391. Inizio di Primavera ... preso d'assalto. 
C'eravamo praticamente lasciati con la prova in rapida sequenza, di tre antenne diverse, usando lo stesso pezzo di cavo: una triplex 21 - 60, una loga UHF, e una 43 El 21 - 60, dopo di che, tante altre prove, non è che . . .

Qualche giorno fa, guardando la mia Offel Yagi 13 elementi a gruppi di canali "ch 62 - 69", lì appoggiata alla polvere in camera mia, mi son detto: e se la porto su e la fisso verso monte Grande x il "54", posso liberarmi della convivenza con il rotore.

Tanto "sappiamo" che "andare verso il basso", anche le antenne a gruppi di canale, qualcosa di discreto "tirano", e difatti la sistemo sotto alla K 47 B ( ch 21 - 39 ) che punta a Barbiano, e verso M. Grande c'è un buon panettone . . .

Poi anche i vari 50, 52, 56 si presentavano con panettoni "pari" e valori buoni, cosa che avevo notato anche con la loga LP 45 NF FR sul palo "periscopio".

Quindi, avevo pianificato tutto il da farsi:

1°, smontare l'antennona di "Venda Show", prima di trovarmi un domani a non avere più le forze per farcela, e di conseguenza pagare poi qualcuno che venisse a farlo al posto mio ! ( Chefffigura di mm.... ).

Tanto, la K 47 A ch 21 - 32 in cima, mi serviva oramai solo per il "32" di 7 GOLD da Velo, la Stratos 6 D calava sempre "sulla destra" e mi andava meglio la loga orizz. fissa full, in ultimo, la R 47 D in verticale su C M, mi serviva proprio per il 50, 52, 56, solo che quasi ogni volta che pioveva, mi calavano drasticamente !

L'avevo fatta a 48 anni, il 7 luglio 2007, era lì da quasi 8 anni, ed era già abbastanza, vista da giù in via Castiglione, metteva sempre un po' di paura, meglio così.

Dopo questo smontaggio, intrapreso sabato mattina 21 - 3, le tre antenne ho dovuto distruggerle, c'era poco da fare, maaaaaa mi sono ritrovato con 4, e dico 4 pali tosti semi-nuovi, per il mio sistema a sviluppo telescopico "from lucernar", e qui, a pali siamo a cavallo.

2°: Togliere la "62 - 69" appena messa e tornare "alle origini", antennona K 95 D, da Barbiano, di nuovo reindirizzata verso Monte Grande, col giochino dell'abbassamento del palo "28", allentamento della K 47 B, ulteriore abbassamento fino a raggiungere le farfalle della K 95 E ch 36 - 82, girare il palo "28" con in cima l'antennona per il massimo del guadagno sul ch 56 proveniente da Monte Grande, rimettere la "36 - 82" in pieno su BAR, salire col palo e rimettere dov'era prima la "21 - 39", sempre su BAR in linea perfetta con quella sopra, nastrare il tutto e . . . FINE !

Per misurare mentre giravo lentamente il palo, avevo tagliato il cavo che usciva dal dipolo della "62 - 69" e collegato allo strumento, questo cavo che scendeva in centrale, era stato preventivamente collegato all'altro che scendeva dalla K 95 D, e giuntato con un femmina - femmina IEC provvisorio, pertanto il segnale scendeva di sotto e risaliva dal cavo nuovo messo pochi giorni prima.

Adesso da Monte Grande di Calderaro non si scherza, 60 dBuV sul ch 49, 50, 52, 54, e 58 dBuV sul 56, una favola, il 49 l'ho lasciato "su Barbiano", ma il poker preamplificato a "cubetto" HELMAN dal 50 al 56 me lo godo tutto, e va bene, adesso lascia pure che piova e "ciao" C. M. verticale ( nella mia zona, da sempre ostacolato ) !

Valori di BER pre Viterbi alla -4 -5, che peggiorano un pelino per colpa degli adiacenti, presi sempre con i moduli da altra direzione, però vanno tutti.

Ora ce n'è un TOT intercalati, 49, 51, 53, 55, da Barbiano, 50, 52, 54, 56, da M. Grande, 57 da C. M. loga vert. fissa full ( quella sotto al rotore ) . . . vallo a fare con una programmabile ! Si fa fatica con i "SUPERSELECT" a 6 celle dell'HELMAN . . .

3° Tolto questa mattina il palo "50" di base, che era rimasto abbassato e ancora fissato con le staffe a 8 EXTRA, al palone dell'anti-infortunistica del condominio adiacente, così ho potuto ottimizzare di raspa la sede dove verrà fissato, ogni volta che vorrò "volare" in alto con gli altri 3 pali in aggiunta.

E difatti come altezza, sono quasi arrivato al mio rotore, poi ho provato il "32" su Velo e con 42 dBuV, ho visto le emittenti nello strumento poggiato sui coppi, poi verso i Colli Euganei per il "28" di "La 9" che era anche più forte, ma dava qualche goccia e ho dovuto battere in ritirata.

