485. Hanno aggiornato la Johansson 6700 ! 
Come promesso ( ma io non ci credevo ), sono riusciti a superare abbondantemente il limite imposto dei 32 multiplex, selezionabili con questa riuscitissima centralina programmabile super selettiva !

Quasi tutti credo, erano propensi a pensare che sarebbero riusciti ad aumentare i cluster a disposizione, passando da 32 a 50, invece no, e a pensarci bene, avrebbero dovuto riprogettare il "cuore" della macchina . . .

Allora, è proprio il caso di dire: se Maometto non va alla montagna . . .

Difatti, hanno adottato una soluzione che non mi era passata neanche lontanamente vicino al mio malridotto cervello.

E si sono detti: se non ci conviene aumentare i 32 cluster, facciamo in maniera che l'antennista possa immetterne anche DUE di canali/multiplex - adiacenti, al posto di uno solo, com'era obbligato a fare prima . . . IDEONA !!!

Così facendo, si avrebbe un potenziale di 64 multiplex, che non esistono nemmeno, e che anzi andranno in futuro sempre più riducendosi rispetto adesso.

Se si programma una coppia di adiacenti, esempio 24 + 25 ( il display li indica proprio così ) , è ovvio che non potrà esistere la possibilità della "CONVERSIONE", cosa che però rimane sempre possibile quando si sceglie una frequenza sola, com'era prima dell'aggiornamento.

Ma cosa succederà, quando per prova programmerò il 40 RAI e il 41 adiacente che ha 20 dB di meno ?

Loro dicono che faranno una somma fra le due potenze, nell'indicazione dB del display ( ? ) . . . ma come faranno che il cluster è uno solo, poi si baseranno su quello più alto per portare il livello a quello degli altri, e il povero 41 ?

Una coppia di adiacenti ( sempre obbligatoriamente ricevuti, o dalla stessa direzione o da singola antenna che "becca" da due siti non lontanissimi fra loro ), non avrà i panettoni smussati alla fine del ch. inferiore, e all'inizio del ch. superiore, quindi in fatto di dati utili, ci potrebbero anche essere dei vantaggi.

Sarà tutto da scoprire, però intanto l'"ideona" è di sicuro da ammirare, poi dicono: se non avete un mucchio di canali da inserire, si consiglia la programmazione mono-frequenza, e potevano anche meglio dire: se non ne avete più di 32 da immettere / processare ( come Bergamaschi ) . . .

E' tutto spiegato in rete da Johansson sulla pagina della 6700, come se niente fosse, non si parla di aggiornamento avvenuto ( SW 1.2.0 ), è una cosa normale, e buona grazia che l'hanno fatto, altrimenti mi toccava aspettare il 2020 - 22, che liberavano lo spazio 49 - 60, e con i miei croati in conversione, potevo finalmente piazzarli nella zona 49 - 69, senza tutte le volte liberare alcuni dei 32 cluster già impegnati, come mi tocca fare oggi.

Anche Fracarro, EmmeEsse e Offel ( che non sta neanche a farsele fare personalizzate ), sono già ready, perciò forza, comprare, comprare, comprare !

--------------------------------------------------


Ma chè Paolo, ho periziato quelle in scansia dal fornitore, ma sono ancora "alla vecchia", adesso aspetto, prossimamente ne ho 2 da montare, appena le troverò aggiornate, farò un gioco di prestigio poi farò l'articolo con le impressioni.

Mi tocca non aver fretta, farò come quello che aspetta che il cadavere gli passi davanti sulla riva del fiume . . . è un piatto che va consumato freddo.

Se qualcuno mi tirasse dietro la SD con l'aggiornamento, potrei anche avventurarmi nella procedura, ma cosa vuoi, noi anziani . . .

[ 2 commenti ] ( 103 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 782 )
484. Derivatore a otto prelievi da - 16 dB "SERIO". 

Nuovo derivatore a otto prelievi, al posto dei due seppur ottimi CAD 14 Fracarro.

Si tratta di un modello di marca "Terra" distribuito da Auriga, perdita sui prelievi di 16 dB, e di passaggio circa 4, come poi dal resto i due CAD separati.

Ho fatto alcune misure ed è perfetto, tutti veramente a - 16 dB.

L'ingresso montante è in mezzo sopra, l'uscita montante è sempre in mezzo sotto.

L'ho poi collegato a terra con un filo giallo-verde che si collega alla terra elettrica da 4 mm. dell'appartamento, che va nelle scale, poi giù in un picchetto piantato in terra con pozzetto nel corridoio delle cantine.


