454. Sono arrivati in scansia i decoder "T2 H265 HEVC".  
Scatola del decoder free.


Connesso al Samsung del 2011 con cavo HDMI d'obbligo.


Collegamenti posteriori con audio out digitale coassiale RCA.


Tutto acceso, perchè San Remo è San Se**.

Per servire un DEC e un TV in più, mi è toccato prolungare la linea del segnale d'antenna, che finiva qui con il CAD 14 chiuso, quindi ho aggiunto un CAD 12 e spostato la resistenza di chiusura su di lui, poi ho "pennarellato" nei due cavi, la scritta "5° CAD", e via.

Gli ultimi due CAD dell'appartamento, sono dietro la cesta tonda con sopra la scatola verde dell' Aspirina. In camera mia vi sono adesso 5 CAD FRACARRO, il primo serve le prese più lontane, e via via questi ultimi servono i TV e DECODER qui nelle vicinanze.

L'appartamento a derivatori è il massimo, e se uno ha tante prese, va fatto così.

L'ultimo che ho sistemato era: CAD 11, CAD 11, CAD 12 CHIUSO sul montante in uscita ( 4 punti di visione ), AMPLI PicoKom TELEVES da 10....20 dB con CAG fra presa TV condominiale e primo CAD, un successone !

Alla presa più lontana, c'era lo stesso spettro che si vedeva all'inizio nella presa principale, solo un pelo più alto.

Qualcuno è contro gli amplificatori di recupero segnale nell'appartamento, ma se io ho la mia scodella con 50 tortellini e si presentano altre 4 persone a mangiare da me, che faccio, distribuisco 10 tortellini a testa in parti uguali ?

Rimaniamo con la fame. Devo invece fare in modo che i tortellini diventino 250, così tutte le prese, pardon i commensali, si sazino come io se fossi rimasto da solo con i miei 50 . . . è matematico: 50 dB in presa, + 20 del PicoKom = 70, - 14 del CAD = 56, - 6 dB di cavo e transiti = 50 dB, ed ecco la stessa potenza.

Se non metto l'ampli, quei 50 diventano 30, e siamo nel fango fino al ginocchio.

Dal mio "semicanalizzato" / "larga banda" su BARBIANO, ho in arrivo sul mio montante qui in camera, prima di entrare nel primo CAD, 82 dBuV sull'E6, 85 sul 24 della RAI, 88 sul 40 e solo 70 sul 49 di MEDIASET.

Ebbene, con i 5 CAD servo 16 LINEE di TV / DECODER in casa, e qui al prelievo del 5° e ultimo CAD, ho 47 dBuV sul ch 49 di MEDIASET, che va ancora ovviamente a PALLA.

Il "segreto" è avere del buon cavo da 6,8 al di sopra di ogni sospetto, di quello che sembra sempre perdere meno del previsto ( ragionando a un tanto al palmo ), ma 16 dB di attenuazione in 100 metri, sono sempre una tranquillizzante partenza.

Rammento che il buon cavo da 5 mm. FMC ( Micro Tek ) H 121 che uso io, a 800 MHz perde 23 dB, e per me, da 16 a 23 è sempre un bel salto . . . . quindi ASSOLUTAMENTE SCONSIGLIABILE nel cablaggio di un grosso cantiere in costruzione ( condominio in genere ).

Perchè perdere potenza "GRATUITA" prima, che dopo ti vuole un ampli più potente per recuperare, questo per me è assolutamente da ALLOCCHI !

Poi non è sempre detto che ce le fai, metti che hai un mux debole in mezzo alla mischia UHF, ma di una certa importanza, e hai già l'ampli "tirato per il collo" . . . ti attacchi a "ER CA" ).

Se avessi infilato il cavo giusto da 6,8 mm. . . . ( 'MBEZéLL d'un SUMARNàZ ta ni èter ), ce l'avresti fatta !!!

Il TLC è lungo come la larghezza del DEC, 15 cm., la profondità è 10.