Adesso, per fantasticare un po', ho pensato che a 60 - 70 cm. a sinistra del lucernaio, si potrebbe piazzare il "50" di base, forando il tetto con 2 converse in plastica, fare una "4 PALI" con in cima 2 loga UHF dell'Offel vecchio modello, una su Velo e l'altra su Venda, per il "32" e "28", senza controventi, tanto oscilla ma non si piega, oppure trovare un "rotorino" e piazzarci una R 95 Z con 3 controventi là in cima che "tengono l'onda".

Solo che così facendo, non avrei più modo di muovermi con il palo a periscopio . . . e mettiamo che arrivi sul mercato, un'antenna talmente rivoluzionaria che risolva tutti i problemi del DTT ( a parole ), tanto che coloro i quali avevano fatto TivùSat dalla disperazione, potrebbero, tornando sui loro passi, servirsene . . . poi io come farei a provarla, che verso Barbiano cozzerei contro un palo fisso messo da me ? ( Grrrrr / Sgrunt ).

Meglio che mi fermi a meditare e riposare.



"Precisione innanzitutto".


Filo a piombo "professional".


Quando uno è un'esperto in "seghe", anche con la "raspa" si fa dare del "VOI".


--------------------------------------


Ah, lo so Nicola, ma aveva gli elementi che "ballavano" sul posto, era enorme, al limite voleva fissa sulla ex Jugoslavia, ma qui il tetto è basso, antenne ( mie ) ovunque, in 8 anni si è pagata, poi l'Offel fa comunque la 21 - 40, a Bologna e non solo, proprio il 25 e 32 latitano nel ricomparire . . . dovevo scegliere e sgomberare . . .

"Vendo antenna di 8 anni Offel K 47 A ch 21 - 32" . . . non potevo fare un'annuncio del genere.

Cosa faccio, come quelli che hanno ancora il "FUBONE" 90 Elem. XC 91 A ( ch 21 - 28 ) in soffitta, perchè gli è rimasto dai tempi di Capodistria canale 27 dal Monte Nanos ?

Mi avevi detto dello spostamento a sinistra verso Velo, però non sapevo dei 25 anni, in un certo senso ... complimenti.

-----------------------------------


Ciao Antonio, finito l'inverno son partito in quarta, terminato lo smontaggio della 4 pali "a bandiera" altissima, son qui che mi chiedo ancora non come ho fatto, ma come avevo fatto a farla, in punta di piedi per arrivare a fissare le antenne sul palo di "28".

Adesso, dopo che avevo fatto scendere il 42 e 35, ho dovuto abbassare il palo base di mezzo metro, per smontare le antenne dal primo palo più comodamente, e mi sono imbragato dall'inizio alla linea vita che era lì ai miei piedi.

-----------------------------------------


Ciao Angelo, difatti sugli impianti un po' grandi, mi affido alle TELECO, che però hanno un fissaggio del dipolo alla culla a slitta, inforcando una vite a testa arrotondata e sotto quadrata, passante con farfalla, che quando sono in verticale . . . te le raccomando lo stesso !

Forse è più duratura quella che "fa acqua", almeno facendo corrente con la fessura sotto, si asciuga in fretta.

E' inutile, fare le cose buone che durino 30 anni, come si faceva una volta ( vedi FUBA e HELMAN ) non conviene più, non ci si riesce con la concorrenza al ribasso !

Facciamo così, per le antenne, dopo 15 anni STOP, cambiarle, per i pali buoni, dopo 15 anni, "secondo giro", a 30 CAMBIO PALI ( insieme alle antenne ) !

Io avevo messo 2 pezzettini di nastro per ridurre la fessura alla chiusura del dipolo, ma ho visto che si era solo ridotta e l'acqua entrava lo stesso e ci rimaneva pure di più, perchè faceva meno corrente per l'asciugatura.

Il dipolo non l'ho buttato via del tutto, lo recupero e . . . "ci faccio la FOTO".

Ciao.

----------------------------------


Grande Andrea, sono riuscito a farla scendere senza bruschi movimenti verso il basso, modulando attentamente con una sola vite, incredibile, merito dei pali seri.

Comunque è la vecchiaia che avanza, sbrigati che è primavera . . . un caffèlatte doppio, frullatone di fragole con spremuta di arance e zucchero il giorno prima, e affronti il mondo.

Io ho cominciato alle 10 e 30, prima ero già stato a far metano e a sbaffarmi le mazzancolle fritte ( col limone preso da casa ) al mercato di San Lazzaro, quindi ero super tonico ( si fa per dire ), ero preoccupato, invece macchè, zero imprevisti, ho allentato i tenditori che non si erano bloccati con la ruggine ( 2 su 6 ), poi è scesa piano piano, sfasciatura dopo sfasciatura, sfrattando pure un mucchio di ragnetti . . .

Lassù qualcuno mi proteggeva si vede . . . strano per un'ateo come me.

Adesso tocca a te, ciaoooooo.




[ 5 commenti ] ( 87 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 5 )
390. Ampli Televes a due uscite, con AGC e filtro LTE. 
Ne ho sempre uno in furgone, e appena mi va via lo rimpiazzo.
Adesso hanno migliorato l'avvitamento degli schiaccia calza, il controllo automatico funziona egregiamente e aggiunto un limitatore di entrata frequenze LTE 800 MHz.

