267. Commutatore DiSEqC per normali antenne TV ( DTT ) . 
10/11 - h 16. Elio è a casa e abbiamo aggiornato il più possibile la lista dei mux.

Non è in formissima e risulta davvero provato, ma è normale, sarà questione di tempo, almeno la forza di stare un po' al PC ce l'ha, ed è un segno positivo, vedremo.

h 20. Ovviamente mi sono sfuggite 4 "cosettine" che ho già messaggiato a Elio, ma intendiamoci, a me piace tener dietro le variazioni delle emittenti come una collezione di figurine INFINITA, ma non pensiate che io stia a guardare "chi canalàz che lé" ! ! ! ( Sinceramente preferisco il "TUBO ROSSO" ).

A Cà Nova Musiano, detto da Elettt, accesi 35 e 41 e spento 62, mi toccherà andare a fare un giretto d'ispezione nel parcheggio dello "Spaghetto".

6 / 11. Per il DTT FORUM . . . I grandi bussolotti arancioni da palo cilindrici ma leggermente conici, che mi capitarono per le mani, furono nel mio caso dei convertitori, ed erano prodotti da "Elettronica Industriale" di Lissone ( MI ).

Mentre qua a Bologna, agli inizi di Svizzera e Capodistria ( 1974 ), furoreggiavano altri veri e propri "bussolotti" di alluminio verniciati di un verde smeraldo intrigante che con gli anni andava poi a svanire, e vennero sostituiti presto con degli analoghi ma in plastica verde, perchè ci accorgemmo tutti che essendo di metallo, il preamplificatore di B^ V^ contenuto all'interno, autoscillava spesso e volentieri.

La marca era "Elektra" di un certo "Mingardi Napoleone" di Sasso Marconi ( BO ), ed erano vendutissimi da "Pelliccioni" in via Mondo a Bologna, quartiere San Donato, e forse ancor prima quando era in via Val d'Aposa, in centro ( 1972 ).

_________________________________________________________________________

L'idea mi venne quando l'amico Corrado, mi mise tra le mani un commutatore a relais a 4 ingressi e un'uscita, per cavi da 50 ohm, roba da radioamatori . . .

Bello questo, dissi io, e prontamente aggiunsi: ma perchè non te lo monti "lassù" vicino alle tue tante antenne, e ci metti dentro 1) Barbiano, 2) CSM Verticale, 3) Monte Venda / Velo, 4) Monte Grande / Calderaro ?

Si può fare, disse lui, ho proprio un cavo multifilare che da qui giù in garage mi arriva fin su . . .

Il venerdì dopo, c'era già il pommello / commutatore a 4 posizioni installato sul mega - pannello di controllo, che azionato, faceva vedere sullo strumento UNA OHM, il variare dell'intero spettro UHF in corrispondenza delle 4 direzioni d'antenna prescelte . . . quando si dice: il braccio e la mente ( solo che, in soggetti come noi, questi sono intercambiabili a commutazione automatica gestita dal cervello ).

Allora, perchè non immettere sul mercato un commutatore DiSEqC per tradizionali antenne TV, a 4 / 8 ingressi e un'uscita di discesa per impianti singoli ( l'evoluzione dello storico scatolino rosa "DEV 1" Fracarro a commutazione manuale giù in casa, che tante soddisfazioni mi ha dato in passato ), destinato agli appassionati "smanettoni" ? ? ?

Magari, fare anche la versione "attiva" da 13 dB su ogni ingresso, riservata per quelle zone dove, dalle varie antenne, c'è un range di potenza che va da 45 a 55 dBuV, e che sia sempre ad amplificazione attivata, solo sulla "porta" selezionata e non sulle altre, così la separazione rispetto agli altri ingressi ( "spenti" ) sarebbe ancor più elevata.
Ingresso / porta 1 = solo B^ III^, 2) = III^ + UHF, dalla 3 alla 8 solo UHF.

Giù da basso, ci vorrebbe un'interfaccia ( generatore di comandi DiSEqC ) con spina di corrente, display a numeri rossi dall'1 all'8, telecomando . . . proprio come quello dell' "Omnisat" della mia parabola ( 20 posizioni ).

Oppure un decoder DTT avanzato con dentro queste opportunità, perchè di equipaggiarne i TV non ne parlo neanche !

Sarebbe l'alternativa all'impianto privato-singolo-canalizzato-completo-costosissimo, sempre da tener dietro come aggiornamento moduli, e che, in quella sera dove il 49 è OUT, te lo tieni OUT finchè non riaffiora ! ! !

