379. 17 - 12 - 2014: Si volta pagina. 
Cioè, si passa da un centralizzato a larga banda a . . . ancora mantenendo questo sano principio, complice la zona favorevolissima, tentare altre strade avrebbe portato solo degrado, anche se lievissimo, ma non certo a un guadagno.


Si comincia a rottamare !



Sdraiare e distruggere ai minimi termini.



Un anziano al lavoro, esperto in "seghe" ( 4 bulloni nuovi ).



Direzione Barbiano e niente più.

UHF Offel R 43 Z e banda III^ 5 - 12 Fagor con PV 10 Fracarro.

In banda III^ vi sono solo l'E 6 di un mux locale ( DI.TV ) , e il 12 B del DAB plus della RAI.




Barbiano dista dai 7 agli 8 Km circa.



Il palo di base è un diametro 40 da 2 mm, lungo 2 metri, quello sopra è un 35 lungo 3 metri, anche se dalla foto non sembra ( grandangolo ).


Dopo quasi 30 anni, il vecchio centralino BOSCH da 32 dB in UHF, con 2 uscite, e livello di uscita max dichiarato di 108 dBuV ( in analogico ), ha mostrato la corda, e si era messo a fare alternata, tanto da far squadrettare le frequenze dal 21 al 40 circa.

Il cavo della 6 D, ridotta a una "3 D" dalla vecchiaia, a forza di sventolare ( perchè da anni si era sfasciato dal palo ), ha finito per rompersi del tutto, e allora ciao mux 1 RAI del Veneto.

Quindi, finalmente era giunta l'ora di rifare l'antenna, ma sopratutto, passare da un sistema di centralino a "larga banda" ( multibanda I^ - FM, III^ e UHF ), a un centralino . . . . . . . a "larga banda" ( multibanda VHF meno FM - UHF - UHF meno LTE ), che praticamente OFFRE la stessa identica visione, di tutti i mux che si vedevano prima con l'altro centralino quand'era performante ( 30 anni senza avere problemi di visione o non visione ).

Dovendo metterci per forza, un partitore a due vie per le due colonne condominiali, il mio Offel da 40 dB, è come se fosse stato un 36 dB, visto dal lato della distribuzione, poi con le nuove "norme" sui dati di uscita del centralino, questo modello dichiarava 125 dBuV ...... sè, domani, forse con solo mezzo mux largo 4 MHz, perchè con tutti quelli di Barbiano, buona grazia se mi sono mantenuto sui 105 dBuV per non pregiudicare il MER del ch 49 ( di riferimento ).

In antenna, già alcuni mux erano a 85 dBuV, meno 20 dB del centralino TUTTO CHIUSO, fa 65, più 40 di amplificazione fa 105, in più non contento, prima di entrare ci ho messo pure un equalizzatore variabile, che mi fa circa un "TILT" di 6 dB fra il ch 21 e il ch 60, così "sono andato giù pari".

Per MASTERONE, ho scelto un modello con 2 entrate UHF, non si sa mai, per sviluppi futuri di inserimenti di mux provenienti da Castelmaggiore, che E' anche lui a vista . . .

L'altro ingresso UHF l'ho "chiuso" con una resistenza da 75 ohm non isolata ( per darmi un "toner" da professionista ), tanto sapete come la penso.

Certo, alla fine era più indicato il modello da 30 dB, che dichiarava sempre 125 dBuV di uscita, ma dopo non quadrava col preventivo, l'altro era un 32 su due uscite . . .

Un 20 dB assolutamente no, la rete attenua più di 20 dB, poi non esiste un 20 dB che non si saturi entrandovici con 85 dBuV senza attenuare, a meno che non sia progettato come certi amplificatori di linea, nei quali si può entrare con segnali molto alti, 85 - 90, che allora si va vicino ai 110, ma "tiene".

Anche un Teleco dei miei sarebbe andato bene, fa 34 dB in UHF, livello di uscita UHF: 117 dBuV, quando li installo, non saturano fino a 105 - 108, e ci poteva stare, ma a un condominio così, volevo proporre un qualcosa di più serio, veniva da un'eccellente e trentennale BOSCH.

P.S. si ringrazia per le foto: Masterone.


Rilievi in San Donato ( attenti a quei tre ).

Antenna centralizzata in zona San Donato (Bo)

---------------------------------------------------------------




100 Metri di cavo SIVA da 6,8 mm.



Attenua 15 dB sul ch 21 e 19 sul ch 60 . . . equalizzare, equalizzare.



OOOOOOH, il partitore a 6 vie della FUBA, - 10 dB, anni '80.



C'era un cavetto schermato "mignon", centrale sull'ingresso e calza a massa, poi si avvolgeva per tre giri nella ferrite, fuoriuscendo, il centrale alimentava 3 resistenze e la calza alimentava le altre 3.
Così forse per induzione, sia calza che centrale, portavano lo stesso segnale ai due gruppetti di resistenze che servivano poi i 6 morsetti, tutti da meno 10 dB.

Cavettino del GAL 16 Fuba a 6 uscite.



Il coperchio più grande dell'Unione Europea.


Ciao Davide, tutte le antenne disposte in verticale, non devono avere il palo in linea con gli elementi, e specialmente lì, non volevo quella critica facile da evitare . . . AUGURONI !

Antonio, le antenne lunghe dell'Offel hanno la culla ausiliaria che già le distanzierebbe un po' dal palo, e non le ho mai viste con l'aggiunta di un PV 10, già piegano così.
Le ho viste sui traversini a U, con di là un'altra antenna . . . le montai così anch'io in via Faenza 3.

Auguri anche a te, ciao.

[ 4 commenti ] ( 160 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1168 )

<< <Indietro | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | Altre notizie> >>