Solito spettro in ingresso.


Risultato in uscita, LTE attenuata per quanto si può, saranno circa 20 dB sul mux di destra VODAFONE, ma molto molto meno su quello di sinistra WIND, e ciò non è fisicamente migliorabile, e comunque ci salverà il controllo automatico del segnale in ingresso.



Vai col VINTAGE OFFEL anni '70.


Partitore a due vie semplice.


E' quello vecchio resistivo !


Le resistenze sono da 82 ohm, poi quel condensatore farà da blocca tensioni indesiderate.

In UHF attenua 5 dB all'inizio della B^ IV^ e quasi 9 sul ch 60, quindi non molto indicato già parecchi anni fa, andava bene quando c'erano solo i due canali RAI, e la frequenza più alta usata in Italia era forse il CH 34 UHF.

Dopo negli anni, si vide lo splitter col nucleo di ferrite prendere il posto delle resistenze, e si arrivò ai soliti 4 dB canonici.

-------------------------


Stefano, avrai visto spero la notizia N° 290.

[ 1 commento ] ( 57 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 77 )
389. Confronti fra 3 tipologie d'antenna ( + le mie 2 loga - full - scars ). 
Questa mattina mi sono sbizzarrito col nuovo palo sali-scendi, per vedere quale delle tre antenne prese in esame avesse guadagnato di più.

Sorprese non ce ne sono state, semmai una gradita conferma.

La tabella che segue fa vedere da sinistra a destra, 5 antenne: la loga-full fissa posta più in alto di dove arriva il palo di prova, la loga-full rotor- orizz. ancora più in alto di 3 metri, sempre su Barbiano Offel III^ IV^ V^, e in cima al palo di prova, una alla volta, con lo stesso spezzone di cavo FMC 00399 d'annata, LP 45 NF FRACARRO, TRE + OFFEL, R 43 Z OFFEL.

La Fracarro è quella mia vecchiotta che uso anche per le prove "fuori porta", e ha ancora l'attacco in punta a morsetto ( niente "F" ).


CH------log-full-fis---log-full-rot---log FR LP 45 NF---Offel 3+---Offel R 43 Z

dBuV.

21------------74-------------77------------------83---------------82-------------81
22------------78-------------81------------------88---------------86-------------88
23------------78-------------80------------------84---------------84-------------84
24------------76-------------72------------------85---------------84-------------85
26------------78-------------72------------------83---------------83-------------84
27------------76-------------78------------------84---------------83-------------85
29------------76-------------77------------------81---------------81-------------82
30------------79-------------75------------------84---------------84-------------85
31------------74-------------72------------------80---------------80-------------81
33------------69-------------69------------------74---------------74-------------76
34------------72-------------74------------------79---------------80-------------81
35------------67-------------69------------------72---------------73-------------75
36------------69-------------69------------------72---------------74-------------75
37------------69-------------69------------------72---------------74-------------76
38------------69-------------68------------------72---------------73-------------75
39------------75-------------74------------------79---------------81-------------83
40------------78-------------77------------------79---------------81-------------83
41------------68-------------67------------------70---------------72-------------74
42------------75-------------75------------------77---------------79-------------81
43------------80-------------78------------------80---------------82-------------85
44------------67-------------67------------------69---------------72-------------73
45------------79-------------77------------------82---------------84-------------86
46------------76-------------76------------------78---------------80-------------82
47------------75-------------74------------------78---------------80-------------82
48------------75-------------73------------------78---------------79-------------81
49------------63-------------62------------------67---------------69-------------70
50------------57-------------55------------------58---------------61-------------61
51------------67-------------63------------------70---------------73-------------74
52------------59-------------56------------------59---------------63-------------64
53------------68-------------61------------------68---------------71-------------72
55------------77-------------72------------------76---------------80-------------81
56------------50-------------48------------------54---------------58-------------59
59------------76-------------72------------------75---------------80-------------80
60------------76-------------73------------------75---------------79-------------79


Le prime due antenne sono più in alto, quindi più cavo, in più guadagnano meno per il forte compromesso di bande III^ + UHF combinate e miniaturizzate.

Il match vero è quello sulle altre tre, con l'approccio "periscopico" a superamento del MURO di confine.

La LP 45 NF è una loga UHF 21 - 69, le altre due Offel sono LTE FREE 21 - 60, però fanno un lievissimo calo che nulla può se la cella è molto vicina e in direzione ( come tutte le altre dal resto ).

Per il rapporto A / I della TRE+, girandomi di 180°, tutto lo spettro cala uniformemente ma meno di 20 dB, 17 sul ch 24 come la loga Fracarro, non si scappa, e anche la R 43 Z fa quello che può.

Meno male che la R 43 Z NON si è fatta superare dalla TRE+, se no in un caso del genere, ci sarebbe stato da dire: "non c'è più RELIGIONE".

La TRE+ bianca ( dal dipolo con coperchietto rettangolare a slitta con "clic" finale ) oramai è "vecchia", costa 45 euro al pubblico, e ci sono già i modelli nuovi con gli attacchi dei dipoli a uovo gialli e bianchi, come il resto dell'antenna.