Splitter a due vie modello "super velox", vi entra il segnale di Barbiano UHF, e si dirama verso la cucina e la camera da letto della donna, in cucina entra in un decoder retro tv per il Mivar, in camera c'è il 32" Samsung, fenomeni non se ne riscontrano perchè, anche se non c'è separazione alcuna fra i due tuner, che si otterrebbe ovviamente collegandoli ai due posti rimasti liberi del nuovo derivatore, essendo due linee che terminano dentro a due utilizzatori, c'è una sottospecie di "carico", e il tutto regge, ma di norma non si fa mai così.

E' così per mia comodità di collegamenti, così quando armeggio con la Johansson, la donna non vedendo le immagini a mosaico, non mi stressa.


Dopo il modello da - 16 dB, si passa a quello da - 20, e mi pare non esista qualcosa che perda meno che abbia otto prelievi, e sarà meglio.

Ho provato la separazione fra due derivazioni e si sfiorano i 40 dB, chiudendo / caricando ovviamente a 75 ohm, ingresso e uscita.


[ commenta ] ( 27 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 680 )
483. Come mi arriva il ch. 56 da tre direzioni. 

Qui in casa, abbiamo il 56 di Monte Grande di Calderaro, preamplificato + 13 dB nel sottotetto, poi diviso in due per far andare anche il modulare Helman.

Notare a sinistra il ch. 54, che è poi il mux 33 che hanno quasi tutti, e andrebbe anche lui.



Qui sono i suoi dati all'uscita del 5° CAD FR qua da me, che entrano poi nel TV Samsung.



Questo è quello che dice il TV del ch. 56, che è poi quello scelto perennemente nella Johansson.



Questo è quello di Barbiano, già splittato in due nel sottotetto, e nettamente più basso del ch. 55 nella mia vasta zona a ridosso della collina, qui dentro porta Castiglione.



I dati sempre dal CAD, dopo aver programmato quello di Barbiano al posto dell'altro.



Il TV dice che va peggio.



L'emittente in questione.


Mi salvo con le ricerche, perchè prendo da Monte Grande un 50 e 56 migliori, piuttosto che da Barbiano che ce l'ho qui vicino e vanno peggio.

E la questione è poi peggiore a porta Santo Stefano e per via Murri.

---------------------------------------------------



Quello di Castelmaggiore, via Serenari ( 55 - 56 - 57 ).



I suoi dati con un C/N migliore.



La risposta del TV, alla fine quello di CSM è il migliore.

---------------------------------------------------

Andrea, il problema saltò fuori subito con la nuova pannellatura messa da Mediaset quasi 10 anni fa a Barbiano, me ne accorsi anche con gli analogici, io vedo i tralicci, nell'altra zona si nascondono dietro collinetta e vegetazione, allora vanno ancora peggio, però alla distanza vanno benissimo, è la storia della coperta corta.

Verso Castelmaggiore ho degli ostacoli in lontananza che mi imbruttiscono i panettoni provenienti dai tre tralicci di via Serenari, però i dati sarebbero buoni, gli analogici erano pieni di riflessioni.

A Barbiano c'è un'antenna con tre cortine di pannelli, ovest - NORD - est, per il sud ce n'è una in pol. verticale, ma quella a nord, cioè verso di me, doveva cominciare a rendere molto meno già in zona tangenziale, per non fare a cazzotti con Velo Veronese, solo che io risulto troppo sotto per questo progetto, e allora le frequenze dal 49 in su sono già molto basse, rispetto al resto della città dove invece sono in linea con tutti quelli della bolgia di Barbiano.

--------------------------------------------------------

Gianfranco, gli ho ricontrollati ma siamo sempre lì, chissà come ragiona il TV, che poi un po' il C/N, qualche eco che sente e che io non posso misurare, l'importante che me lo agganci durante la ricerca il decoder Technisat, poi tutti gli altri.

La diffusione via etere è sempre stata critica in presenza di ostacoli o interferenze, poi se ci si mettono anche quelli che irradiano, che lasciano zone dove il segnale è fatiscente, cosa vogliamo pretendere . . . cliente che vai, problema che cerchi di eliminare . . . fine del nostro operato, l'importante è avere la cura per ogni malanno, e col digitale terrestre facile al "mosaico", sapevo che non si rimaneva facilmente senza chiamate.

[ 5 commenti ] ( 133 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 784 )
482. Ma dove sarà 'sto benedetto centralino guasto ??? 
Anche questa va raccontata, perchè ci abbiamo messo 2 ore prima di venirne a capo.

La cliente che conosciamo da tempo, ci chiama perchè ha diversi canali che squadrettano, specie i Premium con TV nuovo e CAM.

Misuriamo e vediamo che i dati sono molto tristi, e vi sono chiari segni di "alternata", poi ci dice subito che al piano di sopra si vede benissimo, mmmh ...

Andiamo direttamente in centrale, verifichiamo l'uscita eeee GASP, funziona tutto alla perfezione senza errori, tanto meno "alternata" sospetta, e si trattava di un' Offel VHF - UHF da 40 dB, messo da noi tempo addietro.

