione della sezione VHF del centralino non dotato di ingressi separati di banda I^ - II^ e quello di III^ ( ma solo un "VHF" complessivo ), e nel contempo non si aveva un filtro FM ( che invece TRAPPOLA l'FM ) . . .


All'interno c'è quello che serve per far passare il più possibile solo la banda III^ ( un passacanale largo 56 MHz ), ma ci sono casi in cui si hanno segnali di servizi sui 170 MHz, e lì sono dolori perchè non ce la può fare, farà qualcosa sui 144 MHz dei radioamatori.


------------------------------------------------------




Filtro passacanale sintonizzato in D / E5, e venduto chiuso "dalla casa".


Si metteva per salvaguardare il ch D ( il RAI UNO ANALOGICO, ora MUX UNO ) da tutte le altre frequenze del "mondo", quando si era obbligati ad entrare nell'unico ingresso VHF del centralino, il quale andava in saturazione perchè vi erano segnali "disturbatori" molto più forti di lui.


Filtro aperto "in casa", per far vedere i due condensatorini variabili, che assomigliano come principio a quelli delle radioline AM. Le viti non hanno un fine corsa, girano sempre su se stesse variando però la capacità e quindi la taratura.




Il mio spettro di banda III^ al completo, frutto di 5 moduli TEKO a 5 celle ( 5, 6, 9, 10, 12 ).


Il ch 10 è il mux Triveneta che arriva da Monte Cero, che insieme all'E9 RAI del Visentin, a volte aumentando per propagazione, mi fanno compagnia.


Con taratura sul ch D / E5, passa anche l'E6.



Con taratura sull'E9 . . .



Con taratura sul Block 12B del DAB ( un quarto di H2/E12 ).


Sembra però che la costruzione del filtro, abbia privilegiato una maggior discriminazione degli altri canali rispetto al D, che non nel caso opposto di taratura in pieno del canale H2, nella quale si nota una maggiore presenza dei canali indesiderati.

---------------------------------------


Aaaah Everardo, è un bene che salti fuori al momento giusto, perchè io posso arrivare fino a un certo punto, e l'importante è che quello che scrivo corrisponda a verità.

Spiega pure quello che a me manca, si arricchisce il blog, ciao e grazie.

[ 1 commento ] ( 104 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1064 )

<< <Indietro | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | Altre notizie> >>