Le tre protagoniste della prova.


Cosa non si fa per seguire le mode.


C'è anche il dipolo.




Alcune foto fatte da Billy Clay.


POKER


AAAAARRRRGGGH !


Antenna veeeeeeeeecchia !!!

Ma questo pannello Fracarro è messo in verticale tramite un PV 1 ed è inclinato verso l'alto, non si è mica mosso, BELA BILLY, ce ne sono 3 di PV 1 !



FFFFFFFFIACCCCCATA!!! PAAAGAAAAAAA!!!



BUUUUUUUUUUUUUU!!!



10 RD 4 Fracarro sssssgnaaaaaac!!!


Le mie loga son differenti .................


--------------------------


Beh sì Cesare, hai ragione, ma qui si può solo fare la gara a chi guadagna di più, così uno può vedere che per esempio, in B^ IV^ se la giocano tutte e tre pressochè alla pari, poi la FR cala in V^, e che in fondo "queste triple" non sfigurano affatto.
Ma quando sei su un tetto, e hai i mux di Mediaset che ti arrivano molto peggio che a casa mia, perchè ti trovi più "sotto" a Barbiano e sai che per te si mette male . . . sai già che non esiste un'antenna magica che ti migliora anche di soli 10 dB, il rapporto fra il tuo mux e l'eco distruttivo che ti arriva in zona, quindi ti devi orientare su un'altro ripetitore, sperando ti vada meglio e che duri nel tempo.
Tutti 'sti rapporti e 'sti guadagni sempre più alti che dichiarano i costruttori . . . io non vedo dei grandi progressi dalle antenne Fuba serie XC degli anni '70 fino ad oggi, ANZI . . . !
Ciao.

---------------------------


Ezio967, ti ringrazio ma io, sembra che voglia sempre apprendere, diciamo che mi piace far vetrina sul blog, e per esempio, la fibra ottica è roba per gente giovane, io mi sento sempre più out ogni giorno che passa, potrei andar ancora bene come prestatore di mano d'opera in cantieri nuovi dalle fondamenta, come facevo una volta ... costruire tutto l'impianto da cima a fondo, fatto come va fatto!

Si vede che a Malalbergo Velo arriva basso, ma da Barbiano dovresti prendere solo i 4 mux RAI, più forse un ch 42 di E' TV.
Sarà Monte Grande di Calderaro che fa a cazzotti con Velo.
Cesare ed Elettt sono la stessa persona.
Ciao.


[ 2 commenti ] ( 74 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 53 )
388. Struttura x confronti fra antenne UHF. 
Cosa c'è in prima serata stasera ?

Il mitico nel sottotetto che fa "la verticale".

Con la bella stagione, si prevedono prove anche "in notturna" ( sera ), "tanto a me, chemmefrega" . . .


Foto di ieri sera.

Questa mattina ho fatto le rifiniture: avvitato ancora la staffa superiore, raspato con la raspa da legno curva, il trave inferiore dove poggia il palo in verticale, guadagnando quei 3 / 4 mm. di spostamento totale, da consentirmi di chiudere il cancelletto, senza che sfiori la staffa in cima.

Si abbassa il paletto di 42, fino a farlo appoggiare con la 3^ vite in basso sulla seconda staffa / cavallotto, poi si tolgono i due bulloni di 10 MA e il cavallotto alla staffa da legno in alto, e il gioco è fatto.

Io arrivo con gli occhi, fra le due travi.

Per le prove, si sta in piedi sul piano della scala, o un gradino sotto.


Cu - Cu.

Un'antenna contro a un muro, non ha mai dato dei gran risultati.




Ma è quando lo si oltrepassa di un metro abbondante, che l'antenna, vedendo benissimo i trasmettitori, riceve tutto ciò che c'è da guadagnare in quel preciso punto di altezza massima raggiunta ( con i pali a mia disposizione ).


85 dBuV sul ch 24 ( mux uno della RAI a sud ), 89 sul ch 22 . . . sulla loga full fissa, misurata lì sotto dalla centrale, ci sono oltre 8 dB di meno ( GASP, indagherò meglio, forse mi son dimenticato che "tirano" veramente poco ).

Il 24, con l'antenna girata dalla parte opposta ( Rapp. A-I ), da 85 è passato a 67, e il dato del C-BER era ancora alla -5, quindi decodificava benissimo, ma per gli altri mux, come si fa ? Lo spettro è pieno anche dall'altra direzione ( nord ) . . .

E' di fianco / lato, che le loga UHF, "TIRANO" pochissimo !

Per adesso sono 5 metri e un po', perchè il palo di testa che brilla era solo da 2 metri, ed era stato tenuto quasi tutto "dentro" da un'altro antennista, ma aspetta che trovi sempre di recupero, quello da 3 metri, e dopo "dominerò ... l'orizzonte" ( via di mezzo fra "dominerò il mondo" e "scandaglierò l'orizzonte" ).


Filo a piombo e bolla.

Gli "inviti" ( fori di aiuto ) nelle travi, gli ho fatti col trapano e una punta da ferro del 5, poi a mano, con chiave di 13 e pollicione, ho spinto avvitando contemporaneamente, per andare giù diritto in orizzontale . . .

