TV CRT, DVB-T ready ? ..... Muoviamoci ! 
Forse tutti non sanno che... mi sto muovendo.

Avevo acquistato per me uno "zapper" DTT mod. ZAS della Televés, ( già installato per dare Rai uno DTT, modulato in 21, in un condominio ) ma non ne ero rimasto entusiasta, sopratutto per il telecomando, sottile come un cracker, e dalla risposta poco scattante... io, abituato a Mivar...

Un giorno vedo esposta da "Video..." una pila di "zapper" TELECO mod, RDT 1001 e ne prendo uno in visione a casa mia, deciso questa volta, a "torchiarlo" per benino.

Apparecchietto dal design discreto quanto funzionale, 4 led sul frontale (uno però è sempre spento, boh), però c'è scritto "ant power", quindi non avendo attivato i 5 volt dal menu, ecco perchè risulta sempre spento.

Una sola entrata antenna e una SCART, uscite audio L-R, ideale per trasformare un TV, da "analog" a "DVB ready" ( solo free ) subito, o a switch-off avvenuto, canali europei con addirittura i 3 della banda I^ ( 2-3-4 ), la bella pagina per la chiamata manuale, canale o frequenza, con sotto le 2 barre bicolore, segnale-qualità ( che non va mai oltre il 97% ), che consente la rapida escursione in sequenza, di tutti i canali VHF o UHF, controllando contemporaneamente la lunghezza raggiunta dalle barre. Promosso a pieni voti, la volta dopo, lo pago, 35 euro, ok, però mi stava sull'anima ( e sulla "coppa" ) l'acquisto incauto del Televés, allora ho chiesto se si poteva fare qualcosa per tornare indietro, e mi hanno fatto un "reso", così, ho comprato altri 2 TELECO, anche perchè la pila stava calando in maniera preoccupante... ho scucito una ridicola differenza, e via.

Sull'onda dell'entusiasmo, per paura che la "Teleco Tower" "evaporasse" del tutto, ne ho comprato poi un quarto, e per adesso mi sono fermato, ( uno: dietro il Mivar "reference" inclinato, due: sala Mivar 21, tre: Grotta, quattro: Mivar 17" in angolo ) però, hai visto mai che Rai e Mediaset, si mettano a codificare qualcosa in futuro... se andasse a finire così... quadrupla "ciavé" al prezzo di... 4, l'apoteosi dell' inchiappettatura, e mò sò c...i miei, tzé-tzé, ( Bombolo ) GLIP! (10 - 08 - 2009)

P.S. Ne ho visto uno quasi identico marcato ID Sat.


[ commenta ] ( 13 visite )   |  permalink  |   ( 3.2 / 854 )
RTL televizija e performance Televés 
Questa foto è stata scattata il 23 07 09, alle ore 0,04 al Mivar inclinato, in un momento di fortissima propagazione del canale uhf 39 o. analogico, proveniente dalla Croazia.

Tenendo presente, che come canale 5, ho proprio il 39 da M. Grande come "principale attore" fra i 3 presenti nell'impianto 23-24-39, c'è da chiedersi, con che forza stava arrivando in quel momento, per annullarlo quasi completamente con l'antenna del rotore !!!

Canale 5 in quel frangente, era piuttosto rigatino, ( condominialmente parlando ) allora mi sono catapultato sul rotore, ed ecco il risultato, gli altri canali al di là dell'Adriatico, erano a potenze solite, solo questo era a palla come non mai.

L'angolo fra Ucka e m. Grande da casa mia, è sui 90°, e quando punto la Croazia, canale 5 cala un cifra tale, da permettermi un'ottima discriminazione, sembrava quasi di vedere il MUX DTT 28, per un'attimo senza quadretti, ma vi giuro, non era lui.

Fortunatamente, anche il 28 della Rai, si trova in un punto morto, quando la loga-combi è indirizzata verso la ex-jugoslavia, avrei voluto vedere in quelle condizioni di ricezione, la tanto blasonata DAT 45 Televés, come si sarebbe comportata... ne ho beccata una installata orizzontalmente, e puntata su Castel Maggiore a Borgo Panigale in Via della Salute, mi attacco al suo cavo, mi metto in spettro UHF, e vedo una caterva di portanti tale, da farmi dire: hanno aggiunto altri canali da C.M. ?

Macchè, erano tutti quelli di Barbiano che entravano "a busso" con dei 75 dB di Rai 3 - ch 48 riflesso e tutti gli altri della "rumba barbianesca" a livelli medio-alti, allora ho sentenziato: te monta la Televés, che io, con la stessa "pilla", monto 4 loga uhf Fracarro, e qui a Bologna dirigo io!

