369. Due interventi del Mmittico. 
Antenna di 3 pali, 60, 50, 42, sviluppata poco, resasi insufficiente per quanto riguarda la ricezione dei mux di Mediaset ( ma và ? ), 49 in primis con vistose squadrettature, poi il cliente aveva la CAM per Mediaset Premium . . . auguri.

Zona via Tolmino incrocio Montefiorino.

In direzione di Barbiano vi era una casa più alta, alla quale era stato fatto quel ponteggio anticaduta tutt'intorno, tassellato al muro, per i muratori che dovevano far dei lavori al tetto, perciò ho l'idea che tutta quella ferraglia, abbia dato il colpo di grazia alla già flebile visione del mux 49, che quest'inverno ce la faceva . . .

Segnale sul ch 49, 38 dBuV e barra del BER finale ben oltre il QEF, ahi, ahi, ahi.

Amplificatore da palo Offel con 2 ingressi, VHF e UHF da 20 dB regolabili, alimentatore nel sottotetto seguito da un partitore a due uscite dell'Offel, per servire i 2 appartamenti.


Modifiche del Mmittico: abbassamento dell'antenna con eliminazione della 6 elementi del ch "D", riposizionamento più in alto dell'antenna UHF sul palo di testa, che era un 42 prolunga con bulloni, chiuso in cima da un bel tappone in plastica, aggiunta di un'antenna Offel R 43 Z in verticale su Castelmaggiore, subito sotto a quella di Barbiano, i due cavi che arrivano nel sottotetto , vicino a botola per salirvi e non scavalcare più delle travi con passaggi scomodissimi.

Pali sviluppati del tutto, 15 cm. in più del 42, e oltre un metro il 50, che si vedono essere più lucidi nella foto.

Nel sottotetto viene il bello: Barbiano entra nei soliti 4 moduli, 24, 26, 30, 40, l'uscita si miscela tramite uno splitter a due uscite rovesciato, con l'altra antenna verticale di C.M., l'unico cavo ottenuto entra nell'ampli dell'Offel da 20 dB in UHF, e il gioco è fatto, funziona tutto e siamo a posto.

L'uscita dell' Offel si attestava sugli 80 dBuV sui più alti.

E' ovvio che a suo tempo, l'antenna non l'avevamo fatta noi . . . però alla fine mi son scordato di vedere se il segnale del 49 di Barbiano, andando più in alto, era migliorato come qualità . . . peccato.

-----------------------------------------------------------------------------



Qui ci hanno chiesto una soluzione per poter eliminare quel traliccio alto e pericoloso.

Abbiamo fatto accurati rilievi e preventivato un paletto con 2 antenne: Barbiano, del quale praticamente se ne vedeva il traliccio anche da basso, e una verticale "verso" C.M. per acchiappare un sufficiente ch 36, perchè "stranamente", di funzionare da Barbiano, non ne voleva sapere . . . i "TIMB" ch 47, 48, 55, 60, belli come il sole, I Mediaset NO, BOIA !

Subito dopo la RAI, vengono gli apparati di TIMB . . . MER in antenna, sempre "alla grandissima" !

Quindi, di nuovo centrale a moduli, quasi tutti su Barbiano, e alla fine mi sembra, i ch 36, 37, 38, presi alla bene meglio verso Castelmaggiore, con un pre d'aiuto e il segnale che si incunea fra i palazzoni di Via della Salute.



Dettaglio della testata, che avrà dai 20 ai 25 anni ... prima del traliccio, alla fine degli anni '70, facemmo noi un palone alto quasi così composto da credo 6 pali: 80, 70, 60, 50, 42, 35, che tirarono poi giù quelli che fecero questa imponente struttura.

L'antennista in questione fu Isano Cesari, installatore "super" di materiale esclusivamente HELMAN ELETTRONICA, di cui era mi sembra, pure il rappresentante.

Coppia di pali neanche sviluppata del tutto, con in cima una TELECO a più elementi del solito ( 66 ) su Barbiano, per vedere se il 36 ce la faceva, ma quando un MUX ti arriva "idiota", non c'è antenna che tenga, e sotto un'altra TELECO normale ( 43 ) in verticale verso C.M., anti acqua nel dipolo, per un 36 dal panettone tutto frastagliato, ma con dei dati sufficienti per un discreto funzionamento ( un raro vantaggio del DTT, insieme all'assenza di riflessioni ).

Il "D" di Monte Venda l'abbiamo salutato, così non se lo ritrovano più fra i piedi durante le sintonie, e per adesso vanno avanti così.