E' un peccato non aver fatto una base fissa un po' più in là, fuori dal lucernaio, ma è evidente, che andare a "bucare" ancora il tetto, era da "cocomeri", potendo fare una "magata rimovibile" del genere.

Poi è comodissimo ( quasi ) infilare la coppia pali nel 42 corto, e salire e scendere a piacimento senza essere sul tetto in pendenza, anche perchè oramai non sono più il gatto di una volta !

Proprio sopra al lucernaio, passano 3 miei controventi e 1 del condominio di fianco che ho un po' levato di mezzo, ed è per questo che non mi ero ancora avventurato in un lavoro "per rilievi" come questo, ma prendendo coraggio, e vedendo che in fondo sarei almeno passato bene con le antenne a sbalzo, sono partito !

"Viaggiare informati".


------------------------

Antonio, l'ho fatto anche per te.
Adesso con calma, mi procuro una Offel "TRE +" bianca, che voglio "vedere" . . .
Seguiranno attente misure sul guadagno della TRE +, contro la loga FR di riferimento.
------------------------

Si Stefano, le due loga accoppiate in orizzontale fornite dalla EmmeEsse e anche dall'Offel . . . qualcosa in più daranno di sicuro, però, prendere due loga, metterle su di un traversino a U, fare due pezzi di cavo uguali, trovare un'accoppiatore che non sia un meno 4 dB . . . ma chi ne ha voglia con degli 85 dBuV nell'aria . . . guarda, mi fido, però se son ridotto così, per il DTT italiano, passo a TivùSat . . . il cliente vuole vedere possibilmente sempre, mica i "quadretti in brodo" o "A night in Tunisia" alla sera.

--------------------------


Andrea, è vero, l'avevo letto anch'io, ma specifica il libro che non lo trovo.
Vai che l'ho trovato, pag. 104, e dice testualmente:
L'uso di un'antenna collettiva ben installata da specialisti fornisce una ricezione di alta qualità ad ogni utente servito, ben superiore alla ricezione ottenibile con antenne singole affastellate, molte delle quali sono spesso abbattute dal vento e sono installate incorrettamente dal figlio del droghiere, che la sa lunga in fatto di captazione di onde elettromagnetiche e della propagazione del vettore radiante di Poynting.

Beh, parole sante, anche se neanch'io conosco questo "Pontiac" . . .

Ciao.





[ 6 commenti ] ( 138 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 91 )
387. Impianto bifamigliare "comunque complesso" e avventura. 
Sono alcuni giorni che il ch 21 da Barbiano è SPENTO ( ma lo controllo meglio stasera ) e non sembrano essercene accesi neanche a CASTELMAGGIORE, sia Ferretti che LA 9.
26 / 02 h.13:25.
Difatti oggi pomeriggio è stato spento il mux LA 9 sul ch 28, e acceso lo stesso mux sul ch 21 sia da Barbiano che da CASTELMAGGIORE, "via" Ferretti e ch 28 libero.
Adesso è rispuntato il 28 di M. Ventolone sempre di LA 9, se lo mettessero pure lui in 21 . . . 'ste estate, Croazia a noi !

----------------------------


Grazie alla neve, sono stato chiamato, perchè durante il BIG SNOW era sparito SKY, poi dopo molto era ritornato, poi era ri-scomparso definitivamente ( ?!?! ).

Arriviamo là, e c'era ancora della neve sul tetto, la parabola che era a basso vicino ai "coppi", si era spostata verso destra e pure un po' imbarcata meccanicamente ma con disco a posto, ne era venuta giù oltre mezzo metro ( Zola Predosa alta ), e scendendo lentamente aveva fatto una forza micidiale da disorientarla di circa 45°.

La palazzina era bifamigliare, l'antenna unica in casa dalla cliente, parabola unica nata per HOT BIRD e ASTRA con due LNB a due uscite e relativi switch DiSEqC, modificata in seguito abbandonando ASTRA, quindi entrambe le famiglie con sempre un cavo SAT di discesa a testa, solo per SKY dai 13° di HOT BIRD.

La cliente ha il decoder MY SKY HD, ma non è mai riuscita a registrare ( per forza ), l'altra famiglia ha il decoder SKY normale ( magari HD ).

Allora ci siamo detti, ma se sostituiamo il vecchio ALPS bifamigliare di HOT BIRD, con un bel "SCR" + LEGACY, accontentiamo la cliente che finalmente registrerà, e all'altra famiglia diamo l'uscita LEGACY, così non le cambia nulla e rivede SKY.

Ho riorientato di precisione la parabola con degli 80 dBuV, detto dal tetto alla cliente in giardino che ci stava osservando, di andare a provare se il decoder avesse ripreso a funzionare . . . dalla risposta affermativa abbiamo capito che l'avevamo momentaneamente collegata all'uscita "LEGACY", così da definire, senza scendere, qual'era la SUA linea, e di metterla a questo punto di là nell'uscita "SCR", rifinire il tutto e scendere dal tetto.

ADESSO VIENE IL BELLO !


Entrambe le famiglie, vedono il loro canale di SKY in tutta la casa, ma sopratutto, vedono anche quale canale di SKY, sta guardando l'altra famiglia di là !!!