La loga - combi però, ha un pregio, che le altre UHF non hanno: la parte dedicata all'UHF appunto, è vero che non "tira" un "pìo", ma ha come riflettore, tutti gli elementi della sezione B III - VHF, e per me, sono proprio quelli, che proteggono maggiormente dai canali posteriori più di ogni altra antenna UHF, loga UHF comprese.

I segnali di Barbiano, investivano il dipolo Televés otticamente in pieno, lo "vedevano" tutto, senza che i riflettori e gli elementi direttori, potessero in qualche modo, proteggerlo da quella particolare situazione di orientamento / angolatura.

Visto questa "magistrale" prova di direttività e discriminazione dai segnali provenienti da altre direzioni, la "performance" in questione, mi è BASTATA !

Se un MUX, mi arriva critico in zona, a diverse altezze, con una loga FR, non sarà certo un'antenna dal costo quadruplo, a darmi quel pelo in più ( magari forse chissà ), grazie al quale, io potrò permettermi di fare sonni tranquilli, riguardo la continuità di funzionamento ( impeccabile? ) di un segnale numerico, ( che era già appunto molto dubbio con una logaritmica ), lascio perdere il MUX in questione, e lo rimando a tempi migliori: Switch-off, reti SFN e K-SFN ( gap - filler ) si spera funzionanti.



[ commenta ] ( 9 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 814 )
Partitore resistivo stellare " vintage" 
Questo partitore resistivo, e suo fratello minore l'S43103 K A2 dall'attenuazione tipica di 6 dB, erano definiti nel listino SIEMENS, "partitori speciali con adattamento 75 / 75 ohm", e forse volevano intendere, che il loro impiego, garantiva una maggior capacità, di mantenere inalterata l'impedenza del circuito nel quale venivano inseriti.

Le resistenze montate su quello a 3 uscite sono da 30 ohm l'una ( arancio-nero-nero-oro ), difatti, misurandole sommate, danno 60,6 ohm, quelle di quello a 2, 20 ohm, io a casa per dividere i 3 appartamenti, ho appunto quello a 3, che attenua in media 9,5 dB, e avendolo confrontato col PP 13 Fracarro, con un differenziato 7-7-3,5 e altri induttivi o ibridi ( ? ), ha sempre vinto lui, tanto per linearità nei livelli di segnale, quanto sul rapporto tra le portanti audio-video di tutta quella "masnada" di canali che mi ritrovo.

Un'anomalia però esiste, devo ammetterlo, la linea che serve il mio appartamento, non è chiusa proprio a 75 ohm, perchè prima dei 2 CAD 14, vi è il modulatore, che col suo splitter - mix interno, falsa un po' la chiusura a regola d'arte del mio cavo, proveniente appunto, dello "stellare", però, ragàz, che misure livellate che ho lo stesso.

Un tempo era buona norma, non metter mai 2 partitori induttivi in serie, sempre un resistivo o prima o dopo, esempio: centralino TV, partitore a 2 induttivo, 2 partitori resistivi a 3 uscite, e 6 colonne di prese induttive - direzionali con 6 chiusure a 75 ohm in fondo.

Adesso sono anni e anni, che non lo fa più nessuno, compreso me, ma a casa mia, che avevo del tempo per fare tutte le prove incrociate del caso, ho potuto riscontrare che è la soluzione migliore, e ho capito il perchè si disegnavano tali schemi di distibuzione passiva.

Poi è bello sapere, che in ogni punto della casa, c'è praticamente lo stesso segnale con spettro annesso, uguale.

La Fracarro ha ancora in listino 2 "resistivi" il "P12 R" e il "P14 R", qualcuno si è mai chiesto il perché ?





[ commenta ] ( 14 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 836 )
La Mivar è troppo avanti per gli inseguitori. 
Quando c'è stata la "ricanalizzazione della banda III^ TV" in Italia, alla fine di giugno, qui a Bologna, il canale "G" ( italiano ) era già da tempo diventato un "MUX A" Rai, in digitale terrestre ( DTT ).

Lo spostamento di 2 MHz più in alto, lo ha fatto diventare un "E9" ( europeo ) facendo così sparire dagli schermi, i canali Rai 1,2,3,4, con il comprensibile disorientamento da parte dell'utenza.

Procedure complicatissime per ingannare i ricevitori,( compreso i decoder DTT ) impostando nei menù degli apparecchi, il paese dove veniva installato il tv, su "Germania", al posto di "Italia", impostazioni manuali della frequenza nuova, a saperla poi ( 205,500 ) insomma, casini a non finire!