Il rotore può richiedere le 2 discese di cavo per l'antenna O. e l'antenna V., quindi è più brigoso oltre che "non immediato" come una commutazione elettronica istantanea.

Tornando al commutatore DiSEqC per antenne TV, che mi sembra non esistere ancora in commercio, nell'ingresso "1" si potrebbe anche mettere, grazie a un mix VHF / UHF, pure l'antenna di Banda III^ E5 / 12, così la versione a 4 ingressi, diventerebbe una 4 + 1.

Poi, nel caso arrivassero 2 "MUX 1 RAI", un E5 da una parte e un E9 dall'altra, altro mix V - U, e si prenderebbe dentro anche quello magari di un'altra regione adiacente.

Cosa aspettano le case costruttrici a metterlo sul mercato . . . 3 belle OFFEL K 95 D in 3 direzioni diverse, con all'occorrenza, pure una di queste in verticale, e nel 4° ingresso, il cavo proveniente dalle 2 antenne accoppiate esistenti ( se le hai ), e il gioco sarebbe fatto . . . baaasta con "bussolotti" mangia segnale a tradimento dalle adiacenze pericolose!

Si potrebbe chiamare "SDR": "Signal DTT Router" o "SDD": "Signal DTT Distributor" . . . Fracarro e tutte le altre, sveglia, pagate Eutelsat ( inventore DiSEqC ) e mettetelo in produzione !

Un decoder così "Abarthizzato", si comporterebbe pari pari come uno prettamente satellitare: a chiamata canale, sintonizzato precedentemente alla "posizione 4", lui automaticamente impartirerebbe i segnali DiSEqC corrispondenti alla porta 4 lassù sul tetto ( niente di nuovo ) . . . se sono riusciti a pilotare 16 LNB per altrettanti satelliti con tanto di toni e voltaggi vari, vuoi che non sia possibile per il DTT Terrestre ?

( ( ( Tu, Offel, non stare "ferma" a dormire "sull'alloro", anticipa tutti con un commutatore elettro-meccanico a 4 vie, pilotabile a 6, 12, 18, 24 Volt, poi fai in modo di avere la telealimentazione fissa a 12 Volt, selezionabile tramite ponticelli, spostabili direttamente sullo switch a 4 . . .
Giù a basso, uno scatolotto a 220 Volt, con entrata e uscita "F" per cavo TV, fornito di display e telecomando annessi, fine.
Non si pagano neanche le "royalties" per il DiSEqC verso terzi ! ) ) )

Poi per segnali bassi, si potrebbero interporre o un'amplificatorino di linea da 10 dBuV ( E5 / 60 ) subito dopo l'uscita del commutatore, oppure preamplificatori "mirati" messi prima degli ingressi, alimentabili dal commutatore stesso con ponticelli spostabili, o in automatico "per assorbimento", questo grazie alla telealimentazione sempre presente, uscente dall'interfaccia giù in casa ( 12 V ), obbligatoria per fer funzionare il router DiSEqC.

Nei decoder si farebbe prima una ricerca automatica sulla direzione di maggior "successo / canali ottenibili / RAI compresi", poi via di ricerca manuale dalle altre direzioni disponibili e non "incasinate" da miscelazioni inappropriate, o appropriate ma non del tutto rassicuranti.

A Ferrara ci vorrebbe quello a 8 ingressi: Venda VHF E5 / 12, Venda UHF, Barbiano, Serramazzoni, Velo Veronese, Aranova, Monte Nanos, e l'ottava la lascio scegliere a Voi che siete del luogo.

Facciamo un esempio, mettiamo che una sera d'estate, il forte "fading" ci metta pesantemente del "suo", e che un mux a caso ( il 49 da Velo ) sia a schermo nero . . .

Grrrrr, proprio stasera che c'era un programma su Canale 5, dove era ospite Belpietro . . .

Voi prendereste il telecomando della vostra interfaccia "rotore / router / fisso" e vi sbizzarireste a vedere da quale direzione potrebbe arrivare un segnale alternativo utile . . . 2? NO, 3? NO, 4? NO, 5? NO, 6 Aranova daiiii, salvaci almeno tu . . . PAF, ooooh, Belpietro in tutto il suo splendore . . .

Anche perchè con l'"SFN", non c'è neanche bisogno di risintonizzare, i canali del 49 sono già lì memorizzati nel TV, e devono solo "magicamente" riapparire.

Si può fare anche in una casa propria con 10 prese: si mettono l'"SDR" e l'interfaccia nel sottotetto, l'uscita si demiscela alla bisogna per rientrare nel centralino esistente ( magari lasciando la B^ III^ già inserita lì al suo posto ), l'interfaccia si comanda a distanza tramite una "coppia di ripetitori di telecomando" ( uno nel sottotetto e l'altro in casa nel salotto "buono" ) e comodamente in poltrona, si evita di fare le scale fin su, per staccare un'antenna e inserire quell'altra, ( caso presente nel Forum "discussioni tecniche" ).