L'indicazione della potenza varia di molto da canale a canale, pur essendo entrato con tutti i livelli quasi pari, dati dal modulare.

Non segna potenza con i segnali LTE.

Dopo anni di decoder, questo è il primo che in assenza del mux ( canale vuoto ), non da la scala della potenza lo stesso ( perchè influenzata dai mux presenti adiacenti ).

Sarebbe il tipo di decoder ideale, da fornire al seguito di TV nuovi ma in rimanenza, e perciò sprovvisti di tuner con T2 HEVC, poi generosi, gli hanno messo anche la presa SCART.

Scalda un po', e qui in camera ci sono 18 - 19 gradi, chissà in luglio.

I canali del tuner vanno dal 5 al 12 e dal 21 al 70 ( che non esiste ).

Comincia a fare il mosaico con potenze al di sotto dei 25 dBuV, e che nello strumento manco si vede affiorare il panettone.

Sintonia notturna in standby escludibile, registrazione da penna USB, TTX, auto standby di 3 ore o "spento", menù USB: applicazioni rete ( ? ).

Peccato che la sintonia automatica ESCLUDENDO l'ordine LCN, non funziona come dovrebbe, non mi mette tutte le emittenti per ordine di MUX, dall'E5 al 60, cosa che mi serviva proprio per capire chi si era aggiunto o chi si era tolto dalla mischia.
L'ordine TV numerico è da 1 a 368, ma l'ordine delle emittenti è quello della LCN, insomma UN CASINO.
E' strano, perchè nel decoder free precedente H264 AVC, si poteva passare da LCN a NO LCN anche in un secondo tempo re-impostando nel menù "NO", senza ripetere la ricerca automatica, una magia, bah.

Se uno non è veloce a fare 501, o viene il 5 o il 50, cambio canale: 2,82 sec. all'arrivo dell'immagine.

Questo decoder poi mi serve, perchè con due Samsung vicini, è durissima NON pilotarli contemporaneamente col TLC della casa, allora col DEC nuovo, almeno il cambio canali non mi stressa.

Il decoder T2 di Europa 7, preso nel 2011 come "definitivo", adesso me lo attacco al . . . . . e non costò poco, 150 euro !

Questo gli ho dato 48 euro, un salasso, pesa come 2 pacchetti di sigarette, un furto.

Sono riuscito a memorizzare il mux 39 croato, quindi riceve anche il T2 prima maniera.

Per non deludermi, visto che siamo in Italia, mi aspetterei che prima del 2023, 23, 23, "forsemaffforse", 4 gatti accendessero qualcosa in T2 HEVC, intanto per adesso a Bologna, il NULLA assoluto.

[ 2 commenti ] ( 89 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 17 )
453. Il "multibanda" con le "stampelle". 


99 Volte su 100, tutti i mux non ci arrivano bene e all'incirca di pari potenza da un'unica direzione, però disponendo di un centralino multibanda, con almeno i tre ingressi di IV^, V^, un bel UHF, e alcuni moduli di preselezione, si è sicuri di "cavarci i piedi".

Io mi sono trovato questo "multingresso", in cui il solito 25 trasmesso da Barbiano, in zona Bologna ovest, aveva bassa potenza e dei dati insufficienti ( dai 15 ai 20 dB di potenza in meno che i mux RAI 24 e 26 ).

Allora, sfruttando la già buona idea, messa in pratica dall'antennista precedente, non ho fatto altro che aggiungere un modulo per il 25 di CAIRO DUE, prendendolo dall'antenna verticale di Castel Maggiore, che insieme al 33, sono migliori da là.

Quando un mux buono "X", supera all'interno del centralino di 25 dB lo stesso mux "X" proveniente da un'altra direzione ( e per giunta tristo ), quello buono vince, facendosi vedere da subito "alla grande" all'uscita del centralino.

Stessa cosa anche in antenna, 25 dB in più del segnale co-canale tristo e indesiderato.

Poi, dato che in Italia, il ch 40 è per tutti non in banda IV^, bisogna preselezionarlo e farlo entrare in UHF, all'occorrenza con altri "sventurati".