E' un caso di modulazione "incrociata": io vedo te, tu vedi me . . . non vediamo un granchè.

Tutto ciò è possibile, grazie all'impiego di 2 modulatori e 4 diplexer TV - SAT.

Un modulatore e un diplexer sono vicino ai rispettivi decoder di SKY, in casa dalle due famiglie.

I 2 diplexer rimanenti, sono su vicino al palo e al centralino TV.

In questa maniera, tramite lo stesso cavo di discesa SAT, mentre il segnale della parabola SCENDE, il segnale del modulatore SALE.

In zona centralino viene estrapolato il segnale RF, tramite i 2 diplexer, un modulatore da basso esce in un canale VHF, l'altro in UHF.

Il centralino è un Fracarro VHF - UHF - UHF.

Nel VHF, vi entra direttamente il segnale del modulatore, perchè è stata scollegata la banda III^ verticale di Barbiano, ma è lì pronta per un UP GRADE futuro.

In un UHF, vi entra il segnale dell'altro modulatore.

Nel rimanente UHF, vi entra l'uscita di un programmatore a 3 ingressi UHF, quelli che vanno a 5 volt con la manopola, e dalle due direzioni: BARBIANO e CASTELMAGGIORE verticale, hanno scelto programmando, quanti più mux potevano.

Alla nostra cliente abbiamo settato il decoder in impianto "SCR" porte 1 e 2, se l'altra famiglia passerà al MY SKY, basterà dividere il cavo SAT in zona centralino con uno splitter 5 - 2400 MHz, e andare a settare l'altro decoder su "SCR" porte 3 e 4.

Ho descritto l'impianto dal basso in alto, ma com'è fatto, penso si sia capito lo stesso.

---------------------------------------------



_Ahò! 'Ndò stà Barbiano? De qua o de là? Mettemose d'accordo.

Per me è lo stesso antennista che le ha fatte ( Offel trio ), solo che la prima volta, c'era un gran "nebbione" e non vedeva il traliccio di Barbiano, la seconda c'era il sole eeeh . . . siamo in via Liguria.


-------------------------------


Anno 1975, ultimi derivatori Elciv, installati nelle distribuzioni TV.

Poi in quell'impianto lì, ci sono pure dei derivatori FD Fracarro, quelli resistivi da - 20 dB.
L'antenna che rifaremo, era già un ROTTAME 20 anni fa, ci hanno chiamato perchè dopo la neve le cose erano peggiorate di molto, noi con aggiustamenti mirati sulla distribuzione, abbiamo fatto il miracolo di rivedere parecchia roba, ma appunto non finisce lì.

L'impianto serve la via San Leonardo dal 2 al 12, il rottame con il centralino sono al numero 6, ma aspetta che smetta di piovere, e finalmente sapremo cosa c'è rimasto su quel tetto, anzi c'è una malconcia 6 D, una 10 GAMMA ancora su Barbiano, un pannello di banda V^ senza coperchio verso l'Osservanza, un pannellino a basso "2 PU" sempre su Barbiano, e 3 scatolotti per "MEF" tutto Fracarro.

Siccome quando piove si bagnano gli interni dei dipoli, i mux meno potenti si perdono e la gente chiama ( ma solo quella dei numeri 100 e 100/2 di Via San Vitale ).

Ieri 20 febbraio, staffe nuove da 20 cm., coppia pali da 2 + 2 metri, Offel R 43 Z su Barbiano, e cavo nuovo.

Impianto del "Comune" passato in seguito all'ACER case popolari.

-----------------------------


23 - 02 -2015.

Ci siamo finalmente accorti che i numeri 100 e 100/2 di via San Vitale, avevano veramente un'antenna loro, che è venuta giù sotto il peso della neve.

L'abbiamo avvistata sdraiata salendo sul tetto di Via San Leonardo 2 . . . dal numero 6 non si vedeva, e puntualmente quando ha ricominciato a piovere, quelli di San Vitale si sono inalberati, e difatti c'è un pannello FR 2 PU che cadendo si è messo in verticale sempre su Barbiano, e si allaga puntualmente.

Non c'è un centralino e andava tutto con il segnale dell'antenna quando era in piedi.

Sono stati quelli del numero 100 che ci dicevano convinti di essere collegati all'antenna di San Leonardo 2 ---- 12, così ci hanno ancor più confuso le nostre di per se, già annebbiate idee.

Difatti, mentre rifacevo l'antenna al numero 6, mi chiedevo come facesse un cavo normale, a raggiungere il 100 e 100/2 là in fondo e funzionare bene ( in presa c'erano 60 dB in meno, rispetto all'uscita del centralino ).

Qualcosa di sospetto ancora non mi convinceva, solo che lo spettro nello strumento era praticamente uguale a quello che partiva dal centralino del N° 6, ma per forza, Barbiano è sempre lì. e la ricezione / copertura è la stessa.

Pazienza, adesso andremo a rifare pure quella.

