288. Come piovevaaaaa, . . . Come calavaaaaa !!! 
Dal giorno 7 luglio 2007, data in cui montai una Record 47 D Offel in verticale sotto le 2 antenne verso Venda, ogni volta che piove con una certa intensità e durata, i segnali provenienti da Castel Maggiore, ricevuti e immessi nel mio impianto canalizzato "super livellato", calano inesorabilmente e si riprendono solo quando "la faccenda" si sta progressivamente asciugando, e quindi è in corsa per tornare alla normalità.

Adesso con l'ultima nevicata, è stato "il fiocco" che ha fatto traboccare il vaso.

Alcuni mux che prendo da CSM vert. sono: il 41, 43, 44, 45, 50, 52, 56, e dato che la neve di questa volta era bagnata e pesa, e prima era nevischio, sul dipolo si è appoggiata una "spugna d'acqua" che deve averne fatta entrare più delle altre volte, rispetto a quando le condizioni erano di normale pioggia.

Fatto stà che il 43, una sera ha toccato un minimo storico di - 18 dB, in raffronto con quello che di solito ha insieme a tutti gli altri mux dell'impianto, e anche le altre 5 frequenze ricevute dalla stessa antenna, non se la passavano troppo bene.

Ho perfino fatto un salto nel sottotetto, per rendermi conto rapidamente della situazione in antenna, e sul 43 vi erano appena 45 dBuV contro i 63 di quando "c'è il sole".

Non era colpa del pre a ponte Helman, tantomeno falsi contatti nella ponteggiatura moduli, è proprio che quando piove l'acqua va alla bassa, e un dipolo come quello messo in verticale ( non è l'unico ), "trangugia" H2O che è un piacere.

La fessura a occhio, sarà di mezzo millimetro, e sotto vi è quell'altra, quindi vi è in fretta uno "scarico" e un ricambio d'aria, difatti la mattina seguente che non vi erano più precipitazioni, lo spettro era tornato pressochè pari.

Poi è trent'anni che le montiamo in verticale, e non ci ha mai chiamato nessuno, e comunque, da me, anche il 43 con 18 dB di meno, non azzardava a squadrettare come dal resto tutti gli altri che erano sotto un bel po' di neve !

Oggi, 6 Marzo, ha piovuto tutto il giorno, arrivo a casa alle 18 : 30 e guardo lo spettro se mi dà degli ammanchi sulla verticale, macchè, i mux ci sono tutti, allora daremo la colpa solo alla neve, che sull'Offel messa in verticale, crea dei grossissimi cali di segnale, mentre dalla loga fissa verticale Fracarro LP345HV puntata su Barbiano, quando piove cala sempre e solo di 10 dB ( per poi ritornare ), il DAB sull'E 12 ( 12 A ), e per adesso la concludo così.


Oggi, 9 Marzo, sta piovendo, sarà il tipo di acqua, ma qua son calati solo i mux dell' Offell R 47 D verticale, ch 41, 43, 44, 45, 50, 52, 56, e quest'ultimo staziona a 42 dBuV, mentre il 51 e il 53 da Barbiano sono fermi a 66 ! ! !

Il ch 57 non cala mai perchè è ricevuto dalla loga fissa vert. su CSM, dalla quale arriva un po' meglio.



10 Marzo mattina, ha smesso di piovere, tutto tornato alla normalità . . . va là che l'acqua entra !



Dipolo recuperato da una vecchia Offel K 47 E ( ch 36 - 82 ), che era stata montata in orizzontale su Serramazzoni.



La fessura incriminata ( si vede la testa della vite situata internamente ).




Scatola aperta e asciutta, anche se vecchia e con contatti arrugginiti e ossidati.




Qualche minuto sotto la doccia ( perchè l'acqua costa ), e poi per me doveva bastare.





Difatti . . . Veneziaaaaa, l'acqua entra che è un piacere, provate se vi capita, poi nella foto non si vede, ma c'era già appunto un rivolo d'acqua che collegava il lamierino del semidipolo superiore, col lamierino del semidipolo inferiore, creando un "corto" e falsando non poco l'impedenza dell'insieme . . . hai voglia che il segnale non calasse, poi che sarò stato lì con la doccia, non più di 4 minuti !

Dico solo una cosa: il dipolo delle BLU Fracarro è costruito in modo che, anche se messa in verticale, la cosa è ininfluente ai fini dell'infiltrazione di acqua, semplicemente perchè i due semidipoli sono fissati esternamente al contenitore tramite viti passanti con dadino all'interno, e da lì acqua non ne passa, in più il coperchio è rotondo e a vite . . . una "roccia" !




Cad 13 aperto.





Uno crede che, vedendo i due morsetti dei montanti così vicini, il tragitto sia breve . . . sé, domani !

Saranno circa 20 cm, 7 di una pista, x 2 fa 14, + i 2 filetti nudi = 16, + il filo verde = 20, va mò là . . . perde anche poco di passaggio ! ! !





Il segnale entra, ed è convogliato subito per mezzo di quel filettino nudo, su di una pista di rame ( con adiacente un'altra per il prelievo ), che fa un giro in quadrato, per poi terminare sul contatto dell'unico filettino verde, che trasporta il montante di là sull'altra basetta . . .





Una volta arrivato sull'altra basetta, il segnale ( sempre del montante ) ripercorre una seconda pista ramata in senso quadrato, e quando arriva alla fine della pista, vi è un'altro filettino nudo che riporta il montante in uscita all'esterno sul morsetto out.

In questa foto, si vedono 2 piste che affiancano quella centrale col segnale montante, e per induzione, fanno appunto il prelievo induttivo direzionale da mandare ai 2 morsetti di prelievo.

Dall'altra parte vista prima, vi era solo una pista di prelievo perchè è un CAD 13.

Ogni prelievo, ha poi una resistenza verso massa da 75 ohm a fine pista, a inizio pista, vicino a dove c'è l'arrivo, parte il filetto nudo che va al morsetto di prelievo in uscita.

Quindi, i morsetti dei prelievi lasciati inutilizzati, è inutile chiuderli ( escluso la presenza di celle BTS a un metro dal CAD, non si sa mai ).



Le resistenze: due di qua e una di là.





Centralino programmabile per 3 antenne UHF ( NO VHF ), privo di finale di potenza, ma comunque con guadagno superiore ai 5 dB.

Gli ho collegato in UHF 2, il mio cavo "comodino", programmato tutti i gruppi di mux: 21 - 27, 28 - 34, ecc., attenuazione tutta disinserita, ed è tornato fuori tutto il mio spettro con dei 75 dbuV un po' su tutti i mux.

Si tratta di una Johannson fatta per conto della Mitan, e va bene.

[ 1 commento ] ( 111 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 1607 )

<< <Indietro | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | Altre notizie> >>