E visto gli ingressi 21 - 32, 34 - 60, più un risolutivo, quanto mai indispensabile UHF, chi sposa l'installazione di questo centralino, sa che difficilmente, non riuscirà ad accontentare qualsiasi richiesta di un mux "trasversale" ma anche al limite, ricevuto molto meglio da una terza antenna UHF posta defilata un po' più in là dal palo principale.

Si può fare anche la soluzione dei tre moduli RAI, 24, 26, 30, che entrano in IV^, il 40 RAI con modulo da solo che entra in V^, e tutto l'UHF 21 - 60 verticale di Castel Maggiore, che entra in UHF.

Sta nell'antennista "ACCCQQUORRT", evitare sovrapposizioni di bande altamente pericolose, e poi tutto funziona.

--------------------------------------------------


Certo che guardando il disegno, se quei moduli fossero "telealimentabili" come i vecchi SIEMENS ( fatti dall'HELMAN ), potrebbero funzionare azionando l'interruttore che è presente su ogni ingresso dei centralini Offel ( e quasi mai usato ), fornendo i 12 volt c.c..

I moduli assorbono 15 mA, progetti l'Offel per reggerne 150 mA, e metti sul mercato dei 4 celle onesti assemblabili fra loro senza base, con un jumper interno per eventuale "pre" sul bocchettone davanti come erano i SIEMENS di 35 anni fa, e si risolverebbe la ricezione da due o più direzioni UHF, una diretta con la maggioranza dei mux senza filtri, l'altra secondaria "preselezionata" per i mux mancanti dalla direzione primaria.

-----------------------------------------------------------


Che poi ad Anzola Emilia con le programmabili, si è costretti a sovrapporre il 25, programmato da solo da Serramazzoni, in conflitto con la prog. 21-----27 fatta da Barbiano, e i dati fuoriescono alla grande lo stesso, in maniera incredibile.

------------------------------------------------------------------------


I modulini di preselezione usati negli impianti "canalizzati" ( modulari ), hanno in linea di massima un transistor al loro interno, per recuperare le perdite introdotte dal circuito delle 3 / 4 / 5 celle di risonanza, con le quali si è tarato il modulo per il solo multiplex da 7 / 8 MHz che ci interessa.

Quasi sempre, se si entra con un segnale X, all'uscita si ha lo stesso segnale dell'entrata, poi l'attenuatore può portarlo anche a zero.

Quindi, se entro con 70 dBuV, e all'uscita ho sempre 70 dBuV con attenuatore al massimo, si dice che quel modulo ha un guadagno pari a 0 dB.

I moduli della serie "KF" Fracarro, guadagnano invece 11 dB, quindi presumo abbiano al loro interno due transistor.

Se il ch 40 della RAI da Barbiano mi arriva con 84 dBuV dall'antenna orizzontale dedicata, vogliamo pensare che dall'altra, messa in verticale e che punta a quasi 90° di differenza, ci siano tanto più di 55 dBuV . . . è difficile, ma comunque si tratterebbe dello stesso segnale ricevuto molto più basso e non dovrebbe costituire un eco di ritardo, perchè siamo sempre lì sullo stesso palo.

Discorso diverso se è il 40 di Monte Venda ad arrivarmi forte in zona, ma è orizzontale anche lui, quindi sarà solo un po' meno facile sovrastarlo col nostro 40 BUONO.

Le trappole dei vari "mix MEF", hanno un nucleo per canale ( 2 nel circuito passacanale ), tarato nel centro, e qualcosina fanno, ma fra quel qualcosina, e io che entro con un modulo che posso anche farlo precedere da un 10 dB di preamplificazione, preferisco la versatilità del modulo, ed è poi un sistema facilmente espandibile con altri moduli.

I centralini che io chiamo "personalizzati", non gli ho mai retti, perchè le cose col tempo cambiano.