Io avendo il Mivar flat in bagno, mi ero ritrovato come tutti, lo schermo nero con la scritta lampeggiante "manca segnale", allora ho semplicemente rifatto la ricerca automatica dei canali nella sezione "dig", e alla frequenza nuova ( 205,500 ), il tv me l'ha indicata, e mi ha di seguito "snocciolato" tutti i canali contenuti nel MUX A Rai, poi ha tirato di lungo fino alla fine, ho premuto memoria, e me gli ha rimessi visibili dov'erano prima !!!!!

Pur non avendo l'odiosa numerazione LCN.

Si vede che lui "sente" la presenza di un segnale "numerico", ne individua la frequenza di "centro canale", e te la mostra, poi fa la sua normale "scrollata" delle emittenti contenute ( qualsiasi frequenza fra standard italiano ed europeo !!! ).

Dato che, chi è in possesso di un impianto "fotovoltaico", può rivendere "l'energia in esubero", bisognerebbe che i coreani insieme ai cugini nipponici, andassero a suonare ai cancelli della MIVAR, chiedendo: Scusate, ci hanno informato che qui da Voi, c'è "dell'intelligenza in esubero", atta a complicare il meno possibile, la vita delle persone, ce ne vendereste un po'?

Quanto viene al chilo?


[ 1 commento ] ( 103 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 870 )
Una resistenza assente da anni. 
Sempre una volta, chiama una cliente abitante in un alloggio IACP case popolari, adesso ACER ( azienda case Emilia Romagna ), dove noi facciamo assistenza e manutenzione autorizzata, e mi fa notare... vede Rai uno, non si vede bello chiaro, è come sdoppiato, trascinato, guardi le scritte... vede Rai due non lo fa... e io: ohi, va proprio male, misuro in presa e si vede male, stacco il cavo che va giù a fare le altre prese e misuro gli ohm... acc. 75 precisi, vabbè signora, vado su, che l'antenna centralizzata del "quartierino" è fortunatamente proprio qui sopra, indago e torno.

Arrivo su, provo in antenna e si vede bene, provo dall'uscita della centrale, bene uguale, GOSH, e adesso dove vado ad indagare ... iiiiih, vado a destra, che la signora stà proprio da quella parte... seguo un cavo nero e incontro un derivatore a 2 prelievi per due colonne di prese, ma il montante riparte, più in là incontro un secondo derivatore a 2, ma il montante termina lì, vuoi vedere che .... tolgo il coperchio, azz, manca la resistenza di chiusura in uscita, ma da quanti anni ? ( vista la polvere )

Estraggo il portafoglio, che oltre al "frusciante" contiene sempre nel portaspiccioli, alcune resistenze, e ne metto una, poi quel tipo di derivatore, era sbagliato a prescindere, perchè era la versione non schermata dell' S 43187 KA-2, cioè quello ad attenuazioni differenziate per banda, come le prese che seguivano 10....23, dove i 23, sono i dB di attenuazione in banda prima!

Lì non c'erano, nell'impianto, conversioni in "A" o "B", se no, se ne accorgevano subito, che qualcosa non andava... ( ci sarebbe andato un meno 13 dB lineare per tutte le bande )

Arrivato giù dalla signora, Rai uno aveva cambiato "faccia", erano state bloccate le onde "stazionarie" che si formavano ( rimpallavano, causa totale assenza di "carico" resistivo ) lungo il cavo nero del sottotetto, grazie all'inserimento di una banalissima, quanto importantissima "resistenza di chiusura".

Questo per dire, quanto sia importante inserire un "carico" a 75 ohm, dove ne è prevista proprio l'obbligatorietà, e non nei prelievi inutilizzati dei derivatori in genere !

Se consegno un appartamento con 8 prese a cad Fracarro, e chi verrà ad abitarci, ne userà solo 3, ne rimarranno ben 5 libere, ( che poi dentro ai CAD Fracarro, su ogni prelievo, c'è una resistenza verso massa da 75 ohm, quindi . . . ) col cavo collegato poi, e i 3 tv, non faranno nessuna "piega" comunque.

Da questo esempio, si evince quanto siano inutili le resistenze sui prelievi, ma piuttosto obbligatorie sui montanti inutilizzati ( aperti ), preceduti da derivatori passanti, inseriti lungo lo stesso montante. ( 04 - 08 - 2009 )

[ commenta ] ( 21 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 862 )

<< <Indietro | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | Altre notizie> >>