--------------------------------


Eccoci al 25 febbraio, abbiamo rifatto l'antenna per quelli del 100 e 100/2, mettendo una R 43 Z su Barbiano, fatto scendere il cavo dal tubo sul tetto, dove prima ne scendevano 3, quelli delle 3 antenne vecchie del palo caduto.

Solo che io mi trovo sotto in casa di quella dell'ultimo piano ( e siamo usciti da una sua finestra / abbaino ), e precisamente nell'ingresso, dove in alto vi è ancora una tavoletta con coperchio forato, che fa capire chiaramente che una volta vi era un centralino TV.

E tolto il coperchio, ci sono 5 fori da trapano nel muro, con i 3 cavi vecchi che andavano di là e 2 cavi che ritornano di qua con del segnale (prima).

Cioè, chi abitava lì una volta, non ha voluto più il centralino nel suo ingresso, qualche antennista tanti anni fa, gliel'ha portato di là dal muro, nell'ingresso di quello che sta all'altro civico, il 100/2, che adesso è DISABITATO, quindi noi non potevamo in tempi brevi accedervi.

Allora ho collegato il cavo nuovo al vecchio che andava di là dal muro, perchè l'avevamo mosso prima da su a giù, ed era quello del pannello "2 PU" FR su Barbiano ( che aveva la scatola ovale del morsetto, ridotta a una vasca da bagno ), poi ho misurato cosa mi tornava di qua dai due cavi che anche prima mi davano misteriosamente del "segnale" . . .

Morale, mi sembrava di essere davanti a un BANCOMAT, mettevi degli 80 dBuV di là dal muro, e te ne tornavano di qua 100 su due cavi :-) . . .

Evidentemente c'è un centralino già attenuato in UHF per evitare saturazione, con un partitore a due vie in uscita, e dalla mia parte, andavano pure di là nei fori insieme ai cavi, i due filettini della 220 Volt e una specie di terra giuntata con due pezzi di piattina bianca . . .

Quindi, all'inizio, il "quadro della situazione" era alquanto incomprensibile: non vedevi l'antenna, non trovavi il centralino, ma del segnale ce n'era un po', quando pioveva non vedevano più una mazza, ti dicevano che facevano capo all'antenna di Via San Leonardo, non c'era un indizio logico . . .

Le due linee con i 100 dBuV sui mux più alti, scendono in una scatola più in basso nell'ingresso, una comincia con il derivatore di quell'appartamento, poi va a fare i tre appartamenti in linea di sotto, l'altra linea va di là a pavimento e arriva in una scatola del vano scala del numero 100/2, dove c'è un derivatore a un prelievo che andrà nell'appartamento disabitato, poi il montante va giù in verticale a fare gli altri.

Erano anni e anni che ci chiedevamo come potesse arrivare del segnale utile fino in Via San Vitale . . . . . . ah par forza, c'era un'altra antenna con tanto di centralino . . .

---------------------------



6 Morsetti per . . .


. . . Una derivazione sola ?!?


DRP 5 / 1, è la sigla di questo modello, la resistenza è da 230 ohm, e attenua 10 dB.


L'ho smontato perchè uno "sveglione" vi aveva collegato altri cavi nei morsetti liberi, per dare prese aggiuntive all'appartamento.

E dato che gli altri morsetti erano "finti", perchè dietro non ci sono altre resistenze di prelievo, il segnale per induzione / vicinanza, arrivava molto più basso del dovuto.

Poi anche nelle altre colonne, si erano pure sbagliati già nel 1975 . . . come avranno fatto a vederci "bene" fino a adesso, Dio solo lo sa!

Io li ho rimpiazzati con dei gran CAD Fracarro.

----------------------



Antonio è semplice, un modulatore di una famiglia esce in un canale VHF, magari l'E7 o un "S" inferiore o superiore ( era l'E 04 / ch "B" ), l'altro dell'altra famiglia in UHF su un canale libero, forse il ch 25, o il 54, o il 65, o un "S" iperbanda ( era il ch 21 ), non lo so perchè non li ho controllati.

Quando arrivano su, entrano nel Fracarro, e tutta la casa si ritrova con 2 segnali analogici x i due canali di SKY.

Non ti sei concentrato nella lettura.

CIAO.

-------------------------------


Ciao Davide, grazie dell' "assist", non ti ho fatto rimpiangere, il tuo lavoro era perfetto, non ho variato nulla, ero lì come sai per la parabola.

Ti sei ritiratoooooo ???? Hai fatto bene !!!! Meno beghe e più giri in moto.

Comunque "Un agricoltore rubato all'antennistica" !!!

CIAOOOOOOOO.

------------------------------


Davide, alla notizia 271 si parla dell'equalizzatore dell'Offel.

Qui nella colonna a destra, c'è scritto "CERCA", ho scritto equalizzatore, ho cliccato su "VAI", e son venute fuori le notizie dove ho nominato la parola "equalizzatore", lo possono fare tutti dal loro PC.

Ciao.

-------------------------------


Antonio, io potrei anche comprarne una di Offel trio gialla, ma poi che prove attendibili potrei fare.

Si dice che le due culle di elementi esterne, proteggano quella centrale nel caso l'antenna sia messa in verticale, e si guadagni in direttività rispetto a una normale Yagi con una culla sola.