Una volta c'erano qua da noi i "IV^ V^ e ch 48 a parte" per RAI TRE, e quando c'è stato lo switch-off e il 48 è diventato quel mux nazionale che tutti conosciamo, in molti hanno cambiato il centralino, quando invece bastava aprirlo e svitare l'unico nucleo trappolino oltre il ch 69, adesso 60, e non usare più quell'ingresso "48" ( o rifarsi un'altro mef/canale lì vicino ). . . il centralino con il MEF incorporato . . . ma va làaaaaaa.

Adesso saranno tornati all'attacco con il ch 25, allora era meglio il principio "MODULI", che aggiornavi man mano che ti chiamavano i condòmini, perchè cambiavano le cose importanti via etere ( vedi CAIRO DUE ).

Comunque, ogni zona ha le sue realtà ( vasta zona ), perciò il mercato è quanto mai variegato, ma non posso tenere in macchina TUTTO il campionario che ha il mio fornitore sulle scansie, devo avere un "qualcosa" di valido per risolvere qualsiasi questione di mal funzionamento, perchè se devo ritornare, la cosa mi secca e mi aumentano i costi.

-----------------------------------------


Beh, sì Davide, bisogna che ci sia un prodotto ad hoc, per fare presto e non spendere una fortuna, ciao.

-----------------------------------------


Sì Cesare, hai ragione in tutto, ho in tasca l'inseritore della TEKO che abbassava pure la tensione da 24 V a 12, allora ho ponteggiato la resistenza di caduta per avere ovviamente i 12, se no mi diventavano 6.

So che capovolto estrapolo "la scossa" per i moduli che vanno a 12, ma non mi è ancora capitato un caso estremo, dove ci vorrebbe un modulo per il 25 in zona Rastignano zona via Valverde: i RAI 24 e 26 a PALLA con 90 dBuV, e un 25 da 55 dBuV in verticale . . . ma sono "a tiro" . . .

Ci sono andato e ho dato tutto con un'antenna verticale TELECO, e si vedono lo stesso i 4 mux RAI, addirittura il mux 42 di E' TV, e il 25 per il quale ci avevano chiamati.

[ 6 commenti ] ( 130 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 18 )
452. CAIRO DUE da Castel Maggiore verso NORD. 
I derivatori in pressofusione, oramai tutti adatti per frequenze TV e SAT ( 4 - 2400 MHz ), dichiarano perdite di passaggio superiori rispetto a quelli terrestri di una volta, perchè si riferiscono al massimo reale dato proprio dalle frequenze IF SAT ( 950 - 2150 MHz ).

Quindi, a parità di prelievi e di attenuazione sugli stessi, qualcuno fa riferimento alle perdite su frequenze TV ( 40 - 860 MHz ), e dichiara meno, altri si basano su quelle SAT, che ovviamente sono più alte.

Poi magari, da prodotto a prodotto, vi sono reali differenze nelle perdite di passaggio dovute all'accuratezza di progetto.


Si vocifera: per servire CENTO e non solo.


Prima l'antenna era dall'altra parte del traliccio verso sud ( Bologna ).



Trasmettitori a Castel Maggiore visti da NORD

Ho fatto delle misure, ma da lì il 25 mi sembrava ancora spento, il 24 e 26 sovrastavano nettamente come al solito.

Zummando si scorge l'antenna




In cima, sempre l'antenna di Mediaset verso Bologna ( sud )


Tiltata verso il basso, per non arrivare in . . . Austria.



Clicca per vedere le principali postazioni radiotelevisive di Bologna

-------------------------------------------------------


Cesare, appunto perchè l'imbeccata partiva da te, mi sono mosso, se era di Elio dubitavo, ah, ah.

Poi lo sapevo già di un 25 imminente "sparato" verso nord, ma al pèr smorz . . . tè csà dìt ?

----------------------------------------------------------


Andrea, strano, io invece ho visto -10 dB in B III^, sullo splitter a due vie Inverto, 950 - 2150 MHz, ma effettivamente si riferivano specificatamente alla banda IF - SAT.