E siamo al terzo piano, scendiamo al secondo, misuriamo e va tutto, quindi la signora aveva ragione.

C'è da dire che gli appartamenti in totale sarebbero 6, ma definirli IMMENSI è dir poco, tanto che ci faceva da guida una ragazza, aiuto della signora, praticamente un castello.

Nel frattempo salta fuori che l'appartamento 1, di fianco alla signora che invece si chiama 1 TER, perchè ha una grande terrazza, una volta era un'appartamento unico, e siamo al primo piano.

Allora splendidi, togliamo corrente all'appartamento della signora, tutto al buio, ma il segnale in presa rimane presente e ovviamente sempre tristo.

GLIP, la faccenda si complica alquanto . . . suoniamo al N° 1 che c'è uno studente in affitto dalla signora, e ci dice che anche da lui la TV non va bene, difatti misuriamo e fa lo stesso difetto.

Allora il centralino misterioso che non si trova, fu messo tanti lustri prima quando l'appartamento era unico . . . ma vallo mo a trovare . . .


Un Offel d'annata, coi famosi ingresso e uscita con prese ancora a 60 ohm

Va be, togliamo corrente anche lì, ma il segnale rimane !!!???

E adesso, con due appartamenti al buio, noi che brancolavamo nel . . . . lasciamo perdere, 200 stanze piene di tutto, come facciamo a trovare il centralino che non sappiamo chi lo alimenta e se si trova veramente al piano loro ???

Non siamo andati a cercarlo nella sala macchine dell'ascensore in cima, e neanche nelle cantine, perchè ci sembrava un po' eccessivo l'allontanamento, e anche perchè oramai eravamo quasi sicuri della sua collocazione lì a quel piano.

Io però un'ultima carta per indirizzarmi meglio verso la soluzione del caso, ce l'avevo ancora . . . vediamo se qualcuno ci arriva.

Dopo finirò il racconto.

---------------------------------------

Gianfranco l'apripista . . . idea buona se ti trovavi in un appartamento standard, ma lì erano due, per giunta vastissimi, eravamo in centro storico, chissà quanto ci avremmo messo.

Io volevo essere sicuro "che uno escludesse l'altro" ( indizio tipo "I soliti ignoti" ), quindi fortunatamente, non siamo arrivati allo smontaggio di prese TV, con infilaggio molla per vedere il percorso a ritroso, se no eravamo ancora là.

Togliendo corrente da in casa di ognuno, il centralino era ancora alimentato, ma non era fuori nel pianerottolo e neanche sotto la luce scale . . .

---------------------------------------

Nicola, il centralino di linea è quello in foto e l'alimentazione è unica e tradizionale, e dato che ho tolto corrente non simultaneamente ai due appartamenti, non c'è un sistema che mentre spegnevo uno, l'altro lo alimentava e viceversa.

---------------------------------------

Stefano, abbiamo messo un centralino da 34 dB, chiesto 240, richiesto sconto, scesi a 230, fine, quell'Offel era lì da prima del 1985, e per fortuna che non era spento, se no era più difficile trovarlo.

---------------------------------------

Paolo, al piano di sopra va benissimo, la distribuzione primaria è all'esterno della casa con 4 montanti grigi e qualche scatola stagna contenente i CAD Fracarro, l'ampli era a quel piano lì, in casa da uno dei due, ma NON l'ho scoperto grazie a un'intuizione o supposizione, bensì a una mossa logica, ed è quella che voglio sentirmi dire da voi.

---------------------------------------

E bravo Andrea, bisogna essere un po' navigati difatti, per indirizzarsi immediatamente in zona contatori, e così si è scoperto subito che era l'appartamento 1, quello dello studente.

Torno a suonare, gli chiedo se gli era mancata corrente per due secondi, lui fa sì, e gli dico che il centralino è per forza lì da lui, torniamo dentro e fa: mi sembra che ci siano delle scatole in terrazza . . . apro subito la porta finestra, e si presentano due scatolone stagne verniciate e stagionate, allora dico trovatooo, ancor prima di aprirle.

Poi si trovavano in linea d'aria a 5 metri dal quadro contatori giù nel cortile.

Quella sopra conteneva l'ampli di linea, ma il suo cavo di alimentazione scendeva in quella sotto, la apro ed era di luce col filo nero collegato lì in parallelo prima del quadretto di appartamento.

Allora abbiamo ritolto tensione, tagliato il cavo nella scatola sopra, montato una presa volante e messo il centralino nuovo.

C'è da dire che andava fatto così, se no se staccavano corrente per qualche motivo, l'appartamento della signora di fianco non vedeva più un tubo, solo che chi l'aveva mai saputo che c'era 'sto centralino per tutto il piano, per noi è stata una novità, ma se nessuno in futuro se lo ricorderà, la prossima volta ci si troverà daccapo con la macchinosa ricerca.

