117. TIMB in gran spolvero a Casteldebole- (Bo). 

Pannelli nuovi e parabola in ricezione, per trasmettere i 3 mux 47, 48, 60 di TIMB in verticale verso Casalecchio.

Quelli verdi, sono della Rai, e al momento irradiano solo il mux 1, sul ch 24 UHF verticale.

Più è anche presente un 21 vert. di Rete 8 nord, totale 5 mux.


Mi son detto, ricostruisco "canalizzati" ai clienti tutti i giorni, possibile che non riesca a ripareggiare il mio?
Allora mi son messo lì, e ho ricomposto la preselezione di tutti i canali "utili" che mi provengono da Barbiano, aprendo alcuni moduli con l'intento di "restringerli" come banda passante, e ritoccandoli alla bisogna sulla taratura, una volta concatenati (ponticellati) TUTTI !

Ed ecco come si presenta lo spettro digitale 21 - 66 (69).
A parte le frequenze totalmente libere, vi è il 23 tenuto un po' basso, il 28 pure, del 44 non ne ho più, il 45 da M. Grande ha un "buco" (notch) proprio in antenna ma funziona (è quello che punta sulla S di SPAN), il 51 dal Veneto, il 59 "farlocco" da M. Grande che ha il coraggio di funzionare (punta sul 5 di 500), e il 65 di Tele Romagna che è basso ma . . . ovviamente va.

I mux che mi provengono da lontano, o comunque deboli, non si possono portare "agilmente" ai livelli dei mux (potenti) locali, altrimenti si vanno ad alterare vistosamente i "panettoni" perfetti dei canali (moduli) ADIACENTI, questo perchè sono tutti a 4 CELLE (di risonanza), quindi non molto selettivi. Andrebbe meglio se fossero a 6 o a 8 celle, e adesso che sono riuscito a ottimizzare il tutto, me ne sto sul modulare "AD LIBITUM" e aspetto il riempimento (forse) delle frequenze rimaste ancora libere.

Poi c'è l'annosa storia del Rai tre del Veneto, che ce la trasciniamo dall'ottobre del 1979, quando accesero il monoscopio "RAI TRE" sul ch 32 da Monte Venda. Allora, tutti a montare l'antenna "del secondo" (ch 25) verso Venda (10 BL4 Fracarro) perchè pigliavi anche Rai tre, piuttosto che verso Barbiano (ch 28), poi quasi 3 mesi dopo, verso fine anno, accesero qui da Barbiano RAI TRE EMILIA R sul ch 48, e allora tutti a montare la "10 47-53 Fracarro" e "passacanale MEF 48".

Ora, il (falso) problema, si è ripetuto apparentemente in maniera più acuta, perchè tutti quelli che vedevano RAI UNO analogico dal Venda sull'E5 (che sono una marea), si sono ritrovati GRATIS, il mux 1 della Rai, però col regionale del Veneto, e la frequenza E5, è proprio la prima che quasi tutti i decoder (99% e i TV) incontrano come "INIZIO DELLA RICERCA AUTOMATICA DEI CANALI", che parte proprio dal ch E5 (D) al ch 69.

Adesso, ammesso che la propria situazione d'antenna, fornisca al decoder / TV, anche l'altra frequenza contenente il mux 1 RAI con l'Emilia-Romagna (ch 24, o fuori Bologna anche il 54 e l'E9), ci sono 3 sistemi per risolvere il problema di avere sulla posizione 3 del TV o decoder, il famigerato "RAI TRE TGR EMILIA-ROMAGNA".

1° = Staccare il cavo d'antenna dal TV /dec prima di avviare la ricerca automatica, avviare la ricerca e trascorsi circa 5 secondi ( magari vedendo se la scala di sintonia, se c'è, abbia già oltrepassato la lettera D, oppure E5, E6, E, 177,5 MHz ), AFFRETTARSI A RICOLLEGARE IL CAVO D'ANTENNA AL TV / dec, così da sintonizzare tutti gli altri canali MENO quello incriminato che non vogliamo vedere (l'E5 di Venda).

2° = A ricerca automatica ultimata, richiamare il menù, e portarsi su "riordino canali" per cancellare i 3 Rai del canale D (Veneto), poi (se c'è) su RICERCA MANUALE, comporre il ch 24 ( o 9 / E9 / 54 ), avviare ricerca, e se lo trova, dovrebbe mettere tutto il mux dell'Emilia-Romagna, quindi sul numero 3 metterci ovviamente il "nostro".

3° = Alcuni decoder mettono due RAI UNO su 2 numeri 1, due RAI DUE su 2 numeri 2, e i due RAI TRE (Veneto e Emilia) su 2 numeri 3, ogni decoder "ragiona" nel modo in cui gli è "stato detto" (in fase di fabbricazione / softwere / firmwere ) di ragionare. In questo caso, o si riordinano manualmente dal menù, o si adottano i casi 1° o 2°.

Che poi tutta 'sta colpa la RAI non ce l'ha, è vero che ha spento l'E9 digitale e il 48 analogico a favore di un ch 24 digitale (che avevano in moltissimi, visto che era un canale 5 analogico qui in città), l' E 9 Rai mux A, era però acceso da 7 anni, e in molti si sono ritrovati spaesati dal RAI TRE Veneto, saltato fuori come per magia al posto di quello emiliano che gli è scomparso, poi magari molto più avanti nella lista hanno anche quello "nostro".

La RAI senza volere, ha tenuto fede al suo slogan: DI TUTTO, DI PIU'.
Hai pure il TGR Veneto ( mazza oh, che giornaliste ! ! ! ), e ti lamenti !
Ho letto cose sui giornali: "La RAI deve risolvere questo problema !", A ridatece i sordi der canone ! E noi nun pagamo più ! Ci mettono di mezzo la politica, che in moltissimi casi è un problema tecnico di "impeditisia" dell'utente finale, alle prese con decoder giocattolo.

E quelli che hanno perso Premium Gallery / D-FREE, che con lo switch - off, è passato dal ch 41 dov'era, al ch 50 (frequenza nazionale) che a Bologna non era quasi per niente usata ( il calcio dal 58 al 52 ), e che in molti casi devono richiamare per l'ennesima volta l'antennista ?
Una PAY TV, fatta per via etere terrestre, è più facilmente soggetta a cambi di frequenza, rispetto a SKY che viaggia via satellite e fornisce decoder più evoluti ! (SKY è SKY !)

Intanto in questi giorni avevano acceso sul 54 da C.M. il mux 4 di TIMB, (ho letto LA7 3D), ma lo hanno "smorzato" in fretta e furia, mannaggia, io però ce l'ho già nella "batteria" di C.M. vert. ih, ih, i han da pdalér, par freghér al mitico !

[ 2 commenti ] ( 172 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 1446 )

<< <Indietro | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | Altre notizie> >>