Tutti 'sti canali liberi in banda III^ io non li vedo, il 5 e 9 sono della RAI, il 7 mi sembra dell'estero insieme forse al 6, l'8 è una burla, il 10 non si sa, l'11 era in prova alla RAI, il 12 è del DAB.

Già non la consideriamo in tanti, se non venisse più utilizzata sarei contento, perchè , disturbi elettrici / impulsivi, finali VHF da re-installare, che facciamo, torniamo indietro ? Baaaasta, non ci sarà il T2 ? E allora, ce ne sarà di posto, basterà far sparire l'87 % dei programmi spazzatura, e hai voglia . . .

Le emittenti utili saranno una cinquantina, ce ne sono quasi 400 . . . sfoltire, sfoltire, X LEGGE !

Poi io vedo il futuro della TV sulla fibra ottica, le antenne riceventi e i trasmettitori potenti, dovranno cedere il passo, ci vorrà del tempo, ma dopo che ho visto SKY arrivare NON dalla parabola, mi sono preoccupato / convinto.

Se non arriverà via etere addirittura direttamente nelle case, dalle BTS telefoniche da circa 50 Watt, che hanno già riempito le nostre città da oltre 20 anni, come già avviene per gli smartphone e PC con chiavetta.

[ 6 commenti ] ( 117 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 19 )
451. Tutti "matti" per LA 7. 

Ecco una delle soluzioni adottate ad Anzola Emilia


Essa si basa sul fatto che da Barbiano arrivano forti solo i 4 mux RAI, gli altri sono poca roba in confronto, e il 25 è appunto bassissimo, mentre invece da Serramazzoni ci sono un po' tutti.

Allora sono stato chiamato in un posto ( dove ero andato pochi mesi prima ), per la mancata visione di "LA 7", e rispetto al disegno, mancava il MEF 25 che ho aggiunto.

Quindi siccome da Serra un po' di 25 c'era, 55 dBuV, ho sfruttato l'uscita di banda IV^ del diplexer sulla destra che era rimasta libera, perchè prima mi serviva solo come passa-banda V^.

Il diplexer potrebbe essere anche un 21-31 di IV^ e un 33-60 per la V^, così da avere più roba da Serra, e che da Barbiano sappiamo andare male.

Vi sono un po' di sovrapposizioni per via dei due ingressi UHF, ma o così a prezzo calmierato, o se hai delle pretese, ti rovini con un canalizzato, oppure semicanalizzato a 4 moduli, 24, 26, 30, 40 a 5 celle, più tutto l'UHF di Serra, e alcune accortezze del mestiere se occorrono.

Il 24, 25, e 26 nello strumento vanno per un pelo, in casa un Samsung sul 25 mi dà qualità 100, e quindi sono tranquillo.

E' appunto adesso che i nodi vengono al pettine: LA 7 è SCOMPARSA, tutti in crisi d'astinenza, chiamate da tutti i condomini a moduli, utenti che non sanno risintonizzare il TV o il decoder ( e praticamente è come se io dovessi "fare" la lavatrice, uguale ), quindi li capisco.

Se uno si trova anche l'antenna su Velo Veronese, può provare a estrapolare il 25 da lì, perchè adesso, l'importante è avere un 25 valido dalle antenne che si ha già a disposizione, e se uno è stato previdente con orientamenti dai guadagni non risicati, può sperare in bene sul fatto di non metter mano all'antenna fuori.

Questo cambio di frequenza da parte di LA 7, era stato annunciato da una vita, ma figurati se ti chiamavano per evitare i tempi di attesa di adesso . . . peggio per loro.

Io giro con una sporta di moduli TEKO, alcuni HELMAN e FRACARRO KF, ponticelli vari, una lampadina a filo con spina e tripla incorporata, per non essere mai al buio, e dove arrivo "concretizzo", LA 7 salta fuori, e dopo giù per le scale, ce ne andiamo al grido di "E adesso, al via con le sintonie ! ! !" ( Loro ! ).