Ringrazio gli intervenuti nei commenti, pronti alla ricerca di un'idea risolutiva, ma non potevo aggiungere altri indizi oramai, si era già vicinissimi.

[ 8 commenti ] ( 233 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 923 )
481. Conversioni di ch. 49 in 28 ----- 47 in 29 ----- 44 in 31. 
Montato oggi una johansson 6700 a Casteldebole, scelto i mux migliori dalle antenne di Barbiano e Castelmaggiore verticale, uscita a 103 dBuV, tilt a - 9 dB, una sicurezza.

Andiamo a misurare da uno lì vicino, e vediamo subito che c'è un'avvallamento a centro banda UHF, praticamente uno "smile", un cucchiaio pesissimo che parte circa dal ch. 30, scende sempre più, poi si riprende però oramai dopo il ch. 52.

Purtroppo ci viene in mente, oramai tardi, che quella distribuzione lì ha i cavi montanti prima orizzontali intubati sotto il pavimento del terrazzo poi van giù in verticale, che hanno l'età della casa, e ne avevamo già sostituito uno che andava nella scala più lontana, diviso in due per fare le due colonne, perchè prima, la colonna più lontana faceva capo a un' altro impianto adiacente, e che non ci interessava ( ho chiuso con res. a 75 ohm ), ma volevamo togliere la questione dei due montanti sotto due centrali diverse, che scendevano nella stessa scala.

Dal "nodo" centrale partono 6 montanti, un CD 12 seguito da un div 4 dell'Helman, e si vede il nostro cavo nuovo messo due anni fa.

Le misure da chi ci aveva chiamato erano ancora più agghiaccianti, perchè oltre all'avvallamento, il cavo perdeva molto proprio di suo, e gli incolpevoli CAD 1 incolonnati reclamano segnale a gran voce.

A questo punto siam tornati su, con l'idea di fare alcune momentanee e strategiche conversioni "anti sommossa", atte almeno a far rivedere i Mediaset, che era una vita che non li vedevano più.

E qui si sono per forza visti i risicati 32 multiplex, che questa centrale per il momento riesce a darci in uscita.

Perciò, io che avevo fatto lo "spanizzo" con le frequenze impostate verso l'utenza, ho dovuto ridimensionare l'offerta togliendo il 43 e il 59, se no non ce la facevo.

Quindi adesso la sequenza UHF prescelta è la seguente:

21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, c, c, 30, c, -, 33, 34, 35, 36, 37, 38, -, 40, 41, 42, -, 44, -, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, -, -, 55, 56, 57, -, -, 60.

Con l'aggiunta di un 49 in 28 / un 47 in 29 / e un 44 in 31, che ci sembravano i più importanti da far vedere.

Solo che 29 mux in banda, più tre conversioni, fanno 32, e siamo arrivati al capolinea.

Siamo tornati nella scala adiacente dove non si vedeva una mazza, e con soddisfazione abbiamo sintonizzato 28, 29, e 31, che andavano con anche un po' di incredulità, ma sapendo che fin sul 32 il cavo rendeva ancora a sufficienza, ci siamo salvati in corner.

L'altra volta la signora non c'era, e da un'altra campione non avevamo misurato la potenza in casa, ma solo spento la centrale per essere sicuri che era sotto il nostro impianto, se no lasciavamo il semi-canalizzato ( 4 RAI con moduli Helman in UHF 1 + tutto CM vert. in UHF 2 di un Teleco 34 dB ), e ci preparavamo per la sostituzione di altre linee montanti.

Va beh, bisognerà che la memoria non se ne vada del tutto come è successo stavolta, ma purtroppo . . . se si fa lavorare oltre i 35 anni di contributi, quelli che i 35 anni li hanno lavorati tutti davvero, non ci siamo assolutamente !

Ditta "Acazzariiiii" ( Sei Uno Zero / 610 / Lillo, Greg ed Alex Braga, in onda dal lunedì al venerdì alle 13.45 su RAI Radio Due ).

Poi se Johansson verrà fuori con la possibilità di programmare oltre 50 mux in uscita, contro i 32 di adesso, sarà ancora meglio.

--------------------------------------------------


Ciao Andrea, io poi non ce l'ho neanche con la Fornero, bastava solo la regola della "quota 100", 41 + i 59 che compio il 22 Febbraio 2018, e sono già TANTI.

Adesso chi è che riuscirà a raggiungere anche solo 40 anni di contributi, praticamente nessuno, se facciamo una fatica bestia io e te ad andare in pensione.

Spero solo che non incrementino voti "i soliti idioti".

Ciao, sono influenzato e più "rinco" del solito.

[ 1 commento ] ( 64 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 807 )

<< <Indietro | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | Altre notizie> >>