Poi vabbè ci sarebbe un telecomando in più ( interfaccia "SDR" o decoder DTT con "SDR" integrato su impianto singolo monocavo ), ma che differenza farebbe per uno smanettone . . . io ne ho più di 30 ! ! !

________________________________________________________________________

Mi ripeto


Ragazzi, il sistema è studiato per i possessori di antenna singola, che non vogliono o possono farsi un sistema "a rotore" come il mio, dotato di 2 logaritmiche combinate di III^, IV^, e V^ ( O. e V. ) POCO performanti, e per di più, con 2 discese d'antenna.

Sei stanco dei soliti "scatolotti", o di "smanazzare" il comando del rotore, perchè hai 5 e passa direzioni utili da cui attingere, e ti manca per giunta la UHF verticale ?
Ecco il sistema ad antenne "ROUTERANTI" fisse ( commutatore + decoder ) che fa per te: router DiSEqC a 8 ingressi e un'uscita . . . ci metti dentro quello che vuoi . . . giù in casa, decoder DTT con DiSEqC "embedded", e buona visione ( quasi immediata ) da tutte le direzioni prescelte ! ! !
. . . Eeeeeh, magari esistesse un sistema così . . . peccato ! . . . che peccato ! ! . . . ( Raimondo Vianello - Sandra Mondaini - Gianni Agus, Stasera niente di nuovo 1981. su You Tube -MI-CI-DIA-LI- ! ) .

________________________________________________________________________

Per l'appartamento con più prese, la cosa si fa più complessa.

Esempio: mi devo creare 2 insiemi d'antenna commutabili in questo modo, divido con uno splitter l'antenna di B^ III^ in 2, e grazie a un mix V-U e un passacanale triplo, posso fare E 5 + i RAI 26, 30, 40 da Venda + tutto Velo UHF, e questo è il primo insieme d'antenna che andrò ad immettere nella "porta 1" del mio DiSEqC.

Il secondo insieme sarà formato dall'altro cavo con l'E 5, tutto l'UHF verticale di Aranova e magari un passacanale quadruplo per i RAI 24, 26, 30, 40, da Barbiano se arrivano ( se no divido in 2 anche l'antenna di Venda UHF ) e sempre dopo un mix V-U, entro poi nella "porta 2" del commutatore.

L'uscita dell'interfaccia + commutatore, sistemata nel sottotetto, entrerà in un centralino di linea VHF + UHF da tot. dBuV ( 20/30/40 ), avente un'ingresso unico, 2 regolazioni V - U separate, e un'uscita verso la distribuzione com'era prima.

( Oppure, se avevo già un centralino con i 2 ingressi VHF-UHF, non divido l'antenna dell'E 5 e la lascio nell'ingresso VHF, così non compro nemmeno i 2 mix V - U ) .

I televisori saranno stati preventivamente sintonizzati sia sull'E 5 che sul 24 RAI, tutti gli altri canali saranno in "SFN", quindi quando si commuterà, non si dovrebbe perdere niente d'importante.

Per quelle sere, che da Velo Veronese, il fading annullerà completamente la ricezione, il capofamiglia dirà: occio che commuto eh ? !

E commuta ! ! ( l'interfaccia nel sottotetto, funzionerà grazie a una coppia di ripetitori di telecomando, uno in salone e l'altro su davanti all'interfaccia )

Sempre meglio avere un'alternativa, che rimanere come dei pirla inca**ati, davanti allo schermo nero con la scritta "NO SIGNAL".

Ma questo principio poteva funzionare anche prima, se ( non lo so ), in assenza di segnale da Velo, da altre direzioni qualcosa di utile fosse mai arrivato ( forse Serramazzoni ??? ).

Scusate tutte le ripetizioni più o meno simili, ma sono le varianti applicabili, disponendo di un sistema di commutazione remota strettamente personale, che renderebbe possibile la "libertà di scelta mono direzionale", data dall'impiego di più antenne .

___________________________________________________________________


Ermanno, anch'io montai nel passato un alimentatore Teko con i 12 volt + e - per selezionare 2 antenne di banda V^ in un "pre" a 2 ingressi ad Anzola Emilia, Corticella e Monte Faeto / Serramazzoni, e ovviamente funzionava alla grande !


[ 14 commenti ] ( 550 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1938 )

<< <Indietro | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | Altre notizie> >>