E noi via di corsa verso un altro condominio della lunga lista, perchè restare senza LA 7 per diversi giorni, per molti è peggio che rimanere diversi giorni sotto la neve . . . proprio non ci arrivano a capire che nella vita ci sono tantissime cose molto più importanti che non vedere LA 7 . . . poveretti . . . che menti inferiori . . .

Io lo dicevo che col digitale non saremmo stati tanto fermi, ma questa temo che sia l'ultima vera grande botta di lavoro di corsa, perchè si tratta pur sempre di un emittente di spessore, e per tutti noi del settore è una boccata di ossigeno, avere il telefono che scotta.

Nelle programmabili, mi sono avventurato già due volte a programmare il SOLO 25 da uno dei 10 cluster, o da Castelmaggiore, o ad Anzola da Serramazzoni, pur ovviamente avendo già impegnato la programmazione in zona 21-26 o 24-26 sempre da Barbiano, e FUNZIONANO !

Noi eravamo partiti prima dello stop, quindi adesso siamo già a più di 100 interventi di aggiunte moduli per la frequenza 506 MHz del mux di CAIRO DUE, con il vantaggio di un successo a mani basse, visto la frequenza . . . "BASSA".

Un "25" va sempre giù, basta piazzarlo bene al livello del 24 e 26, e di sorprese strane, è molto difficile trovarsene in casa dalla gente.

Devo solo fare attenzione quando sono costretto a prendere il 25 da Velo Veronese, perchè si tira dietro una fettina del 26 RAI di Monte Venda, che mi va a incasinare la ricezione del 26 RAI di Barbiano per via di una porzione di dati sovrapposti che fa da eco, specie quando Velo è preamplificato sul modulo di 10 dB.

Allora lo devo tenere un po' più basso e "limare" le tarature dei due moduli 25 - 26.

Ne abbiamo ancora parecchi da accontentare . . . ma ce la faremo . . . oh se ce la faremo.

----------------------------------------------------


Ciao Andrea, sempre tra i fedelissimi.

[ 1 commento ] ( 70 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 28 )
450. Il gioco delle . . . "due carte". 
Notizia di servizio: Rientrato TOTALMENTE nei giorni scorsi, il problema del clamoroso "BUCO" di segnale di PERSIDERA nella vasta zona "SAN DONATO".
I tecnici erano tornati quasi prontamente sul trasmettitore posto a BARBIANO, e avevano sistemato un problema di "FASE" riguardante l'emissione del segnale, da parte della pannellatura nuova ( l'antenna in questione ).
Oggi 13 Gennaio, mi sono recato APPOSTA su di un impianto in via MUSOLESI 14, dove prima di NATALE, in antenna erano venuti a mancare quasi 30 dB di segnale sui canali 47, 48, 55, e ho misurato 78 dBuV su tutti i mux adiacenti dal ch 47 al 52, una precisione di pareggio con i segnali Mediaset incredibile, sembrano tutti irradiati da una stessa antenna / gestore, ma si sa che non è così.
Quindi, complimenti ai tecnici di PERSIDERA, che hanno raddrizzato il tiro in maniera precisa e molto professionale.

--------------------------------------------------------------



Banda IV^ da Barbiano e Banda V^ da Castelmaggiore + 2 interscambi ad hoc.


Quando qualcuno a tutt'oggi, rimane ancora ancorato al concetto di Banda IV^ & Banda V^ separate, poi succedono quegli incroci dove ti manca qualcosa e ti ritrovi pure cali procurati sulle frequenze di taglio del mix / diplexer, di solito 36 e 37.

Arrivo io e mi trovo l'impianto con solo il modulo del 40, il diplexer e il finale, ma sfortuna vuole che il 25 da Barbiano arrivi malaccio e con dati insufficienti, e LA 7 definitiva squadretti in casa dagli utenti.

Mi trovo in via del Giorgione, angolo via Martinelli, impianto di 4 scale, zona di Bologna ovest, di conseguenza "TRISTA" per le emissioni di EI TOWER, allora ho dovuto "arzigogolare" questa combinazione "a specchio" per quanto riguarda il 25 di CAIRO 2, come si era fatto per il 40 della RAI.