E in orizzontale aiutino per le riflessioni dal basso, ma son problemi mai riscontrati, che posso saperne ?

Io da subito, pensai che stando in orizzontale un po' sotto a una montagna, e il trasmettitore in cima ad essa, avendo tre culle, fosse come avere una normale Yagi, ma con 3 orientamenti zenitali ( elevazione ), così da carpire più segnale utile finale, ma non ho mai potuto fare delle prove convincenti, poi per la verità non ci credo proprio.

Io gironzolo, con in mano o sul palo, con una R 43 Z, poi quello che arriva arriva, per la DAT 75 Televes che ha tre culle, bisognerebbe proprio vedere se guadagna di più della R 43 Z, ma a 'sto mondo, il guadagno non è il parametro assolutamente più importante per ottenere il massimo del risultato che ci serve ( qualità dei dati digitali ), quindi . . .

Mi sembra che le trio costino pure di più delle R 43 Z, e già lì partiamo male.

Pensa se fossi in pensione, quante antenne potrei provare sul mio tetto, che se fosse veramente mio, ci farei un 3 pali solo per fare delle prove, poi lo abbasserei, due fasciature nei pali se no piove di sotto, e arrivederci alla prossima antenna . . .

Certo che se mi faccio una struttura, facilmente asportabile, lì dal lucernaio aperto, che mi consenta di posizionare la scala a V, starmene con mezzo busto fuori, e mezzo in piedi sotto sulla scala, potrei alzare 6 metri di palo ( 28 e 35 ) che stanno dentro a un 42 di base poggiato e fissato al pavimento tramite staffa, e al travone in legno orizzontale che passa di lì, un pelo dentro al perimetro del lucernaio, mi potrei ancora "divertire".

---------------------------


Antonio, più che "periscopico", telescopico.
Rapporto A / I di una "TRIO" migliore di una K 95 D ??? Non ci credo !!!
Allora vogliono proprio che faccia davvero una struttura "lucernaiesca" . . . :-))))).
Io ho la casa più bassa di quelle confinanti, sia a nord che a sud, ed è per questo che per fare delle prove attendibili fuori da ostacoli, mi devo alzare di oltre 6 metri dal lucernaio.

------------------------------


Ciao Everardo, difatti le 10 elementi a gruppi di canale, dichiaravano un rapp. av.-ind. >20 dB, e col riflettore a cortina da 4 elementi contro uno soltanto, si saliva a > 24 dB.

Me lo ricordo come se avessi in mano il vecchio catalogo N°133 di Fracarro . . .

Nel quale peraltro, vi è il grafico del rapporto av.-ind. della BLU 42 che è più ampio di quello offerto dalla BLU 90, quindi non sarebbe una novità, che un'antenna di 42, 43, 47 elementi, sul parametro rapporto A-I, si comportasse un pelo meglio della sorella maggiore 90 - 95 elementi, nonostante il guadagno sia più alto di 1 ... 3 dB.

Per me, sono tutti quegli elementi in fila davanti al dipolo, che raggranellano segnale indesiderato pur proveniente da dietro l'antenna, e questo fa si che il rapporto A - I, sia alla fine migliore in una antenna più corta di una 90 - 95 elementi.

E difatti, le antenne attorno ai 43 elementi, rappresentano da decenni il miglior compromesso spesa - resa, poi ci sono dei casi in cui, con una 95 EL. un po' fuori orientamento, catturi meglio un MUX, che se invece punti in pieno sul ripetitore, questo perchè hai degli echi indesiderati un pelo più forti, che ti fanno "sclerare" il decoder di turno.

Problema, che con l'analogico e pochissima interferenza ( trasmissione sulla stessa frequenza da due luoghi distinti ) fra due emittenti diverse, si poneva molto di rado.

C'è poco da fare, adesso con l'SFN ( singola frequenza per network ), E' PIU' DIFFICILE far funzionare tutto o quasi, come ci riusciva meglio con i vecchi segnali analogici del passato.

----------------------


Everardo, un'antennista di città quale sono io, non le ha mai viste due antenne disassate, una più avanti dell'altra, accoppiate sul piano orizzontale o in altre configurazioni atte a migliorare o il rapporto A - I, o la direttività, o il guadagno . . . il paletto di diametro 28, che attraversa le mie 95 elementi, non gli fa neanche il solletico allo spettro dello strumento, ma anche se fosse un 60, non succederebbe granchè, non è lì il problema.

Il problema è, che con un sistema di diffusione via etere terrestre per giunta in SFN, il segnale televisivo non è neanche paragonabile come numero di beghe e insuccessi, alla ricezione diretta da satellite, che è esente da ostacoli, e che con un solo "trasmettitore", ti va a coprire mezza o tutta Europa, punto !

Basta guardare in quanti si sono "attaccati" a TivùSat, chiaro segno di evoluzione trasmissiva, rispetto alle migliaia e migliaia di ripetitori a terra che si autodisturbano praticamente sempre di più da 60 anni a questa parte.

E' chiaro però, che una situazione come questa, dà da lavorare ancora per un po' agli antennisti tradizionali . . . e per fortuna !




[ 8 commenti ] ( 183 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 77 )

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> >>