Lo stabile è lungo e basso, rispetto ai palazzoni circostanti di 8 piani.

Questo è di 3 più il rialzato, ci sono 5 civici, 1, 3, 5, 7, 9, l'antenna è sopra al N°5, ogni porta ha 8 appartamenti, quindi 40 in tutto.

La distribuzione è in orizzontale a prese in serie Helman differenziate da - 22, 18, 14, 10 dB, e quando rifacemmo l'antenna con i 6 pali e la distribuzione noi, il tutto funzionava con 2 centralini multibanda da 36 dB della FUBA.

Adesso sono pronti per lo smontaggio del traliccio, tramite grossa autogru piazzata dalla strada, e se ci andassi io sul cestello, mi porterei attrezzi, sega, fune per calare i pezzi, e partendo dall'alto, penserei proprio ancora di farcela.

A rompere siam buoni tutti.

Adesso le antenne in cima al traliccio sono abbandonate, funziona tutto con un modulare servito dalle due antenne a basso, su altro palo . . . quando vogliono, possono far venire l'autoscala e qualcuno che smonti il catafalco.

---------------------------------------------------------------------------------------


Giovanni, ai tempi dell'analogico avevamo molti punti dove indirizzare delle antenne VHF - UHF.

1 ) RAI Barbiano UHF-o. per i ch 31, 28, 48 + i privati, i quali erano ANCHE in verticale solo verso SUD.
2 ) Castelmaggiore UHF-o. e v. ( 2 antenne ).
3 ) Monte Venda VHF ch D-o. per RAI UNO e UHF ch 25-o. per RAI DUE e 32-o. per RAI TRE Veneto. ( 2 antenne ).
4 ) Osservanza UHF-o.
5 ) Torre degli Asinelli per RAI UNO ch G-v.
6 ) Bologna est, Monte Grande di Calderaro UHF-o.
7 ) Bologna nord - ovest, Monte Faeto / Monfestino / Serramazzoni ( Modena ) UHF o., praticamente solo ch di banda V^.
8 ) Bologna ovest, Grattacielo di Casteldebole, 2 gap - filler UHF-v. per RAI TRE EM. R. ch 65-v. e LA 7 ch 30-v.
9 ) Velo Veronese - Monte Stoze ( VR ) UHF-o., che col DTT è ritornato in auge.

Appena a sud di Bologna:

10 ) San Luca UHF-v. per i privati.
11 ) Cà Nova - Musiano ( Rastignano ) RAI UNO ch H-v., RAI DUE 47-v. ( all'inizio 31-v. ), RAI TRE EM. R. 60-v. ( all'inizio 41-v. ) ... ( 2 antenne ).

Oggi non esistono più le postazioni 4 e 5, ma la 7 è UHF, e la 1 ha la RAI con una potenziale banda III^ verticale da "accendere".

Giovanni, per i tempi di allora, su quel traliccio ci volevano proprio quelle 6 antenne . . . dalle quali si sceglievano i canali migliori, e si canalizzavano quelli.

Esempio: i Mediaset arrivavano da 4 o 5 postazioni, retequattro era sul 45, 50, 54, 64, 69, canale 5 era sul 23, 24, 36, 39, 59, italia 1 era sul 35, 50, 57, 61, 63, si guardavano nello strumento i più belli, su tutti i canali UHF, da tutti i trasmettitori, e questo richiedeva tempo.

I "trittici" R 4, Can 5, Ita 1 erano: Barbiano 64, 24, 35, Monte Grande 50, 39, 63, Castelmaggiore 54, 23, 57, Serramazzoni 1, 45, 59, 61 ( Serramazzoni 2, 45, 56, 49 su Modena ), Monte Stoze 69, 36, 50, San Luca 50-v. 39-v. 63-v.
E all'inizio dall'Osservanza 36/41, 58, 31. Questa è storia!

Il ch 50-o. se lo dividevano ( conflitto ) Retequattro da Monte Grande di Calderaro e Italia 1 da Velo Veronese.

Se Mediaset avesse progettato meglio la pannellatura per il DTT da Barbiano, oggi in più zone, sarebbe bastata UN'ANTENNA SOLA.

In Bologna, nei modulari, è capitato anche di montarne 6 e lasciarne staccate 3 . . . erano tempi di vacche grasse e grasso che colava . . .

A Imola, si vedevano anche pali con 10 antenne in linea, e io dicevo . . . per veder bene 8 canali . . .


[ 7 commenti ] ( 284 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 1370 )

<< <Indietro | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | Altre notizie> >>