Due moduli di preselezione ( filtri attivi ) a 5 celle della TEKO / Tekmedia . . . "e ti passa la paura".

Ma se ce la fanno ( per poco ) i Mediaset sul 49 a funzionare, perchè un 25 non ce la deve fare ? Che tanto per cambiare, ho tutti i ripetitori a vista.

Non ce la fa neanche quando sono "riparato" da Velo Veronese, ma penso che in definitiva sia colpa sua per via degli echi.

Ma alza quel 25 di 3 dB, che forse va anche a Calderara di Reno, dove il problema è lo stesso ( tanto prima che superi le potenze dei 4 mux RAI . . . mo' te passa ).

Tutta quella direzione è compromessa, PERSIDERA sul 48 arriva da sempre molto meglio, ma oramai dopo il 15 - 1, per LA 7 e LA 7d, la collocazione al suo interno apparterà al passato.

Finchè c'è il Mmittico, c'è speranza . . .

-----------------------------------------------------------


Stefano, il problema era che il 25 di CAIRO 2 da Barbiano andava a quadretti, mentre di solito in altre posizioni della città VA, quindi l'ho preso da Castelmaggiore, infilandolo sulla linea dedicata alla banda IV^ di Barbiano, tramite un modulo.

Stessa cosa che era stata fatta prima da altri per il mux RAI ch 40, che da Castelmaggiore ovviamente manca.

Adesso ti ingarbuglio ancora di più la mente . . .

Se da Barbiano, ho altre frequenze in banda IV^ ( 21 - 36 ) che mi vanno male, ma che al contrario da Castelmaggiore sono perfettamente ricevibili, posso affiancare altri moduli a quello di destra del ch 25, per esempio un ch 33.

E già qui, stai dando le onde . . .

E stesso caso, se da Barbiano ho altre frequenze in banda V^ ( 37 - 60 ), che mancano o vanno male da Castelmaggiore, posso affiancare altri moduli a quello di sinistra del ch 40.

Questa combinazione consente di vedere il ch 31 in IV^, che è solo trasmesso da Barbiano, e i ch 57 e 60 in V^, che sono solo trasmessi da Castelmaggiore.

Nel disegno manca, ma vi è un attenuatore FR volante blu, sul cavo che va dall'uscita superiore del modulo del 40, all' entrata sotto al modulo del 25, questo per attenuare l'insieme dei canali di IV^ di Barbiano, perchè i RAI 24, 26, 30 sono sempre i più alti, e così facendo, anche il 25 "tristo" è calato dal "rompermi gli zebedei", riguardo all'altro ch 25 BUONO che ho selezionato da CM, con il modulo dedicato.

Di solito in quella zona, faccio tutto l'UHF da CM, poi i 4 moduli 24, 26, 30, 40, per i mux RAI, ma lì erano già "regolati" a quella soluzione, 4 scale, cavi un po' vecchi, ho preferito lasciare la configurazione esistente, con l'aggiunta "professionale" del solo 25.

Il freddo sotto zero fa brutti scherzi.

Ciao.

-------------------------------------------------------------------

Everardo, bisognerebbe sentire loro, ma BillyClay mi ha detto che è andata così, era fuori fase una "faccia" dell'antenna, e non penso si sia trattato di un collegamento dimenticato lassù, chi ci andava con questo freddo, se ne sarebbero accorti subito giù dal trasmettitore, io poi non sono del mestiere . . .

Certo che è curioso, prima un calo abissale, poi la perfezione.

CAIRO se n'è proprio andato da PERSIDERA, quando è stato installato un sistema radiante NUOVO, e che va alla stragrande, in tutto l'insieme, a BOLOGNA e dintorni, ci ha un po' rimesso . . . ma doveva migrare per ovvi motivi di indipendenza multiplex.

Ciao.

[ 7 commenti ] ( 161 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 47 )

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> >>